evento

VOGLIAMO UN'ALTERNATIVA-FFFPerugia

31 gennaio 2020
ore 11:00 (Durata: 2 ore)

Vogliamo un'alternativa!

Venerdì 31 gennaio manifestiamo a Ponte San Giovanni, luogo dove l'inquinamento atmosferico ha raggiunto livelli non più tollerabili. Dove le persone vedono il loro diritto di salute compromesso dalla inerzia politica (ed economica) circa l'utilizzo di combustibili fossili.

Auto, moto, camion, riscaldamenti per abitazioni e aziende, elettricità: tutto utilizza energia prodotta con la combustione di combustible fossile.

Noi non siamo più disposti ad aspettare che l'emergenza climatica e ambientale arrivi anche sotto casa nostra. L'Umbria non è più cuore verde, sta diventando polmone grigio, con un record in Italia di numero di auto per abitante, con una politica ecologista assente o sempre secondaria ad altri interessi politici ed economici.

Abbiamo bisogno di un'alternativa, abbiamo bisogno di abbandonare il combustibile fossile il prima possibile, prima che sia troppo tardi.

Le alternative ci sono, ma tardano ad essere perseguite. Ci vuole una transizione ecologica!

Non parliamo solo di inquinamento atmosferico, parliamo anche di cambiamento climatico, di inquinamento del suolo, inquinamento delle acque, perdita della biodiversità e tanto altro ancora. Tutto questo sta succedendo, ora, anche a casa nostra.

Ricordiamo che Ponte San Giovanni è anche il luogo dove è avvenuto il più recente rogo in un centro di raccolta, trattamento e recupero dei rifiuti, per motivi ancora poco chiari.

Questo non è più tollerabile, abbiamo bisogno di scelte politiche, economiche e culturali che vadano in un'altra direzione, in un epoca in cui l'ecologismo rappresenta una delle priorità.

Manifestiamo perché vogliamo un cambiamento, ma non quello climatico!

Ti aspettiamo al parcheggio del CVA di Ponte San Giovanni, in via della Scuola, venerdì 31 gennaio.

Stop fossil fuels!
Keep it in the ground!
#FridaysForFuture #FFFPG #ClimateStrike

Per maggiori informazioni: evento su Facebook
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Taranto Sociale
    Nuovo studio italiano pubblicato sullo Scientific Report di Nature

    Danni neurotossici causati da piombo e arsenico nei bambini di Taranto

    Disturbi da deficit di attenzione, autismo e iperattività, sarebbero riscontrati in numero maggiore, nei quartieri più vicini al siderurgico: Tamburi e Paolo VI. Siamo stanchi di prestare le nostre vite e quelle dei nostri figli, come se fossimo cavie da laboratorio.
    19 giugno 2021 - Giustizia per Taranto
  • Taranto Sociale
    I dati relativi alle polveri sottili (PM2,5 e PM10) e al biossido di azoto (NO2)

    Ex Ilva: Peacelink, rischio cancerogeno inaccettabile

    “L’aria di Taranto non rispetta i limiti dell'Organizzazione mondiale della sanità” dice Peacelink, per la quale “a fronte di una situazione sanitaria fortemente compromessa, la popolazione di Taranto dovrebbe godere di una protezione particolare".
    18 giugno 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • Disarmo
    Biden e Putin siglano un comunicato congiunto “on Strategic Stability”

    Good News? La speranza continua

    "Gli Stati Uniti e la Russia avvieranno insieme un dialogo bilaterale integrato di stabilità strategica nel prossimo futuro, che sarà deliberato e solido. Attraverso questo Dialogo, cerchiamo di gettare le basi per future misure di controllo degli armamenti e di riduzione dei rischi.”
    17 giugno 2021 - Roberto Del Bianco
  • Sociale
    Siamo nel 2021 e le donne, qui, in Italia, italiane e straniere, ancora non possono dire no!

    Saman

    Saman non è stata uccisa per ordine del Corano. Saman è stata uccisa dal sistema patriarcale. La sua uccisione è un femminicidio come qualsiasi femminicidio che succede quotidianamente in Italia e ovunque a conseguenza di una mentalità maschilista marcia ed arretrata
    17 giugno 2021 - Gulala Salih (Donna curda cittadina italiana. Attivista per la pace e i diritti delle donne e dei bambini)
  • Sociale
    Ilaria Di Roberto: «non siamo un sesso debole, siamo sopravvissute».

    «Quanto subisco rispecchia il concetto di femminicidio in vita»

    La denuncia pubblica di quanto subisce da anni e dell’ultima molestia subita l’11 giugno e un drammatico appello, «ho bisogno di essere creduta e di aiuto».
    17 giugno 2021 - Alessio Di Florio
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)