Conflitti

Le nuove guerre: Iraq e Afghanistan svelate dai giornali

26 luglio 2010

Ma a cosa sono servite le guerre in Iraq e in Afghanistan? Dal punto di vista militare si sono rivelate un enorme insuccesso se non fosse che i neocon sono riusciti a creare un clima politico per cui guerra e sicurezza sono diventate la stessa cosa. Non ci sarebbero alternative alla guerra perchè queste significherebbero una diminuzione della sicurezza interna. La sicurezza americana è stata affidata al Department of Homeland Security e a società private il cui scopo è diventato una sfida alla democrazia di proporzioni che non hanno precedenti nella storia.

Con Barack Obama, il presidente che aveva promesso una politica trasparente (la Glasnost come fu per Gorbaciov), la segretezza è stata intensificata.
"Nella zona di Washington, ci sono uffici aziendali che gestiscono 4,000 informazioni classificate, il 25 per cento in più dello scorso anno di ..."

Il Washington Post ha iniziato a pubblicare una serie di articoli nel sito Top Secret America, il Guardian pubblica Afghanistan war logs: Massive leak of secret files exposes truth of occupation, in entrambi si trovano una quantità incredibile di informazioni che svelano come la sicurezza sia diventata un sistema segreto di sicurezza nazionale e i crimini di guerra siano aumentati e registrati come incidenti. Rachel Reid che indaga gli incidenti di vittime civili in Afghanistan per Human Rights Watch ha dichiarato: "Questi file portano alla luce ciò che è stata una tendenza costante da parte degli Stati Uniti e le forze Nato: l'occultamento delle vittime civili".
In Iraq le rivelazioni non riguardano solo le uccisioni dei civili (un analista dell'intelligence di 22 anni, Bradley Manning, è stato arrestato in Iraq con l'accusa di aver trasmesso materiale classificato http://www.bradleymanning.org/ , e la creazione di "Schiave del sesso in Iraq e Afghanistan", notizia pubblicata anche su Repubblica http://www.repubblica.it/esteri/2010/07/19/news/scandalo_contractors-5667680/ , ma evidenziano i danni di queste nuove guerre all'uomo e all'ambiente. Uno studio sulla mortalità infantile per cancro a Fallujah si sta scoprendo maggiore di Hiroshima: Cancer, Infant Mortality and Birth Sex-Ratio in Fallujah, Iraq 2005–2009 http://www.mdpi.com/1660-4601/7/7/2828/pdf

La Casa Bianca condanna la fuga di notizie: «Pericolo per i militari Usa»
http://www.corriere.it/esteri/10_luglio_26/afghanistan-documenti-segreti_081f12fe-9876-11df-a51e-00144f02aabe_print.html

Top Secret America Blog
http://projects.washingtonpost.com/top-secret-america/
Afghanistan war logs
http://www.guardian.co.uk/world/series/afghanistan-the-war-logs
http://www.guardian.co.uk/world/2010/jul/25/afghanistan-war-logs-military-leaks

 

Articoli correlati

  • Scuola e diritto alla pace
    Pace
    Riflessioni pedagogiche

    Scuola e diritto alla pace

    La scuola ha il compito di costruire un’alternativa, un baluardo e un’azione di contropotere, decostruendo e ricostruendo le idee, indicando ai giovani la possibilità di scegliere tra un pensiero conformista e allineato al potere e uno stile di vita libero e divergente
    24 agosto 2020 - Laura Tussi
  • Dopo il Vietnam ora la ritirata dall'Afghanistan
    Editoriale
    Gli USA hanno trattato con gli odiati talebani per andare via

    Dopo il Vietnam ora la ritirata dall'Afghanistan

    Poco fa Trump annuncia il ritiro delle truppe dall'Afghanistan, dopo una guerra durata 19 anni e aver bruciato immense risorse militari. Ora dichiara di aspettarsi che i talebani combattano il terrorismo. E' incredibile ma è così.
    29 febbraio 2020 - Alessandro Marescotti
  • Da piazza Tahir all'Italia: la guerra porta solo altra guerra
    Pace
    Foto dalle piazze pacifiste italiane

    Da piazza Tahir all'Italia: la guerra porta solo altra guerra

    Il 25 gennaio in oltre 50 città italiane associazioni, movimenti e cittadini hanno organizzato eventi aderendo all'appello Spegniamo la guerra, accendiamo la Pace. PeaceLink pubblica le foto di alcune piazze. E alla vigilia è stata diffusa un'importante lettera dalla società civile irachena
    27 gennaio 2020
  • Spegniamo la guerra, accendiamo la Pace! Contro le guerre e le dittature a fianco dei popoli in lotta per i propri diritti
    Pace
    Sabato 25 gennaio 2020 giornata di mobilitazione internazionale per la pace

    Spegniamo la guerra, accendiamo la Pace! Contro le guerre e le dittature a fianco dei popoli in lotta per i propri diritti

    “La guerra è un male assoluto e va ‘ripudiata’, come recita la nostra Costituzione all’Art. 11: essa non deve più essere considerata una scelta possibile da parte della politica e della diplomazia”.
    15 gennaio 2020
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)