presentazione

L'ANPI per la Libertà e la Pace - Giovanni Pesce, per non dimenticare

23 aprile 2017
ore 16:00

PRESENTAZIONE:
L'ANPI per la Libertà e la Pace - Giovanni Pesce, per non dimenticare

http://www.peacelink.it/pace/a/44253.html

ANPI Sezione di Saronno e ANPI Nova Milanese:

L'ANPI per la Libertà e la Pace

presentazione del libro

Giovanni Pesce, per non dimenticare

"Rimango quello che sono sempre stato e cerco di fare sempre il mio dovere e dare il mio contributo alla lotta per la Libertà e la Pace". Giovanni Pesce

Presentazione Libro/Dvd: Giovanni Pesce, per non dimenticare, MIMESIS Edizioni

DOMENICA 23 APRILE ore 16

SALA NEVERA della Biblioteca Civica di Saronno

Incontro con gli autori

- Fabrizio Cracolici presidente Anpi Nova Milanese

- Laura Tussi giornalista, PeaceLink - ARCI Ponti di Memoria

- Sarà presente la figlia di Giovanni Pesce, Tiziana

Nel dramma della guerra civile spagnola iniziata a metà del 1936, anche due lavoratori dell’Isotta Fraschini si arruolano nelle Brigate Internazionali e partecipano alla guerra antifascista.

Tratto dal libro “Oltre la Fabbrica” verranno narrate delle testimonianze di Giuseppe Terramagra e Giacomo Archetti caduti nel conflitto civile spagnolo.

Saranno presenti gli autori, Romano Canazza e Maurizio Cicardini


Giovanni Pesce. Per non dimenticare. Ricordo della figlia Tiziana

di TIZIANA PESCE

L’occasione per incontrarci ogni volta viene data dalla presentazione di un’intervista inedita rilasciata nell’aprile del 1983 da mio padre a Luisa Como e Giuseppe Paleari.

Grazie al progetto “Per non dimenticare” portato avanti dalle città di Nova Milanese e Bolzano e dall'instancabile impegno dei suoi referenti Fabrizio Cracolici e Laura Tussi, il filmato è stato restaurato e reso nuovamente visibile.

In questa intervista mio padre racconta la sua storia, gli anni della lotta in Spagna e nei Gap a Torino e Milano, il significato della Resistenza e la necessità di continuare a portare avanti i valori che furono alla base della sua decisione, come di tanti altri uomini e donne, di non piegarsi alla dittatura, all’odio e all’ingiustizia.

Infatti anche questa testimonianza si colloca esattamente nel quadro di quelle fonti orali che svolgono un ruolo fondamentale per ricostruire quel “filo della memoria” indispensabile per meglio intendere non solo il passato che ci precede ma anche il presente e lo stesso futuro, cui non possiamo non guardare con interesse e con fiducia, proiettandovi le nostre ansie, i nostri desideri e la nostra volontà di giustizia sociale per realizzare un mondo migliore di quello presente.

Anche in questa chiave, proiettata verso il futuro, questa testimonianza costituisce un prezioso strumento idoneo a farci conoscere meglio e ricostruire criticamente eventi, contorni di luoghi, di personaggi ed azioni altrimenti confinati in un passato che può anche apparire sordo e insondabile.

Credo che a questa testimonianza occorra comunque affiancare la lettura dei testi e dei documenti storici, e il confronto critico delle diverse esperienze storiografiche.

Solo in questa prospettiva di ricerca e di riflessione le vite e le testimonianze dei protagonisti della lotta di liberazione possono giovarci per cogliere aspetti inediti del vissuto storico.

Subito dopo la Liberazione,in un articolo, mio padre scrisse: “Noi dobbiamo 'vincere la pace'. Per questa pace i partigiani hanno combattuto fino all'estremo delle loro forze: hanno sofferto il carcere, la tortura, non solo per contribuire alla vittoria degli alleati”, convinto che il movimento di Liberazione avesse fatto fare un salto di qualità all’Italia, portando le masse popolari ad una vera coscienza politica e civile, con una forza incredibile specie tra i giovani, ragazzi e ragazze, che entrarono nella Resistenza appena 18enni, tutti così profondamente amanti della vita da lottare proprio per poter vivere liberi, ognuno con i suoi diritti, conquistati grazie ad un grande senso del dovere.

Le sue parole sono ancora molto attuali perché nuovamente ci troviamo a vivere un momento storico e politico che ci pone di fronte a nuove fratture, nuovi soprusi e ingiustizie; stiamo nuovamente vivendo un momento in cui si cerca di distruggere il senso di comunanza, solidarietà e fratellanza tra gli uomini.

La guerra in Spagna, le Brigate Internazionali, sono la dimostrazione perfetta dello spirito di solidarietà e fratellanza che si aggirava per l’Europa in quegli anni: uomini di ogni nazionalità che erano pronti a sacrificare la propria vita per garantire la libertà e la dignità di un paese straniero, perché certi ideali non hanno confini.

Ieri come oggi.

In questa intervista mio padre spiega chiaramente che la coscienza politica non nasce da sola ma va educata. La sua educazione avvenne nelle pericolose e buie miniere francesi, durante le azioni in Spagna, nella costrizione del confino di Ventotene e durante la lotta gappista.

E’ da questa educazione politica che nascono i valori morali e politici che portarono alla difesa continua delle libertà civili di tutti i popoli e di tutti gli individui, alla condanna delle guerre e del terrorismo.

Questo è il punto di partenza da cui mosse mio padre e come lui tanti altri uomini e donne per garantire la pace.

Da qui dobbiamo ripartire noi oggi, dall’educazione morale e politica delle nuove generazioni, perché la lotta per la libertà non si è esaurita con il 25 aprile 1945, è una lotta senza fine perché costantemente minacciata, oggi come allora, da coloro che, attraverso il terrorismo, la paura, le bombe, l'energia nucleare, cercano di instaurare un controllo restrittivo sui nostri diritti e libertà.

Mio padre durante la guerra di Liberazione aveva a sua disposizioni pistole, esplosivo, bombe, ma non erano solo queste le armi che adoperò nella lotta: come lui stesso dice, furono fondamentali l’intelligenza, il coraggio, il senso di responsabilità.

Armi che sono a nostra disposizione oggi e che noi dobbiamo insegnare, tramandare alle nuove generazioni, a maggior ragione ora che si cerca di instaurare un clima di terrore in una situazione politica già molto destabilizzata e complicata, portando all’esasperazione l’individualismo e soffocando il senso di solidarietà verso profughi bisognosi, meschinamente accorpati al nuovo terrorismo.

Come diceva mio padre “Allora era la lotta contro il nazismo e il fascismo, per liberare il nostro paese, oggi è la lotta contro coloro che vorrebbero impedire di portare a compimento gli ideali per cui noi abbiamo lottato e abbiamo combattuto”.

Il coraggio di mio padre nacque dalla visione diretta delle sofferenze degli uomini, dall’aver provato sulla propria pelle i soprusi dei potenti sui deboli.

Noi dobbiamo fare nostro e tramandare questo coraggio attraverso la conoscenza della storia, quella con la “S” maiuscola e quella di ogni singolo uomo o donna che ha lottato per la nostra libertà: dobbiamo imparare il coraggio dal loro esempio, comprendere come decisero di mettere a rischio le proprie vite per garantire la libertà del paese non solo in quegli anni di guerra ma nel futuro.

Raccontare alle nuove generazioni chi furono e cosa fecero uomini come mio padre, come Dante Di Nanni, i fratelli Rosselli, i sette fratelli Cervi, Nenni, Pertini, Togliatti, Amendola, solo per citarne alcuni, significa non solo consegnare a nuove menti e nuovi cuori il ricordo di quei giorni e di quei pensieri ma dare loro anche dei modelli a cui ispirarsi, da cui prendere esempio, in cui trovare fiducia, motivazioni e coraggio.

Non tradire i valori della Resistenza significa avere sempre ben presente i valori e gli ideali che ne furono fondamenta. Valori e ideali che devono sempre restare vivi, arricchirsi di voci e pensieri, estendersi in quei luoghi, in quelle situazioni in cui ancora imperversa la miseria, l’ignoranza, l’ingiustizia, dove la dignità viene calpestata e il forte schiaccia il debole, dove si vive nell’oscurità e il sole dell’avvenire deve ancora sorgere.

Permettetemi di concludere questo mio discorso condividendo con voi anche l’emozione che ho provato guardando la copertina del libro con il volto di mio padre, il suo sguardo e soprattutto i suoi occhi, ricchi di umanità, di semplicità, e di grande generosità, come è stata la sua vita, e con un pensiero a mia madre, la sua staffetta Sandra, che lui ricorda nell’intervista.

Insieme hanno contribuito a ridare dignità al nostro Paese e, senza voler essere retorica ma con sincerità e amore filiale, non smetterò mai di dire e di sentirmi orgogliosa di loro.

Note:

su NUOVA RESISTENZA:

http://www.nuovaresistenza.org/2016/10/10/giovanni-pesce-per-la-nuova-resistenza-con-vittorio-agnoletto-fabrizio-cracolici-laura-tussi/

su AgoraVox:

http://www.agoravox.it/Giovanni-Pesce-per-la-Nuova.html

su IlDialogo.org:

http://www.ildialogo.org/cEv.php?f=http://www.ildialogo.org/appuntamenti/indice_1476439047.htm

su Nuova Informazione Indipendente:

http://www.ninin.liguria.it/2016/10/21/leggi-notizia/argomenti/cultura-2/articolo/giovanni-pesce-per-la-nuova-resistenza.html

Per maggiori informazioni:
Claudio Castiglioni
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

  • ago
    25
    dom
    evento

    Planet vs Plastic

    Casa della Memoria Milano, Federico Confalonieri 14, 20124 Milan - Milano (MI)
    Planet vs Plastic
    Le immagini di Planet vs Plastic vogliono rappresentare il racconto di una sfida sempre più attuale: l'autorevole rigore, la maestosa armonia, ...
  • ago
    25
    dom
    evento

    Nel mio giardino il mondo

    Monte Sant'Elia-Oasi WWF, SP Mottola - Martina Franca, 74016 Massafra - Massafra (TA)
    Nel mio giardino il mondo
    Incontro di educazione ambientale. Presentazione del libro di Irene Penazzi "Nel mio giardino il mondo"
  • ago
    30
    ven
    evento

    Critical Mass

    Piazza Vittorio Emanuele II, 00185 Roma RM, Italia - Roma (RM)
    Critical Mass
    Appuntamento per la Critical Mass ogni ultimo venerdì del mese alle ore 19.00 @ piazza Vittorio ...
  • set
    4
    mer
    evento

    Marcia "Restiamo Umani" a Palermo

    Palermo - Palermo (PA)
    Marcia "Restiamo Umani" a Palermo
    Passaggio della Marcia "Restiamo Umani" a Palermo e dintorni
  • set
    6
    ven
    evento

    Presidio in difesa della salute e dell'ambiente

    Centro Direzionale Napoli, centro direzionale, 80143 Naples - Napoli (NA)
    Presidio in difesa della salute e dell'ambiente
    Ultimi aggiornamenti del 24 luglio: COMUNICATO STAMPA DEL COMITATO "STOP ALLO SCEMPIO AMBIENTALE - GIUGLIANO": ufficialmente rinviata la Conferenza ...
  • set
    8
    dom
    evento

    CicloPasseggiando Giugliano al Sannio Bike Tour di CastelVenere

    Piazza Antonio Gramsci, 80014 Giugliano in Campania NA, Italia - Giugliano in Campania (NA)
    CicloPasseggiando Giugliano al Sannio Bike Tour di CastelVenere
    CicloPasseggiando Giugliano al Sannio Bike Tour di Castelvenere (BN)... Domenica 8 Settembre 2019 Partenza alle ore 7,00 da Piazza Gramsci
  • set
    13
    ven
    evento

    In ricordo di Don Peppe Diana e Giancarlo Siani

    Agesci Bologna, Via rainaldi 2A - Bologna (BO)
    In ricordo di Don Peppe Diana e Giancarlo Siani
    Aprite le vostre agende: Giovedì 11 alle 21! Non dimentichiamo, non lasciamo che le cose ci passino attraverso Per gli scout: è ...
  • set
    14
    sab
    evento

    Un Calcio Al Razzismo - In Torneo per Italo - 2019

    Club Milano, Via Sant'Abbondio 4 - Milano (MI)
    Un Calcio Al Razzismo - In Torneo per Italo - 2019
    Un Calcio Al Razzismo - In Torneo per Italo - Quarta edizione! Una giornata di calcio e #PartecipAzione per continuare a ricordare Italo ...
  • set
    14
    sab
    presentazione

    Memoria, migrazione, radici: il Partigiano Bacio

    presso l'Auditorium: Via Olimpiadi, 42 Anguillara Veneta - Padova, paese di origine di Bacio - Anguillara Veneta (PD)
    Memoria, migrazione, radici: il Partigiano Bacio
    Presentazione del Libro Un Racconto di Vita Partigiana. La storia di Bacio strtoupper(" Memoria, migrazione, radici: il Partigiano Bacio ") ...
  • set
    21
    sab
    presentazione

    "Riace. Musica per l'Umanità".Con intervista esclusiva a Mimmo Lucano

    presso Rogno - Bergamo, Zona Feste - Rogno (BG)
    "Riace. Musica per l'Umanità".Con intervista esclusiva a Mimmo Lucano
    Festa CGIL - Vallecamonica Sebino. Presentazione in Anteprima del libro strtoupper(""Riace. Musica per l'Umanità".") ...
  • set
    27
    ven
    evento

    3º Sciopero Globale per il Clima

    Piazza della Scala - Milano (MI)
    3º Sciopero Globale per il Clima
    Siamo arrivati al 3º capitolo della mobilitazione mondiale per la crisi climatica e ambientale. Non siamo mai stati solo ragazz* e student* a ...
  • ott
    5
    sab
    evento

    Festival della Nonviolenza e della Resistenza civile - Torino

    Via Garibaldi, 13 - TORINO - TORINO (TO)
    Festival della Nonviolenza e della Resistenza civile - Torino
    Centro Studi Sereno Regis, PeaceLink, Disarmisti Esigenti: strtoupper(" Festival della Nonviolenza e della Resistenza civile - Torino ") La ...

Ricerca eventi

Dal sito

  • Ecologia
    Con la musica ha parlato anche della tragedia di Bhopal

    Sofia Ashraf: la rapper indiana che attacca le multinazionali

    Il 30 luglio 2015, lanciò su YouTube un singolo di denuncia contro la multinazionale Unilever accusata, 14 anni fa, di contaminare con il mercurio la popolazione di Kodaikanal, nel sud dell’India.
    2 agosto 2019 - Théo Chapuis
  • Storia della Pace
    Emilio Bacio Capuzzo ci ha lasciato quasi due anni fa

    Il Partigiano Bacio

    Con Laura Tussi e Fabrizio Cracolici, il partigiano deportato Emilio Bacio Capuzzo ha testimoniato in più di 200 presentazioni del libro Un racconto di vita partigiana. Si recò in numerose scuole, ma anche in moltissimi istituti scolastici della Lombardia e di altre regioni
    8 agosto 2019 - Anna Marini
  • Storia della Pace
    Attivista e donna di cultura

    Simone Weil, una vita di generosita' e abnegazione

    Ricorre il 24 agosto l'anniversario della scomparsa, nel 1943, di Simone Weil, pensatrice somma, testimone di pace, resistente antifascista, maestra di nonviolenza.
    24 agosto 2019 - Peppe Sini ("Centro di ricerca per la pace, i diritti umani e la difesa della biosfera" di Viterbo)
  • Ecologia

    Sui rifiuti di plastica la Germania si illude

    I tedeschi si ritengono i precursori del riciclo, ma a torto. Neppure il logo dei drugstore con cui le aziende produttrici stanno facendo greenwashing serve a migliorare la situazione.
    22 agosto 2019 - Michael Kläsgen
  • Migranti
    I migranti della Open Arms sbarcano a Lampedusa su ordine della magistratura che apre un'inchiesta

    "Il governo razzista è caduto"

    Comunicato di Peppe Sini, animatore del "Centro di ricerca per la pace, i diritti umani e la difesa della biosfera" di Viterbo. "L'Italia torni ad essere una repubblica democratica, un paese civile, un ordinamento giuridico che rispetta e difende i diritti umani e salva le vite".
    21 agosto 2019 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.25 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)