happening

Guerra o pace

13 marzo 2004
ore 10:00 (Durata: 1 ore)

A un anno dall’inizio dell’ultima guerra il Pandemonium Teatro propone
GUERRA O PACE
Regia di Lisa Ferrari
Con Lisa Ferrari, Gilda Marchesi
Musiche dal vivo Gruppo Ottocento
Tecnico Luci Carlo Villa, Fonico Dario Filippi
Ingresso € 6,00

In occasione delle giornate dedicate alle manifestazioni per la pace che si concluderanno il 20 marzo, apriamo questo spettacolo, solitamente riservato al pubblico delle scuole, a tutti gli spettatori interessati a uno sguardo originale su questo terribile e pressante problema. Uno sguardo fatto di racconti, di atmosfere, di emozioni e sentimenti espressi con voci, colori e musica.

L’arte in genere si è sempre occupata degli eventi storici, gloriosi o drammatici, ed ha rappresentato un importante strumento di riflessione ed approfondimento degli stessi, nonché un punto di vista a volte sorprendente.
Se il teatro è la casa di vari linguaggi artistici, perché non approfittare di tale spazio per indagare sui problemi che l’umanità non riesce a risolvere?
“Guerra o Pace” potrebbe essere pertanto definito un happening di arti varie sul tema della guerra.
Perché happening e non spettacolo?
Perché “Guerra o Pace” non racconta una storia –semmai tante storie!- e soprattutto non la racconta nel modo in cui tradizionalmente siamo abituati a fruirla in teatro.
Perché vogliamo mostrare come letteratura, musica, arti visive si siano occupate di tale evento, ognuna con il proprio linguaggio e con la propria sensibilità, mentre il teatro diventa il loro luogo di incontro, uno spazio messo a loro disposizione sia in senso letterale -cioè fisicamente ci si incontra in teatro per ascoltare, guardare, riflettere- sia in senso professionale -cioè attori, cantanti, musicisti e tecnici si pongono come interpreti delle varie arti-.

Con la lettura ad alta voce da parte di due attrici del Pandemonium Teatro verranno proposti brani di testi di Calvino, Buzzati, Hemingway, Allende, Brown, Prevert, Ungaretti, Quasimodo, Brecht, Benni, Andrade, Hikmet, Rodari, Strada;

Con il Gruppo Ottocento si potranno ascoltare le musiche e le canzoni di De’ Andrè, mentre sul fondo sfileranno le immagini di quadri di ogni epoca e stile a cui si aggiungerà un momento fotografico dedicato alle vittime delle mine antiuomo.

Per maggiori informazioni:
Pandemonium Teatro- Elena Gatti
035 235039
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Cultura
    Da "L’anima e la notte, della poesia ed altri versi"

    Canzone per un bambino zingaro

    Dale Zaccaria continua la sua ricerca letteraria con la poesia e la prosa, scrivendo racconti e fiabe, in sinergia con altri artisti e generi come la pittura, la danza, la musica, il teatro e il video.
    25 gennaio 2022 - Redazione PeaceLink
  • Cultura
    Recensione

    Il miracolo della corda

    Una storia che non si può narrare tanto facilmente. Ma Monica, la figlia di Elvio Alessandri, riesce nel suo intento fino ad arrivare a scrivere un libello narrativo e riflessivo sulla Resistenza partigiana dei suoi cari.
    21 gennaio 2022 - Laura Tussi
  • Latina
    Honduras

    “Nessuno che abbia provato il dolore del popolo può unirsi a dei dittatori”

    Xiomara Castro invoca la difesa del risultato espresso dai cittadini nelle urne
    25 gennaio 2022 - Giorgio Trucchi
  • Conflitti
    Occorre negoziare una pace sostenibile

    La società civile globale esorta a fermare il tintinnio delle sciabole sull'Ucraina

    Entrambe le "grandi potenze" desiderano possedere l'Ucraina e rivendicare il loro "diritto" di concentrare le loro armi letali, truppe e basi ovunque lo desiderino, il più vicino possibile l'una all'altra. Entrambe oltrepassano la linea rossa del buon senso.
    25 gennaio 2022 - Yurii Sheliazhenko (Ucraina - World BEYOND War)
  • Disarmo
    Iniziativa di NoFirstUse Global

    Armi nucleari: no al "primo uso"

    In una lettera aperta, eminenti leader sollecitano le nazioni ad adottare politiche per ridurre i pericoli nucleari ed eliminare le armi nucleari. L'adozione di politiche di non-primo uso potrebbero aprire la porta a negoziati per la completa eliminazione delle armi nucleari.
    NoFirstUse Global
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)