happening

Guerra o pace

13 marzo 2004
ore 10:00 (Durata: 1 ore)

A un anno dall’inizio dell’ultima guerra il Pandemonium Teatro propone
GUERRA O PACE
Regia di Lisa Ferrari
Con Lisa Ferrari, Gilda Marchesi
Musiche dal vivo Gruppo Ottocento
Tecnico Luci Carlo Villa, Fonico Dario Filippi
Ingresso € 6,00

In occasione delle giornate dedicate alle manifestazioni per la pace che si concluderanno il 20 marzo, apriamo questo spettacolo, solitamente riservato al pubblico delle scuole, a tutti gli spettatori interessati a uno sguardo originale su questo terribile e pressante problema. Uno sguardo fatto di racconti, di atmosfere, di emozioni e sentimenti espressi con voci, colori e musica.

L’arte in genere si è sempre occupata degli eventi storici, gloriosi o drammatici, ed ha rappresentato un importante strumento di riflessione ed approfondimento degli stessi, nonché un punto di vista a volte sorprendente.
Se il teatro è la casa di vari linguaggi artistici, perché non approfittare di tale spazio per indagare sui problemi che l’umanità non riesce a risolvere?
“Guerra o Pace” potrebbe essere pertanto definito un happening di arti varie sul tema della guerra.
Perché happening e non spettacolo?
Perché “Guerra o Pace” non racconta una storia –semmai tante storie!- e soprattutto non la racconta nel modo in cui tradizionalmente siamo abituati a fruirla in teatro.
Perché vogliamo mostrare come letteratura, musica, arti visive si siano occupate di tale evento, ognuna con il proprio linguaggio e con la propria sensibilità, mentre il teatro diventa il loro luogo di incontro, uno spazio messo a loro disposizione sia in senso letterale -cioè fisicamente ci si incontra in teatro per ascoltare, guardare, riflettere- sia in senso professionale -cioè attori, cantanti, musicisti e tecnici si pongono come interpreti delle varie arti-.

Con la lettura ad alta voce da parte di due attrici del Pandemonium Teatro verranno proposti brani di testi di Calvino, Buzzati, Hemingway, Allende, Brown, Prevert, Ungaretti, Quasimodo, Brecht, Benni, Andrade, Hikmet, Rodari, Strada;

Con il Gruppo Ottocento si potranno ascoltare le musiche e le canzoni di De’ Andrè, mentre sul fondo sfileranno le immagini di quadri di ogni epoca e stile a cui si aggiungerà un momento fotografico dedicato alle vittime delle mine antiuomo.

Per maggiori informazioni:
Pandemonium Teatro- Elena Gatti
035 235039
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Disarmo
    24.583,2 milioni di euro esclusi i finanziamenti per le missioni internazionali e del MISE

    Questione di valori: la corsa al riarmo italiano inseguendo l'America di Biden e NATO 2030

    il termine “assenza di occidente” era presente nel Rapporto sulla sicurezza di Monaco 2020 e rifletteva il diffuso sentimento di disagio e irrequietezza di fronte alla crescente incertezza sul futuro
    19 aprile 2021 - Rossana De Simone
  • Disarmo
    Una speranza di cambiamento mondiale

    Agenda ONU per il disarmo nucleare

    Le armi nucleari sono le armi più pericolose sulla terra. Una piccola ogiva può distruggere un'intera città, ma qui parliamo di arsenali che possono sterminare centinaia di milioni di persone, mettendo a repentaglio l'ambiente naturale e la vita delle generazioni future
    14 aprile 2021 - Laura Tussi
  • Ecodidattica
    Scuole in rete per la sostenibilità ambientale

    Iniziativa pubblica di Ecodidattica

    Verrà presentata la strategia del service learning una metodologia promossa dalle Avanguardie Educative dell'’INDIRE. Appuntamento in streaming video per il 20 aprile 2021 alle ore 16. Si potrà accedere andando sul sito www.ecodidattica.it e cliccando sul bottone rosso di Youtube.
    19 aprile 2021 - Redazione Ecodidattica
  • Taranto Sociale
    A cura di Max Perrini

    Video su Taranto, l'ambiente e la salute

    Il Comitato cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto ha creato un canale su Youtube. Vi riportiamo il link per accedervi
    Redazione PeaceLink
  • Ecologia
    E' in Germania, ha 220 mila abitanti e ha creato 13 mila posti di lavoro nella green economy

    Friburgo, i sette impatti della Green City

    Non e' una citta' ma una esperienza di anticipazione del futuro; nel tempo indicativo esiste il 'futuro anteriore' e Friburgo e' qualcosa che viene prima del futuro. Questi sono i primi sette impatti che Friburgo ha avuto su di me
    20 luglio 2012 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)