convegno

Dal carcere alle misure alternative. La dignità dei soggetti in esecuzione penale

24 novembre 2011
ore 14:30 (Durata: 3 ore)

“Dal carcere alle misure alternative. La dignità dei soggetti in esecuzione penale”. Questo il titolo del 44° Convegno Nazionale del SEAC (Coordinamento Enti e Associazioni di Volontariato Penitenziario) che si terrà dal 24 al 26 novembre 2011 presso l’Istituto Suore di Maria Bambina in via Paolo VI 21 a Roma. I lavori si apriranno giovedì 24 alle ore 14.30.
Il convegno gode dell’Alto Patronato del Presidente della Repubblica Italiana e del patrocinio di Roma Capitale, Provincia di Roma e Regione Lazio.

I detenuti in Italia non soffrono solo a causa del sovraffollamento degli istituti penitenziari, ma anche di un sistema che mette al centro della pena solo il carcere, relegando alla marginalità le forme alternative alla detenzione. La concezione riabilitativa della pena, che ha positivamente segnato le leggi penitenziarie del nostro Paese, oggi viene spesso sostituita da misure di carattere puramente retributivo. Tutto questo in nome di una mal interpretata idea di sicurezza, anche se le statistiche assicurano che il tasso di recidiva si abbassa decisamente quando la persona detenuta può usufruire di forme alternative alla detenzione. Occorre tornare a dare piena applicazione alle leggi che rendono possibile il reinserimento sociale, mediante un impegno concertato e condiviso, in cui anche il volontariato ha una parte non marginale.

Al convegno interverranno circa 30 relatori tra magistrati, istituzioni, esponenti del DAP, medici, professori universitari e membri di associazioni.
In apertura sarà presente Franco Ionta, Capo Dipartimento Amministrazione Penitenziaria. Concluderà la tre giorni Giovanni Maria Flick, Presidente Emerito della Corte Costituzionale. Interverranno Luisa Prodi, Presidente SEAC, ed Elisabetta Laganà, Presidente Conferenza Nazionale Volontariato Giustizia.

All’interno del convegno, una sessione sarà dedicata a quattro gruppi di lavoro paralleli su: volontariato e DAP, trattamento e circolari; misure alternative per i tossicodipendenti; accesso ai diritti e alle misure alternative per gli stranieri; ospedali penitenziari giudiziari e misure di sicurezza.

Per informazioni e iscrizioni: SEAC, via Fontanarosa 17 – Roma, tel. 06.27858273 - 338.9489515, mail volontariatoseac@tiscalinet.it , web www.volontariatoseac.it

Per maggiori informazioni:
SEAC
06.27858273
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Cultura
    Da "L’anima e la notte, della poesia ed altri versi"

    Canzone per un bambino zingaro

    Dale Zaccaria continua la sua ricerca letteraria con la poesia e la prosa, scrivendo racconti e fiabe, in sinergia con altri artisti e generi come la pittura, la danza, la musica, il teatro e il video.
    25 gennaio 2022 - Redazione PeaceLink
  • Cultura
    Recensione

    Il miracolo della corda

    Una storia che non si può narrare tanto facilmente. Ma Monica, la figlia di Elvio Alessandri, riesce nel suo intento fino ad arrivare a scrivere un libello narrativo e riflessivo sulla Resistenza partigiana dei suoi cari.
    21 gennaio 2022 - Laura Tussi
  • Latina
    Honduras

    “Nessuno che abbia provato il dolore del popolo può unirsi a dei dittatori”

    Xiomara Castro invoca la difesa del risultato espresso dai cittadini nelle urne
    25 gennaio 2022 - Giorgio Trucchi
  • Conflitti
    Occorre negoziare una pace sostenibile

    La società civile globale esorta a fermare il tintinnio delle sciabole sull'Ucraina

    Entrambe le "grandi potenze" desiderano possedere l'Ucraina e rivendicare il loro "diritto" di concentrare le loro armi letali, truppe e basi ovunque lo desiderino, il più vicino possibile l'una all'altra. Entrambe oltrepassano la linea rossa del buon senso.
    25 gennaio 2022 - Yurii Sheliazhenko (Ucraina - World BEYOND War)
  • Disarmo
    Iniziativa di NoFirstUse Global

    Armi nucleari: no al "primo uso"

    In una lettera aperta, eminenti leader sollecitano le nazioni ad adottare politiche per ridurre i pericoli nucleari ed eliminare le armi nucleari. L'adozione di politiche di non-primo uso potrebbero aprire la porta a negoziati per la completa eliminazione delle armi nucleari.
    NoFirstUse Global
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)