Conflitti

La nostra responsabilità è salvare vite umane attraverso un'azione preventiva

Medical Appeal: No War in Europe!

Il comunicato stampa dalla sezione europea di IPPNW alla pubblicazione dell'appello, da sottoscrivere da parte della classe medica europea, per la risoluzione diplomatica della crisi ucraina.
15 febbraio 2022

No War in Europe! Più di 400 operatori sanitari provenienti dall'Europa e da altre parti del mondo hanno sottoscritto a tutt'oggi un appello, lanciato dal Premio Nobel per la Pace International Physicians for the Prevention of Nuclear War (IPPNW), chiedendo che la guerra in Europa sia evitata. Avvisando che una guerra sarebbe un disastro umanitario, invitano tutte le parti in conflitto a scegliere la diplomazia piuttosto che l'escalation.

Il co-vicepresidente regionale per l'Europa di IPPNW, la dott.ssa Angelika Claussen, ha commentato: “La nostra responsabilità come medici e operatori sanitari è salvare vite umane attraverso un'azione preventiva. Ecco perché dobbiamo agire per fermare un'altra guerra in Europa che potrebbe facilmente trasformarsi in una guerra nucleare”.

L'appello critica le politiche di confronto, le accuse di colpe e il dispiegamento di truppe e armi da tutte le parti per l'escalation del conflitto, paragonando la situazione allo stallo di Berlino del 1958 e alla crisi di Cuba del 1962. L'appello medico richiede una comprensione delle esigenze di tutte le parti in conflitto, affermando “Dobbiamo fare un passo indietro e guardare a questa impasse attraverso gli occhi dell'altro. Ciò non significa che dobbiamo accettare l'opinione dell'altro o assumere la sua prospettiva come la nostra”.

Proposte concrete, come la cessazione delle minacce, il ritiro di truppe e armi dai confini dell'Ucraina e la discussione di misure per rafforzare la fiducia, sono avanzate nell'appello che conclude: "Il nostro appello a uno sforzo diplomatico continuo per risolvere la crisi politica non significa accordo con determinate posizioni politiche. Cerchiamo di prevenire un conflitto potenzialmente incontrollabile che potrebbe degenerare anche in una guerra nucleare".


Il testo dell'appello e l'elenco iniziale dei firmatari si trovano qui:

https://www.ippnw.eu/en/prevention-of-war/medical-appeal-no-war-in-europe.html

Gli operatori sanitari sono invitati a continuare a sottoscrivere l'appello tramite il link presente sotto il testo.

Chiudi
I medici e gli altri operatori sanitari in Europa si assumono molto seriamente la responsabilità dell'azione preventiva per salvare vite umane. La pandemia ha dimostrato quanto impegno sono disposti a mettere in questo compito. In Europa si sta preparando un'altra emergenza medica che deve essere evitata. Se ora si prende un'azione corretta, possiamo evitare la guerra – e il disastro umanitario che inevitabilmente porterà – scegliendo la diplomazia rispetto a un'ulteriore escalation.
 
La Russia fa parte del continente e della cultura europei. Le persone in tutta Europa avevano grandi speranze quando la Guerra Fredda finì e il Patto di Varsavia fu sciolto. La promessa di un'Europa unita sembrava possibile. Ma la NATO non si è sciolta e i rapporti tra la Russia da una parte e la NATO e l'UE dall'altra sono costantemente peggiorati negli ultimi vent'anni, raggiungendo negli ultimi anni una fase acuta di antagonismo, estremamente preoccupante.
Una completa rottura della fiducia nel controllo degli armamenti e il ritiro dai trattati, come nel caso dell'Ucraina, ha esacerbato la situazione.
 
La costosa espansione della NATO e lo spostamento forzato dei confini dell'Ucraina non hanno aumentato le probabilità di raggiungere la sicurezza o la pace comuni. Il mantenimento delle forze militari e il mantenimento della corsa agli armamenti hanno un costo pesante sia per l'Europa che per la Russia. Tutti noi ora abbiamo bisogno di quelle risorse finanziarie per mitigare gli effetti del cambiamento climatico e della pandemia di oggi.
 
Le politiche conflittuali ci stanno portando sull'orlo della guerra con entrambe le parti che incolpano l'un l'altra per l'escalation. È controproducente per la NATO e la Russia affrontare questo conflitto aggiungendo benzina sul fuoco e fornendo munizioni agli estremisti di entrambe le parti per un maggiore confronto. L'invio di più armi e soldati ai confini di entrambe le parti si aggiunge all'effetto altalenante che aumenta il pericolo di guerra e crea uno stallo pericoloso come a Berlino nel 1958 o a Cuba nel 1962. Sessant'anni fa, eravamo sul precipizio della guerra nucleare e solo atti eroici individuali, coraggioso processo decisionale e fortuna ci hanno salvato. Non facciamolo di nuovo.
 
Dobbiamo fare un passo indietro e guardare questa impasse attraverso gli occhi dell'altro. Ciò non significa che dobbiamo accettare l'opinione dell'altro o assumere la sua prospettiva come la nostra. Dovremmo ascoltare i loro bisogni e cercare di capirli. Attingiamo alla saggezza dei nostri predecessori che hanno affrontato circostanze simili durante il confronto globale negli anni '50 e si sono battuti per la riduzione degli armamenti e una zona libera dalle armi nucleari nell'Europa centrale.
 
Non ci sono soluzioni facili ai conflitti, ma occorre trovare una soluzione diplomatica e pacifica. L'alternativa è impensabile: morte su larga scala e distruzione di infrastrutture di supporto vitale, centrali nucleari e possibile sfollamento di milioni di persone in Europa. Ma a questo si aggiunge la minaccia nucleare, sempre presente, che deriva da qualsiasi guerra tra nazioni armate nucleari. In questo conflitto, quattro stati possiedono armi nucleari e hanno politiche di primo attacco.
Invitiamo tutte le parti in conflitto a:
 

- Smettere di dare minacce e rinunciare all'escalation militare.

- Ritirare tutte le truppe e le armi dai confini su tutti i lati dell'Ucraina

- Impedire ad altri stati di partecipare direttamente al conflitto militare.

- Discutere le misure di rafforzamento della fiducia e le esigenze sottostanti da entrambe le parti e come affrontarle.

- Smettere di incolpare l'un l'altro per aver iniziato il conflitto e ricominciare da capo.

- Iniziare con i colloqui sul disarmo nucleare con l'obiettivo di un'eliminazione verificabile delle armi nucleari in tutto il mondo.

- Iniziare i preparativi per aderire al Trattato sulla proibizione delle armi nucleari (TPNW)

 

Chiediamo a tutti i paesi europei di aiutare a scongiurare la guerra e un disastro umanitario proponendo e applaudendo misure di riduzione.

Il nostro appello a un continuo sforzo diplomatico per risolvere la crisi politica non significa accordo con determinate posizioni politiche. Cerchiamo di prevenire un conflitto potenzialmente incontrollabile che potrebbe degenerare anche in una guerra nucleare.

Note: Il comunicato stampa originale:

https://www.ippnw.eu/en/home/artikel/6b15c84d878242d87f15b4d374c4cd62/medical-appeal-no-war-in-europe.html

Articoli correlati

  • Se il mondo va in guerra
    Cultura
    Poesia

    Se il mondo va in guerra

    Se il mondo va in guerra / voglio solo dirti che ti amo, / che l'amore non basta / in questa terra di fiori e di roghi,/ che dovrebbe esserci / la tua bellezza in ogni angolo
    26 febbraio 2022 - Dale Zaccaria
  • L'ipocrisia di chi non vuole una soluzione ma il predominio militare
    Pace
    La classe dominante occidentale ci sta portando verso la terza guerra mondiale

    L'ipocrisia di chi non vuole una soluzione ma il predominio militare

    Sarei felice di unirmi al coro delle condanne alla Russia se, ogni volta che condanniamo il fatto — del tutto condannabile — che Mosca bombarda l'Ucraina, si aggiungesse anche: “E noi ci impegniamo a non fare mai più nulla di simile in futuro".
    3 luglio 2022 - Carlo Rovelli
  • Perché non armare gli ucraini è una strategia moralmente migliore
    Pace
    E' moralmente sbagliato armare gli ucraini perché li condurrà sulla strada del disastro

    Perché non armare gli ucraini è una strategia moralmente migliore

    Se si armano gli ucraini alla fine si arrecherà un grave danno all'Ucraina. Mentre l'Occidente arma l'Ucraina, i russi reagiranno e finiranno per fare ancora più danni all'Ucraina di quanti ne siano stati fatti finora.
    3 luglio 2022 - John Mearsheimers
  • Sabato 23 luglio mobilitazione per la pace in tutta Italia: obiettivo 100 iniziative
    Pace
    Guerra in Ucraina: cessate il fuoco e negoziato subito

    Sabato 23 luglio mobilitazione per la pace in tutta Italia: obiettivo 100 iniziative

    Sono decine e decine le città che hanno aderito alla mobilitazione di Europe for Peace del 23 luglio, a 150 giorni dall’inizio della guerra. L’appello è per far tacere le armi e per aprire un serio negoziato subito che porti ad una conferenza internazionale.
    21 luglio 2022 - Patrick Boylan
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)