evento

Critical Mass della Liberazione

25 aprile 2019
ore 15:30 (Durata: 2 ore)

CRITICAL MASS DELLA LIBERAZIONE

Il 25 aprile è giorno importante di festa e di memoria

La bicicletta è ribelle

lo sappiamo nel ricordo dell'utilizzo da parte delle staffette partigiane durante tutta la resistenza.

Festeggiare liberi girando per tutta la città in bicicletta in un pomeriggio di inclusione libertà e solidarietà è buon modo per ricordare il martirio di tanti che dedicarono la loro vita liberandoci dal periodo più oscuro violento e terribile che l'Europa ricordi.

MERCOLEDÌ 25 APRILE
ORE 15:30
LARGO MADONNINA PESCARA
CRITICAL MASS DELLA LIBERAZIONE

A colpi di pedale combatteremo chi vuole riportare odio e orrore

Come ci si comporta in una Critical Mass?

Ogni città è diversa, ma nell'arco degli anni alcune pratiche si sono dimostrate più efficaci di altre.
Chi conduce la CM?
Solitamente chi sta davanti, ma non è garantito. Chi ha proposte da fare sulla direzione da prendere deve portarsi in testa alla massa e mettersi in relazione con quelli che ha intorno. Ogni massa è un esperimento avanzato di democrazia diretta.
Le ambulanze vengono fatte passare a prescindere le macchine e i motorini che si infiltrano(succede) dalle traverse e si trovano incastrate nella massa danno fastidio e rovinano l’atmosfera meglio liberarsene.
Con gli automobilisti impazienti, incapaci di aspettare pochi minuti per lasciar sfilare l'intera CM, è preferibile non cadere in inutili confronti, ma piuttosto parlare con i soggetti e magari consegnare un volantino per sensibilizzarli, affinché ragionino su quante volte ci siamo trovati, noi in bicicletta, imbottigliati in mezzo ad un traffico a cui non abbiamo contribuito se suonano il clacson, esporre cartelli con scritto “suona il clacson se ti piacciono le biciclette” a volte si possono scambiare pure due chiacchiere con chi è dentro la macchina.
Inutile fare i fanatici.
Mantenere un'andatura né troppo veloce né troppo lenta, aiuta il gruppo a mantenersi più compatto: la dispersione crea spazi in cui alcuni automobilisti cercano di imbucarsi.
Fermarsi al rosso può servire a ricompattare il gruppo questo per quanto riguarda la testa il resto della massa viene di seguito senza mai fermarsi.
Se alcuni volontari fanno da “tappo” agli incroci, il resto della CM può sfilare in tranquillità. Il tappo serve sopratutto per non spezzare la CM, quando la testa attraversa l'incrocio con il semaforo ancora verde e il resto della Massa si ritrova il segnale rosso.
Cosa fare in caso di foratura o guasto? Arrangiarsi, la CM non può fermarsi continua e va avanti. Se la situazione lo suggerisce, un piccolo gruppo può fornire aiuto e protezione.
In generale, meglio divertirsi che rodersi il fegato.

CONDIVIDI INVITA DIFFONDI

Per maggiori informazioni: evento su Facebook
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Latina

    Crisi climatica e il rischio di difendere i beni comuni

    Rapporto di Global Witness evidenzia drammatico aumento degli attacchi mortali
    19 settembre 2021 - Giorgio Trucchi
  • Disarmo
    Il Pentagono finalmente ammette l’«orribile errore»

    Il drone americano a Kabul ha fatto una strage di civili

    Un missile americano il 29 agosto ha ucciso 10 persone innocenti. Zamarai Ahmadi, obiettivo del drone, lavorava per una organizzazione umanitaria Usa. Non trasportava esplosivo, ma «taniche d’acqua per la sua famiglia». Il generale Mark Milley aveva inizialmente definito l’attacco «giusto».
    19 settembre 2021 - Marina Catucci
  • PeaceLink
    L’obiezione di coscienza di Daniel Hale

    Italiani per Hale

    L’ex analista dell'intelligence Usa è in carcere perché ha svelato i danni collaterali dei droni. Ha detto: "Abbiamo ucciso persone che non c’entravano nulla con l’11 settembre". Alex Zanotelli aderisce a questa campagna e dice: “Daniel Hale è un eroe del nostro tempo, è un dovere sostenerlo".
    18 settembre 2021 - Redazione PeaceLink
  • Sociale
    Sul programma televisivo Forum

    Basta! Anche io ora dico la mia

    Violenze maschili contro le donne, patriarcato, femminicidi anche in vita: la testimonianza di Ilaria Di Roberto – scrittrice, artista, attivista femminista radicale, vittima di violenza e cyber bullismo – dopo le parole di Barbara Palombelli.
    19 settembre 2021 - Alessio Di Florio
  • Editoriale
    Questo video mostra l’uccisione spietata di un civile disarmato afghano

    Perché la maggioranza degli afghani ha preferito i Talebani agli occidentali?

    Il noto programma TV australiano “Four Corners”, simile a “Report” e “Presa Diretta” in Italia, ha ritrasmesso il video di un soldato australiano mentre uccide un civile afghano a sangue freddo. Si riaccende la polemica intorno alle “forze speciali” e a come vengono addestrate.
    13 settembre 2021 - Patrick Boylan
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)