presentazione

Raniero La Valle: "Se questo è un Dio"

29 aprile 2008
ore 17:45

Nella Libreria “La Torre di Abele”
Via Pietro Micca 22, Torino (tel 011-53 77 77)
martedì 29 aprile 2008, alle 17,45

sarà presentato e discusso col pubblico,
presente l’Autore, il libro di

Raniero La Valle
“Se questo è un Dio”
(edizioni Ponte alle Grazie, Milano)

da Enrico Peyretti, del mensile torinese “il foglio”
Bruno Quaranta, giornalista de La Stampa
Luca Savarino, presidente del Centro Evangelico di Cultura

Dice l’Autore che questa è una biografia di Dio con l’umanità. Ma di quale Dio parliamo? Non è sempre lo stesso, e spesso non è innocuo. In nome suo parlano sia Romero contro la repressione, sia i kamikaze dell’11 settembre, sia Bush per lanciare la guerra infinita. Se si sbaglia su quale Dio, l’uomo è perduto. La Valle legge le due parole, la Bibbia e la storia.
Dice anche che il Concilio non ha superato l’identificazione della chiesa col Regno. Essa non è solo in dialogo col mondo, ma è parte del mondo, che riconosce la salvezza.
La modernità fa l’ipotesi che Dio non ci sia o non si occupi dell’umanità; ma ciò non impedisce che interessi e volontà potenti se ne approprino. Ratzinger propone ai non credenti, per salvare una morale vivibile, l’ipotesi opposta: fare come se Dio ci fosse. Subito ha trovato i furbi disposti a servirsi di Dio senza credere in lui. Non sbagliarsi su Dio diventa essenziale perché la vita non sia data invano e perché al mondo non sia fatta violenza.
L’Autore propone ai lettori una risorsa di libertà con questa domanda che è antidoto alle idolatrie, che nega autorità ai signori e padroni terreni, che scongiura guerre sante e crociate.
Di solito si dà per scontato che si sappia chi è Dio, sia per affermarlo che per negarlo. Si discute delle chiese, ma non di Dio.
Dio è pensato e vissuto in innumerevoli modi, cercato e incontrato su una pluralità di vie. E forse questa varietà è proprio nei suoi disegni: lui, l’Assoluto, è il grande relativista.
Di Dio sappiamo il vuoto e la sete che abbiamo in noi. Allora, questa è anche una biografia dell’uomo, insieme a Dio. È un libro di teologia libera e laica, attenta alla profonda tradizione della fede cristiana come alla storia, profezia in cammino.
Nel tempo del “ritorno del religioso”, conviene dunque riaprire la questione di Dio. Anche la chiesa si è spesso confusa. Lo Spirito soffia dove vuole, anche fuori da chiese e religioni. Il risvegliarsi di Dio, libero da maschere e travestimenti, avviene in ogni cuore umano, che è la Bibbia di tutti, davvero di tutti.

Per maggiori informazioni:
Enrico Peyretti
011 4476757
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Pace
    TPAN e educazione civica

    Trattato Proibizione Armi Nucleari: webinar

    La finalità del webinar di PeaceLink è quella di far conoscere il trattato ONU TPAN inserito in un percorso di educazione civica e di cittadinanza globale. L’educazione alla pace deve essere inserita nell’educazione civica, partendo dal fatto che in una democrazia le regole evitano la guerra.
    25 gennaio 2021 - Laura Tussi
  • Pace
    Trattato ONU di Proibizione Armi Nucleari

    TPAN: che fare adesso

    Comunicato stampa: incontro su Internet svoltosi il 22 gennaio 2021 - azione non celebrazione
    23 gennaio 2021 - Laura Tussi
  • PeaceLink English

    What can we learn from the failure of the Alinari company?

    25 gennaio 2021
  • Ecodidattica
    I limiti per la dose tollerabile sono stati abbassati di sette volte dall'EFSA nel 2018

    Strategia comunitaria sulle diossine, i furani e i bifenili policlorurati

    "In bambini esposti a diossine e/o PCB durante la fase gestazionale sono stati riscontrati effetti sullo sviluppo del sistema nervoso e sulla neurobiologia del comportamento, oltreché effetti sull’equilibrio ormonale della tiroide, ritardo nello sviluppo, disordini comportamentali".
    24 gennaio 2021 - Redazione
  • Ecodidattica
    I numeri del cancro in Italia (vedere file allegato)

    Limiti normativi, indicazioni OMS e rischi per la salute

    La maggior parte dei risultati degli studi che hanno valutato l’impatto dell’inquinamento atmosferico sulla salute umana provengono da studi condotti in aree (italiane o straniere) in cui tali limiti di legge erano rispettati. Questa osservazione vale anche per le valutazioni del rischio oncologico
    AIOM (Associazione Italiana di Oncologia Medica)
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)