L’appello ha già ricevuto l’adesione di quasi 50 istituti

Un appello per educare alla cittadinanza attiva e all'intercultura

Lanciato da 11 docenti del Liceo Amaldi a Roma, si tratta di un appello a tutte le comunità scolastiche ad esprimere “un segnale di preoccupazione e riflessione” per il destino dei migranti. Alcuni link per fare educazione interculturale
1 febbraio 2019
Intercultura e accoglienza

Lanciato da 11 docenti del Liceo Amaldi a #Roma, si tratta di un #appello a tutte le comunità scolastiche ad esprimere “un segnale di preoccupazione e riflessione” per il destino dei #migranti. L’appello ha già ricevuto l’adesione di quasi 50 istituti, la maggior parte a Roma e Provincia, ma anche di Napoli, Milano, Parma e Catanzaro.

Qui il video dell'iniziativa.

“Nel nostro istituto hanno aderito moltissimi insegnanti all’iniziativa di una didattica condivisa e cittadinanza attiva. Le risposte degli alunni sono state diverse ma il dialogo è sempre molto importate. Nelle mie prime ore ho spiegato il senso dell’iniziativa e poi parlato dei fenomeni delle migrazioni nella storia. L’iniziativa non ha scopi politici contingenti”, spiega Alerino Palma docente di lettere nel liceo Amaldi di Tor Bella Monaca.

Al liceo Socrate alla Garbatella, invece, hanno aderito circa 10 docenti: “ciascuno di noi ha svolto delle attività connesse alla propria disciplina ma finalizzate a stimolare la discussione e l’informazione – spiega il prof Massimo Gargiulo -. Io ho letto degli articoli in classe sul fenomeno migratorio, da giornali di diverso orientamento, e abbiamo iniziato una discussione. Abbiamo parlato anche della Roma Antica, dove una delle peculiarità e degli elementi di forza era proprio la capacità di integrazione. A scuola tra i ragazzi sono emersi anche orientamenti diversi sugli episodi di stretta attualità. L’importante è il dialogo, il confronto e l’informazione corretta”. Qui un approfondimento.

Anche sul sito del MIUR c'è una pagina sull'intercultura.

Alcuni siti e pagine web di riferimento di riferimento:

- Cronache di ordinario razzismo (con la relativa pagina Facebook)

- Educazione globale ed educazione alla cittadinanza globale

- Diritti globali (mailing list di PeaceLink)

- Intercultura e immigrazione

- Educazione interculturale (video RAI e materiali didattici)

Anche nel campo della formazione dei docenti è prevista un approfondimeto sui temi dell'accoglienza. Nel Piano Nazionale Formazione Docenti si legge: "La formazione degli insegnanti non deve essere di tipo esclusivamente specialistico, ma guarda anche ai temi dell’educazione all’interculturalità e alla cittadinanza globale, supporta la ricchezza e l’efficacia delle relazioni tra scuola e famiglie straniere, sviluppa la sensibilità e la consapevolezza professionale in ordine all’accoglienza, alla peer education,  all’orientamento scolastico e professionale".

Articoli correlati

  • Educare a una cittadinanza globale nella scuola
    Cittadinanza
    L’intercultura è la chiave per rendere possibile e non conflittuale un'idea plurale di cittadinanza

    Educare a una cittadinanza globale nella scuola

    La cittadinanza globale crea ponti per l’uomo planetario - come diceva Ernesto Balducci - e fa valere soprattutto l’umanità comune ai diversi popoli, che crea tra loro dialoghi, accordo, scambi, convergenze, sia pure dentro un processo difficile, non lineare e complesso.
    4 settembre 2020 - Laura Tussi
  • Per un'educazione trasformatrice
    Sociale
    Riflessioni sulla scuola e l'empowerment

    Per un'educazione trasformatrice

    Per formare le nuove generazioni alla cittadinanza attiva e globale e planetaria è necessaria la formazione di educatori che siano animati non da una cultura della trincea e dell’arroccamento, ma da una cultura degli avamposti e dunque del rischio, del cambiamento e della trasformazione.
    29 agosto 2020 - Laura Tussi
  • E' tempo di pensare
    Pace
    Un brano musicale in un video

    E' tempo di pensare

    Pubblicato su internet il video che accompagna il brano della cantautrice e attivista per la Pace Agnese Ginocchio dal titolo: "E' tempo di pensare". Il brano è stato composto durante il periodo di quarantena. Nel video, il fotogramma che richiama il libro "Riace. Musica per l'Umanità"
    30 luglio 2020 - Laura Tussi
  • Riace universale 
    Pace
    Ripartiamo dai progetti di Riace 

    Riace universale 

    Un messaggio politico antirazzista che trova sostegno nella legge e nelle decisioni del Consiglio di Stato
    12 giugno 2020 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)