Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Salvare le vite prima di tutto

    Salvare le vite prima di tutto

    Un appello dopo l'intenzione del Governo Italiano di chiudere i porti alle navi delle organizzazioni umanitarie, un atto che condannerebbe a morte migliaia di persone sospese fra le persecuzioni subite nei paesi di origine, quelle patite in Libia e il diritto alla salvezza. PeaceLink aderisce a quest'appello
    1 luglio 2017
  • Diritto alla salute e cittadinanza globale

    Chiara Castellani

    L'Agenda Onu 2030 riporta fra gli obiettivi il diritto alla salute e la lotta alle diseguaglienze, alla povertà, alla fame. Tutte cose per le quali Chiara Castellani ha dedicato la sua vita prima in America Latina e poi in Africa
    16 dicembre 2016 - Alessandro Marescotti
  • Resistiamo alla guerra!
    Non lasciamoci coinvolgere dalla missione militare USA

    Resistiamo alla guerra!

    Partecipare alla guerra in Libia non ci metterà al sicuro ma ci esporrà a nuovi pericoli. E’ tempo di riconoscere che il primo interesse concreto, vitale, dell’Italia è la pace. La decisione americana di intervenire direttamente con nuovi bombardamenti è il segno dell’escalation in corso. Dicono che stanno combattendo lo stato islamico ma la guerra non ha mai risolto un solo problema senza crearne di peggiori.
    7 agosto 2016
  • Isis, come è nato il terrorismo che insanguina anche l'Europa
    Una cronologia

    Isis, come è nato il terrorismo che insanguina anche l'Europa

    Dalla disintegrazione di Iraq, Silria e Libia alla formazione del Califfato
    23 marzo 2016 - Alessandro Marescotti

Burundi: 300 civili uccisi dagli estremisti hutu negli ultimi due mesi

Il gruppo estremista hutu Palipehutu (meglio conosciuto come FNL) ha ucciso 300 civili in due mesi secondo fonti locali. La radio burundese Publique Africane ha riportato la scoperta di tre fosse comuni nelle province di Burbanza e Bujumbura-Rurale – una fortezza del FNL.
2 agosto 2005
Fonte: Indymedia UK - 30 luglio 2005

“Alcuni sono stati uccisi perché il FNL li accusava di collaborare con le forze di difesa nazionale, altri semplicemente perché non si erano voluti unire al movimento”dice il portavoce dell’esercito Adolphe Manirakiza citato dalla Reuters.
Il FNL è un’ala estremista del “Partie pour la liberation du peuple hutu” ed ha combattuto il governo del burundi fin dalla metà degli anni ’90; ma sono stati i civili a subirne le violenze secondo le associazioni per i diritti umani. L’organizzazione è fortemente legata ai reduci della milizia hutu rwandese che aveva perpetrato il genocidio del 1994, e si crede ne condivida l’ideologia.
Nell’agosto del 2004 il FNL ha ammesso la responsabilità del massacro di 152 tutsi congolesi nel campo rifugiati di Gatumba, nel Burundi occidentale. Si ritiene che anche gruppi congolesi e rwandesi abbiano preso parte all’attacco. Il FNL ha poi dichiarato che il campo sarebbe stato una copertura per una base militare; gli investigatori dell’ONU non hanno però trovato riscontri all’accusa, e i militanti per i diritti umani hanno evidenziato come la maggior parte dei moti fossero donne e bambini.
Il partito di governo FRODEBU è stato recentemente accusato dai rivali elettorali di utilizzare il FNL per sabotare le prime elezioni nel paese dal 1993; l’accusa è stata respinta, ma il FRODEBU ha ammesso una “collaborazione politica” con il gruppo.
Alla Reuters il portavoce del FNL Pasteur Habimana ha ammesso che il suo gruppo ha ucciso dei civili nei mesi passati, ma ha aggiunto che gli uccisi erano “persone mandate dall’esercito con la missione di eliminare i nostri combattenti dando loro del veleno”. Egli ha anche accusato il governo burundese di attaccare i civili.

Note:

Articolo originale: http://agathonrwasa.blogspot.com/2005/08/rwasas-fnl-killed-300-civilians-in.html

Tradotto da Chiara Rancati per www.peacelink.it
Il testo può essere liberamente utilizzato a scopi non comerciali citando la fonte, l'autore e il traduttore.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.7 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)