evento

Il Delirio dell'Economia 23^ edizione

27 settembre 2019
ore 19:00 (Durata: 2 ore)

I SIGNORI DEL CIBO. VIAGGIO NELL'INDUSTRIA ALIMENTARE CHE STA DISTRUGGENDO IL PIANETA
Venerdì 27 settembre 2019
dalle ore 19:30 alle 23:30 (pausa buffet conviviale)

Incontro/seminario con
STEFANO LIBERTI
(giornalista d’inchiesta - ROMA)

LUGO DI ROMAGNA (RA)
SALA ASSEMBLEE CENTRO SOCIALE “IL TONDO”, Via Lumagni 32

IL DELIRIO DELL’ECONOMIA è un seminario pubblico giunto alla sua 23^ edizione: un momento di riflessione e di interrogazione, di confronto e di orientamento, in modalità seminario, che tradizionalmente si svolge a Lugo di Romagna, l'ultimo venerdì di settembre.

IL TEMA
Il tema di questa edizione è I SIGNORI DEL CIBO, VIAGGIO NELL'INDUSTRIA ALIMENTARE CHE STA DISTRUGGENDO IL PIANETA. Quale sarà il futuro del cibo? In quale modo la nostra alimentazione è collegata all’esistenza della biodiversità, alla scomparsa delle foreste pluviali, all’impoverimento del suolo, alla salvaguardia della nostra casa comune, il Pianeta?

IL RELATORE
STEFANO LIBERTI, tra i migliori giornalisti d'inchiesta, scrittore internazionale e filmmaker. Nel 2009 ha vinto il premio Indro Montanelli con il libro “A sud di Lampedusa. Cinque anni di viaggi sulle rotte dei migranti” (Minimum Fax, 2008). Il suo libro “Land Grabbing. Come il mercato delle terre crea il nuovo colonialismo” (Minimum fax, 2011) è stato tradotto in dieci paesi. Nel 2016 è uscito, sempre per Minimum Fax, il libro sul sistema alimentare globale “I signori del cibo. Viaggio nell'industria alimentare che sta distruggendo il pianeta”.
Nel 2019 insieme a Fabio Ciconte, direttore dell'associazione ambientalista Terra! Onlus e portavoce della campagna FilieraSporca contro lo sfruttamento del lavoro in agricoltura, pubblica per Laterza editore il libro "Il grande carrello. Chi decide cosa mangiamo", un viaggio nella grande distribuzione organizzata del cibo, dando seguito alle inchieste sulle filiere agroalimentari.
Come regista, ha lavorato per la trasmissione tv “C’era una volta” di Rai3, ha diretto il documentario “L’inferno dei bimbi stregoni” (vincitore del premio “L’Anello Debole” 2010), co-diretto con Andrea Segre il pluripremiato film “Mare chiuso” (2012), con Enrico Parenti il film “Container 158” (2013) e il documentario “Soyalism” (2019) e con Mario Poeta il film “Herat football club” (2017).

IL PROGRAMMA
• Ore 19:30
Arrivi
Saluti del Sindaco
Introduzione
• Ore 19:45
Relazione (prima parte)
• Ore 20:45
Pausa buffet conviviale
• Ore 21:30
Relazione (seconda parte)
Discussione
• Ore 23:30
Chiusura del seminario

IN SALA
Esposizione libri e pubblicazioni a cura di Libreria Alfabeta

MODALITA' DI PARTECIPAZIONE
Ingresso libero

Per informazioni: Gianni Penazzi 331 1161303 giannipenazzi@teletu.it

Edizioni precedenti de IL DELIRIO DELL'ECONOMIA

1997 Enrico Chiavacci, teologo moralista, Aspetti morali della
natura economica
1998 Rodrigo Andres Rivas, economista, I limiti della competitività
1999 Antonio Nanni, coordinatore del Centro Educazione alla Mondialita' (CEM-Roma), Strategie del cambiamento
2000 Pietro Masina, Università di Roskilde, Verso una globalizzazione senza umanità
2001 Bruno Amoroso, Università di Roskilde, Quale Europa per quale Mediterraneo
2002 Nanni Salio, Università di Torino, Il nuovo disordine mondiale
2003 Alberto Castagnola, economista, I danni della globalizzazione
2004 Teresa Isenburg, Università Milano, Il posto dell'acqua
2005 Achille Rossi, filosofo-teologo, Perugia, Della sobrietà felice
2006 Nanni Salio, Università di Torino, Crisi degli imperi (e delle culture della violenza)
2007 Godfrey Msumonge, missionario, Tanzania, Cleofas Adrien Dioima, giornalista, Burkina Faso, Europa e Africa: destino comune
2008 Eligio Resta, Università Roma, La giustizia e l’oikoumene
2009 Giuliana Martirani, Università Napoli, Viandanti maestosi
2010 Paolo Barnard, Co-fondatore Report, Un manicomio criminale a piede libero
2011 Serge Latouche, Università di Parigi, Le vie della decrescita
2012 Maurizio Pallante, ricercatore, Torino, La grande decrescita
2013 Riccardo Petrella, Bruxelles, Crisi o disfatta?
2014 Padre Alex Zanotelli, Missionario Comboniano, Quando l’economia ferisce bisogna cambiare
2015 Gianni Tamino, Università di Padova, Torneranno i prati?
2016 Francuccio Gesualdi, Pisa, Avidità di pochi, crisi di tutti
2017 Silvestro Montanaro, Roma, Uomini e no
2018 Federico Martelloni, Bologna, Come cambia il lavoro

Per maggiori informazioni: evento su Facebook
Gianni Penazzi
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

  • giu
    3
    mer
    conferenza

    Webinar di PeaceLink

    Semimnario online di PeaceLink su: "Come scrivere un articolo" Saranno affrontati i segenti punti - cercare e verificare le fonti - come citare le ...

Ricorrenze del giorno

  • Anno 1963: Muore Giovanni XXIIII, il Papa del Concilio Vaticano II, della crisi di Cuba e della "Pacem in Terris"

Dal sito

  • Pace
    Suscitò l'ira di Trump

    Il gesto antirazzista con un ginocchio a terra fu pensato dal giocatore di football Kaepernick

    Trump disse: "Sarebbe bellissimo vedere i proprietari delle squadre dire: portate quel figlio di puttana fuori dal campo, fuori, è licenziato". In questi giorni quel gesto è stato replicato da alcuni poliziotti e da vari giocatori di calcio
    3 giugno 2020 - Redazione PeaceLink
  • Ecodidattica
    Video

    La crisi che viviamo contiene anche delle opportunità

    L'umanità vive una crisi che non è solo economica e finanziaria ma è anche ecologica, educativa, morale, umana
    Papa Francesco
  • Disarmo
    Un video emozionante con la testimonianza del Pontefice

    "Commercio delle armi e migrazioni forzate: due sfide per costruire un mondo più pacifico"

    Questo pontificato sta ponendo al centro dell'attenzione alcuni temi di grande attualità. "Sarebbe un’assurda contraddizione parlare di pace, negoziare la pace e, al tempo stesso, promuovere o permettere il commercio di armi", ha dichiarato papa Francesco.
    2 giugno 2020 - Redazione PeaceLink
  • Palestina
    Un popolo distrutto dallo strapotere di un governo occupante e criminale

    L’attivismo per la Palestina

    Gaza vive ancora grazie a questo Mosaico di Pace attivista e alle tante associazioni filopalestinesi che spendono e dedicano la vita a una causa nobile come è la sopravvivenza ed esistenza del popolo palestinese e di tutti i popoli del mondo, nel filo rosso dell’amore per l’umanità intera
    2 giugno 2020 - Laura Tussi
  • Pace
    Se vogliamo difendere la Repubblica

    Dobbiamo potenziare la difesa civile, non armata e nonviolenta

    I simboli della "difesa della Patria" oggi sono le mascherine, i guanti, il disinfettante; simboli di tutela della vita, della salute dei piu' deboli e fragili. Gli strumenti militari, invece, cacciabombardieri, blindati e corazzate non sono serviti a fermare il virus, non ci hanno difeso.
    2 giugno 2020 - Mao Valpiana (presidente del Movimento Nonviolento e coordinatore della campagna "Un'altra difesa e' possibile")
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)