Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • Conto Corrente Bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Uranio impoverito, una strage di Stato
    I militari italiani colpiti da patologie oncologiche riconducibili all'esposizione a nanoparticelle di metalli pesanti come l'uranio impoverito

    Uranio impoverito, una strage di Stato

    Luciano Cipriani maresciallo dell’Aeronautica militare aveva 47 anni. Nel suo curriculum diverse missioni all’estero, Kosovo, Afghanistan. Aveva respirato a pieni polmoni l’aria di quei luoghi e calpestato le terre avvelenate dalle nanoparticelle, tutto senza protezioni.
    9 agosto 2016 - Cinzia Palmacci
  • Uranio impoverito, avevamo ragione
    La lunga lotta di PeaceLink per fare luce sulla Sindrome dei Balcani e sui bombardamenti con uranio impoverito nel mondo

    Uranio impoverito, avevamo ragione

    Il ministero della Difesa è stato giudicato per “condotta omissiva” e condannato al risarcimento di un milione e mezzo di euro alla famiglia del caporalmaggiore Salvatore Vacca
    23 maggio 2016 - Alessandro Marescotti
  • Obama dichiara il Venezuela una minaccia per la sicurezza nazionale Usa
    Se cade il Venezuela a perdere sarà l’America Latina

    Obama dichiara il Venezuela una minaccia per la sicurezza nazionale Usa

    Le vittime delle guarimbas ignorate dall’opinione pubblica internazionale
    25 marzo 2015 - David Lifodi
  • Taranto as in the Niger river delta: violated rights and children in danger

    A dossier for Amnesty International

    The similarities between Taranto and the Niger delta come from the extent of contamination and the objective responsibility of the industrial area
    8 luglio 2014 - Alessandro Marescotti

Kosovo strapazzato e impoverito all'uranio

7 dicembre 2007 - Tommaso Di Francesco
Fonte: Il Manifesto (http://www.ilmanifesto.it)

A mozzichi e bocconi la verità sui raid «umanitari» sull'ex Jugoslavia, Kosovo compreso, viene fuori. Ieri il ministro Parisi ha detto alla commissione d'inchiesta sull'Uranio impoverito che, tra quelli in missione nei Balcani (ma anche Iraq, Afghanistan e Libano) sono «312 i militari malati di tumore in 12 anni e 77 i morti». Che volete che siano, fanno intendere al ministero, «in missione in 12 anni sono andate 56.600 persone». Reticente, ma è un passo avanti. Pochi mesi fa le vittime erano ufficialmente meno della metà, sei anni fa nemmeno esistevano. E all'epoca dei 78 giorni di raid «umanitari»? Stasera «Controcorrente Reportage» su Sky Tg24 manderà in onda un'intervista «bomba». Un militare italiano ancora in servizio, ammalatosi di tumore di ritorno dal Kosovo, accusa: «Anche dai mezzi italiani sono avvenuti questi bombardamenti all'uranio impoverito, non solo dai mezzi americani delle basi Nato in italia. A Pristina e Djakovica dove sono gli aeroporti, i principali obiettivi, gli italiani hanno bombardato. Dall'alto lo sapevano, chi dà l'ordine chi dà le direttive è indubbio che lo sapeva...». E Il servizio mostra due foto del 1999: due soldati italiani ripuliscono a mani nude il sito dell'aeroporto di Djakovica, bombardato con proiettili a uranio impoverito.
Già, com'erano questi bombardamenti? Umanitari o no? C'è stato un disastro ambientale e si sono contate migliaia di vittime civili. Scomparse nella considerazione della Nato e dei governi occidentali. Allora e adesso. Visto che gli stessi protagonisti della guerra a tutti i costi, ora svelano a che servivano quei raid aerei: a precostituire la più pericolosa delle indipendenze etniche che si annuncia a giorni. «Ma chi dà l'ordine sapeva...». Amnesty international in un rapporto ha accusato i leader della Nato di «omicidi deliberati» dopo una meticolosa indagine sui cosiddetti «effetti collaterali» di Surdulica, del treno di Grdelica, del mercato di Nis e in Kosovo di Pristina, Korisa, Djakovica, ecc. ecc. I target di morte che non vogliamo dimenticare.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)