corso

Laboratorio di disobbedienza civile e ADNV azione diretta non violenta

4 dicembre 2010

Con Xavier Rénou- formatore e portavoce del movimento dei disobbedienti francesi e Pierangela Fontana, co-animatrice dell'atelier

Il principio della nonviolenza - noto anche come resistenza non violenta o disobbedienza civile- rifiuta l'uso della violenza fisica, al fine di raggiungere obiettivi sociali o cambiamenti politici. Questa forma di lotta è stata adottata in massa delle popolazioni di tutto il mondo nelle campagne per la giustizia sociale.
L'azione nonviolenta è una tecnica con cui le persone che rifiutano la passività e la sottomissione pur vedendo la lotta come essenziale, possono vincere il conflitto senza violenza. È una risposta al problema di come agire efficacemente in politica, in particolar modo come esercitare il potere efficacemente.
Il collettivo dei disobbedienti francesi* è un gruppo indipendente dai poteri politici, nato da riflessioni dei militanti pacifisti d’oltralpe in lotta contro il missile nucleare M51.

Oggi, i disobbedienti francesi fanno parte di un’organizzazione pacifista radicale molto ampia e attiva a livello europeo, che porta avanti varie azioni dirette non violente (ADNV) di forte impatto, al fine di :
- mediatizzare problematiche locali/globali di carattere sociale, economico, ambientale;
- sensibilizzare profondamente l’opinione pubblica e la leadership politica.

I militanti, nella loro veste di volontari formatori e attivisti, si affiancano anche alle denunce ed alle lotte dei movimenti locali tramite l’organizzazione di laboratori teorico-pratici ed azioni di disobbedienza civile contro leggi, poteri, politiche e pratiche ingiuste.

Xavier Rénou, attivista e portavoce dei disobbedienti francesi, sarà a Taranto per la seconda volta, dal 3 al 5 dicembre per approfondire la conoscenza del nostro territorio, continuare il lavoro iniziato con i gruppi di volontari sulle pratiche della disobbedienza civile e sperimentare ancora insieme le tecniche, sia teoriche che pratiche, di azione diretta non-violenta.

Modalità di partecipazione :

Il laboratorio teorico-pratico è rivolto a volontari e attivisti di ogni causa, giornalisti, fotografi, video maker e artisti di varia disciplina. Per partecipare è necessario registrare la propria presenza via mail - sms, lasciando i propri riferimenti.
Luogo, data e ora saranno comunicati successivamente.
Saranno ammessi massimo 25 partecipanti, di preferenza con una conoscenza sufficiente di inglese/francese. E’ comunque garantita la traduzione simultanea in italiano.
La partecipazione non ha un costo fisso, ma è richiesto un contributo secondo proprie possibilità, a copertura delle spese di viaggio e soggiorno del nostro ospite.

Per maggiori informazioni:
Pierangela Fontana
3286961341
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Latina

    Honduras, l'esodo della disperazione

    Anno nuovo, nuove carovane migranti, vecchi mali
    19 gennaio 2021 - Giorgio Trucchi
  • Editoriale
    Webinar di PeaceLink sul Trattato per la Proibizione delle Armi Nucleari (TPAN)

    Formare i docenti per educare al disarmo nucleare nelle scuole italiane

    Fra due giorni entra in vigore il TPAN. Sarà necessario un lavoro di ampia sensibilizzazione dell'opinione pubblica perché anche l'Italia aderisca. L'Educazione civica può diventare un'ora settimanale di formazione alla cittadinanza globale sulle tematiche dell'ambiente, della pace e del disarmo.
    20 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti
  • Ecologia
    A pochi giorni dall'uccisione di Agitu emerge un'altra storia di una donna dedita alla pastorizia

    Una donna controcorrente, la Pastora di Altamura

    Una storia che fa il paio con quella di Agitu e anche in Puglia si tratta di una donna. La mia generazione è cresciuta convinta che la terra non fosse un lavoro adatto alle donne anche se già allora c'erano delle eccezioni ed ora le ragazze del ventunesimo secolo sono in prima linea.
    19 gennaio 2021 - Fulvia Gravame
  • Storia della Pace
    Installati nel 1960, furono smantellati dopo la Crisi di Cuba

    Le basi dei missili nucleari Jupiter in Puglia e Basilicata

    Le basi erano 10, di forma triangolare, con tre missili ognuna. Nell'ottobre del 1961 furono colpite quattro testate nucleari da fulmini, e in due casi venne attivato il processo fisico-chimico preliminare all'esplosione (che non avvenne). Un museo della pace e della memoria è oggi possibile
    Alessandro Marescotti
  • Disarmo
    Dal territorio del nostro Paese siano eliminate tutte le armi nucleari

    L’Italia ratifichi il Trattato sulla Proibizione delle Armi Nucleari

    La presenza di tali ordigni sul territorio italiano è in contrasto anche con il Trattato di non proliferazione delle armi nucleari, al quale l’Italia ha aderito nel 1975 impegnandosi a «non ricevere da chicchessia armi nucleari né il controllo su taliarmi, direttamente o indirettamente».
    16 gennaio 2021
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)