incontro

“La Via Amerina: un progetto di scavo e valorizzazione”

19 aprile 2008
ore 17:30

Il G.A.R. - Gruppo Archeologico Romano, in collaborazione con SPES - Centro di Servizio per il Volontariato del Lazio, organizza l’incontro gratuito: “La Via Amerina: un progetto di scavo e valorizzazione”. L’evento, che si svolgerà sabato 19 aprile 2008 alle ore 17.30 presso la sede di Spes in Via dei Mille 6 a Roma, è il secondo appuntamento di un ciclo di quattro conferenze pensate per sensibilizzare la popolazione sul valore del patrimonio culturale italiano.

Dal 1983 i volontari del Gruppo Archeologico Romano lavorano per il recupero e la valorizzazione della Via Amerina, che vuole essere un contributo alla realizzazione di un Parco Archeologico-naturalistico che salvaguardi insieme all’antica strada romana anche le aree di interesse storico-archeologico che si incontrano lungo il percorso. La zona interessata corrisponde a quella anticamente abitata dal popolo dei Falisci, oggi quella parte della Provincia di Viterbo divisa tra i comuni di Nepi, Castel Sant’Elia, Fabrica di Roma, Civita Castellana, Corchiano, Gallese, Vasanello, Orte. Di anno in anno, dagli scavi emergono testimonianze affascinanti di una storia solo apparentemente remota: immagini di vita quotidiana, tecniche costruttive e tecnologie, rituali magico-religiosi, organizzazione civica. Per far conoscere le scoperte archeologiche più recenti, nei mesi di luglio e agosto vengono proposte visite guidate gratuite a cura dei volontari dei Gruppi Archeologici d’Italia che partecipano alla campagna estiva di scavo della Via Amerina.

Il G.A.R. Gruppo Archeologico Romano è una organizzazione di volontariato nata con lo scopo di contribuire alla tutela, alla salvaguardia, e alla valorizzazione del patrimonio culturale italiano soprattutto attraverso il coinvolgimento e la partecipazione diretta dei cittadini.

Per ulteriori informazioni sulle attività e sul centro di documentazione è possibile contattare il G.A.R. Gruppo Archeologico Romano telefonando al numero 06.6385256, inviando una e-mail all’indirizzo info@gruppoarcheologico.it , oppure visitando il sito www.gruppoarcheologico.it

Per maggiori informazioni:
Ufficio Stampa SPES
06.44702178
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Latina

    Crisi climatica e il rischio di difendere i beni comuni

    Rapporto di Global Witness evidenzia drammatico aumento degli attacchi mortali
    19 settembre 2021 - Giorgio Trucchi
  • Disarmo
    Il Pentagono finalmente ammette l’«orribile errore»

    Il drone americano a Kabul ha fatto una strage di civili

    Un missile americano il 29 agosto ha ucciso 10 persone innocenti. Zamarai Ahmadi, obiettivo del drone, lavorava per una organizzazione umanitaria Usa. Non trasportava esplosivo, ma «taniche d’acqua per la sua famiglia». Il generale Mark Milley aveva inizialmente definito l’attacco «giusto».
    19 settembre 2021 - Marina Catucci
  • PeaceLink
    L’obiezione di coscienza di Daniel Hale

    Italiani per Hale

    L’ex analista dell'intelligence Usa è in carcere perché ha svelato i danni collaterali dei droni. Ha detto: "Abbiamo ucciso persone che non c’entravano nulla con l’11 settembre". Alex Zanotelli aderisce a questa campagna e dice: “Daniel Hale è un eroe del nostro tempo, è un dovere sostenerlo".
    18 settembre 2021 - Redazione PeaceLink
  • Sociale
    Sul programma televisivo Forum

    Basta! Anche io ora dico la mia

    Violenze maschili contro le donne, patriarcato, femminicidi anche in vita: la testimonianza di Ilaria Di Roberto – scrittrice, artista, attivista femminista radicale, vittima di violenza e cyber bullismo – dopo le parole di Barbara Palombelli.
    19 settembre 2021 - Alessio Di Florio
  • Editoriale
    Questo video mostra l’uccisione spietata di un civile disarmato afghano

    Perché la maggioranza degli afghani ha preferito i Talebani agli occidentali?

    Il noto programma TV australiano “Four Corners”, simile a “Report” e “Presa Diretta” in Italia, ha ritrasmesso il video di un soldato australiano mentre uccide un civile afghano a sangue freddo. Si riaccende la polemica intorno alle “forze speciali” e a come vengono addestrate.
    13 settembre 2021 - Patrick Boylan
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)