evento

Critical Mass della Liberazione

25 aprile 2019
ore 15:30 (Durata: 2 ore)

CRITICAL MASS DELLA LIBERAZIONE

Il 25 aprile è giorno importante di festa e di memoria

La bicicletta è ribelle

lo sappiamo nel ricordo dell'utilizzo da parte delle staffette partigiane durante tutta la resistenza.

Festeggiare liberi girando per tutta la città in bicicletta in un pomeriggio di inclusione libertà e solidarietà è buon modo per ricordare il martirio di tanti che dedicarono la loro vita liberandoci dal periodo più oscuro violento e terribile che l'Europa ricordi.

MERCOLEDÌ 25 APRILE
ORE 15:30
LARGO MADONNINA PESCARA
CRITICAL MASS DELLA LIBERAZIONE

A colpi di pedale combatteremo chi vuole riportare odio e orrore

Come ci si comporta in una Critical Mass?

Ogni città è diversa, ma nell'arco degli anni alcune pratiche si sono dimostrate più efficaci di altre.
Chi conduce la CM?
Solitamente chi sta davanti, ma non è garantito. Chi ha proposte da fare sulla direzione da prendere deve portarsi in testa alla massa e mettersi in relazione con quelli che ha intorno. Ogni massa è un esperimento avanzato di democrazia diretta.
Le ambulanze vengono fatte passare a prescindere le macchine e i motorini che si infiltrano(succede) dalle traverse e si trovano incastrate nella massa danno fastidio e rovinano l’atmosfera meglio liberarsene.
Con gli automobilisti impazienti, incapaci di aspettare pochi minuti per lasciar sfilare l'intera CM, è preferibile non cadere in inutili confronti, ma piuttosto parlare con i soggetti e magari consegnare un volantino per sensibilizzarli, affinché ragionino su quante volte ci siamo trovati, noi in bicicletta, imbottigliati in mezzo ad un traffico a cui non abbiamo contribuito se suonano il clacson, esporre cartelli con scritto “suona il clacson se ti piacciono le biciclette” a volte si possono scambiare pure due chiacchiere con chi è dentro la macchina.
Inutile fare i fanatici.
Mantenere un'andatura né troppo veloce né troppo lenta, aiuta il gruppo a mantenersi più compatto: la dispersione crea spazi in cui alcuni automobilisti cercano di imbucarsi.
Fermarsi al rosso può servire a ricompattare il gruppo questo per quanto riguarda la testa il resto della massa viene di seguito senza mai fermarsi.
Se alcuni volontari fanno da “tappo” agli incroci, il resto della CM può sfilare in tranquillità. Il tappo serve sopratutto per non spezzare la CM, quando la testa attraversa l'incrocio con il semaforo ancora verde e il resto della Massa si ritrova il segnale rosso.
Cosa fare in caso di foratura o guasto? Arrangiarsi, la CM non può fermarsi continua e va avanti. Se la situazione lo suggerisce, un piccolo gruppo può fornire aiuto e protezione.
In generale, meglio divertirsi che rodersi il fegato.

CONDIVIDI INVITA DIFFONDI

Per maggiori informazioni: evento su Facebook
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Taranto Sociale
    Lettera al Ministro della Transizione Ecologica Roberto Cingolani

    Richiesta di fermo batteria 12 cokeria ILVA per mancata messa a norma

    E' stato autorizzato uno scenario emissivo (6 milioni di tonnellate annue di acciaio) a cui corrisponde un rischio cancerogeno inaccettabile. Tutto ciò è acclarato dalla nuova VDS (Valutazione Danno Sanitario) sarà segnalato alla Procura della Repubblica
    15 giugno 2021 - Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
  • Laboratorio di scrittura
    Occorre appoggiare questa inchiesta e farne una bandiera di onestà e di trasparenza

    Dai veleni dell'Ilva al puzzo dell'inchiesta di Potenza

    Che l'Ilva inquinasse lo si sapeva. Ma qui si arriva a un livello di manipolazione delle istituzioni inusitato. Un sistema di potere occulto - con manovre bipartisan - ha tentato di fermare a Taranto l'intransigenza della magistratura prima dall'esterno e poi dall'interno.
    15 giugno 2021 - Alessandro Marescotti
  • Ecologia
    Produzione ILVA a Taranto

    Anche 6 milioni di tonnellate di acciaio sono troppe

    E adesso come faranno ad autorizzare 8 milioni di tonnellate/anno se già 6 mettono a rischio la salute della popolazione? Arpa Puglia, Aress e Asl fanno i calcoli ed emerge ciò che era ovvio. La VIIAS del 2019 aveva dato rischio sanitario inaccettabile a 4,7 milioni di tonnellate/anno di acciaio.
    20 maggio 2021 - Redazione PeaceLink
  • Ecologia
    Ilva, a Taranto pure lo Stato si è liquefatto

    Ma i soldi del recovery Plan non potrebbero risarcire Taranto dandole un futuro pulito?

    Dopo la sentenza di primo grado che ha condannato i Riva per disastro ambientale e disposto la confisca degli impianti, ed ecco emergere un’impressionante continuità di pratiche illegali finalizzate ad ammorbidire l’azione della magistratura.
    11 giugno 2021 - Gad Lerner
  • Ecologia
    Il fervido cattolicesimo dei Riva

    Inquinavano e credevano in Dio

    E' crollato definitivamente il sistema di potere che veniva benedetto e celebrato a Pasqua e Natale in fabbrica, con generose donazioni dai Riva all'ex arcivescovo di Taranto monsignor Benigno Papa.
    11 giugno 2021 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)