rassegna cinematografica

Cannes Romania

16 maggio 2008

L’attenzione che i nostri media rivolgono alla Romania difficilmente si concentra sulla straordinaria stagione che sta vivendo il suo cinema.

Eppure, nel giro di pochi anni la cinematografia romena è diventata una realtà vivace e in forte espansione. Non si tratta di un singolo regista di talento che si afferma come “autore” all’estero, ma di un’intera generazione di autori che si è imposta all’attenzione internazionale, facendo incetta di premi ai più importanti festival e a Cannes in particolare.

Il cinema del carbone – insieme alla UICC (Unione Italiana Circoli del Cinema, in collaborazione con l’Assessorato alle Pari Opportunità e Cultura delle Differenze del Comune di Mantova e l’Accademia di Romania in Roma, con il patrocinio e il contributo del Ministero per i Beni e le Attività Culturali – ha deciso di aprire una finestra sulla cinematografia romena con Cannes, Romania, una rassegna che propone alcune delle opere di questa nuova generazione di registi, la maggior parte delle quali sono ancora in attesa di trovare un distributore italiano.

La rassegna comprende cinque lungometraggi – la Palma d’Oro di Cannes 2007 4 mesi 3 settimane 2 giorni di Cristian Mungiu; California Dreamin’ di Cristian Nemescu vincitore a Cannes 2007 della sezione Un Certain Régard; A Est di Bucarest di Corneliu Porumboiu Caméra d’Or a Cannes 2006 come miglio opera prima; La morte del signor Lazarescu di Cristi Puiu vincitore a Cannes 2005 della sezione Un Certain Régard; Come ho trascorso la fine del mondo di Catalin Mitulescu, premio per la migliore interpretazione femminile – Un Certain Régard a Cannes 2006 – e cinque cortometraggi, tra cui il recentissimo vincitore dell’Orso d’Oro a Berlino 2008 Bogdan Mustat&_#259; (Una bella giornata da spiaggia).

Come evento collaterale della rassegna, segnaliamo l’incontro con lo scrittore Mihai Mircea Butcovan, autore di Allunaggio di un immigrato innamorato, storie di amori e di vita quotidiana nella Milano di oggi di un giovane immigrato romeno.

L’abbonamento alla rassegna (5 film + 2 programmi di cortometraggi) costa 10 euro; l’ingresso alla singola proiezione 5,50 euro, 4 euro per i soci del cinema del carbone.

Per maggiori informazioni:
Alessandro Della Casa
0376369860
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Pace
    Onu, 2 celebrazioni internazionali si abbracciano nello stesso giorno

    L'amicizia contro la tratta degli esseri umani

    Per una politica di pace, il 30 luglio riflettiamo sul legame che ci rende parte di altri mondi e apriamoci alla sofferenza feroce che segna altre vite
    24 luglio 2021 - Maria Pastore
  • Ecologia
    In occasione del vertice dei paesi del G20

    Lettera aperta ai ministri dell'Ambiente

    Di fronte ai sempre più frequenti disastri ambientali, dodici associazioni scrivono ai Ministri dell’Ambiente riunitisi a Napoli in questi giorni per esigere un’azione globale rafforzata e coordinata, non più rimandabile, per salvare il clima.
    23 luglio 2021 - Patrick Boylan
  • Editoriale
    Appello alla società civile

    Una riforma che favorirà l'impunità a molti inquinatori, alle cosche mafiose e alla malapolitica

    PeaceLink si associa al grido di allarme che proviene dal mondo della magistratura ed esprime forti timori rispetto alla riforma della giustizia. Se non siete d'accordo sulla riforma della giustizia condividete questo testo
    23 luglio 2021 - Associazione PeaceLink
  • Disarmo

    Leader del Congresso degli Stati Uniti spingono per una revisione progressiva della postura nucleare

    Dal team di PNND - Parliamentarians for Nuclear Non-Proliferation and Disarmament - giunge la notizia di questo importante appello indirizzato al Presidente Biden, per una revisione della Nuclear Posture Review
    22 luglio 2021 - Roberto Del Bianco
  • Economia
    Economia, occupazione, ecologia e mutamenti climatici

    L'acciaio "green" taglia del 75% la forza lavoro

    La cosiddetta "decarbonizzazione" dell'ILVA con forni elettrici basati su DRI richiede, secondo fonti sindacali, dai 350 ai 400 lavoratori per milione di tonnellate/anno di acciaio prodotte. Un taglio netto rispetto al 1.500 lavoratori per milione di tonnellate/anno di acciaio del tempo dei Riva.
    22 luglio 2021 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)