Conflitti

Lo ha affermato la direttrice dell'Istituto ucraino del libro Oleksandra Koval

"Oltre cento milioni di libri di propaganda russa da ritirare dalle biblioteche pubbliche ucraine"

Secondo la direttrice furono poeti e scrittori russi come Pushkin e Dostoevskij a gettare le basi del mondo russo: "È una letteratura molto dannosa, può davvero influenzare le opinioni delle persone. Pertanto questi libri dovrebbero essere rimossi anche dalle biblioteche pubbliche e scolastiche".
2 luglio 2022
Redazione PeaceLink
Tradotto da per PeaceLink

Biblioteca

Più di 100 milioni di copie di libri di propaganda, compresi i classici russi, devono essere ritirati dalle biblioteche pubbliche.

Lo ha affermato la direttrice dell'Istituto ucraino del libro Oleksandra Koval nella sua intervista a Interfax–Ucraina .

Secondo lei, è in corso l'iter per la predisposizione delle norme per il ritiro di tali libri.

"Certo, vogliamo farlo più velocemente, ma saremmo fortunati se riuscissimo a rimuovere almeno la letteratura ideologicamente dannosa pubblicata in epoca sovietica (in due lingue, tra l'altro, russo e ucraino), che è molta, così come la letteratura russa con contenuti anti-ucraini, entro la fine dell'anno", ha detto Koval.

Stiamo parlando, ha aggiunto, in primo luogo di ritirare dalle biblioteche pubbliche i libri di contenuto anti-ucraino che rafforzano le narrazioni imperiali e promuovono la violenza, le politiche filo-russe e scioviniste.

Nella seconda fase, i libri di autori russi contemporanei pubblicati in Russia dopo il 1991 saranno confiscati. 

"Probabilmente saranno anche di generi diversi, inclusi libri per bambini, romanzi rosa e gialli. Questo è ovviamente ciò che richiede il tempo. Anche se capisco che potrebbero essere richiesti", ha detto Koval. KOVAL OLEKSANDRA

Secondo lei, furono poeti e scrittori russi come Alexander Pushkin e Fëdor Dostoevskij a gettare le basi per il "mondo russo" e il messianismo russo.

"È davvero una letteratura molto dannosa, può davvero influenzare le opinioni delle persone. Pertanto, la mia opinione personale è che questi libri dovrebbero essere rimossi anche dalle biblioteche pubbliche e scolastiche. Dovrebbero probabilmente rimanere nelle biblioteche universitarie e di ricerca per essere letti dagli accademici che studiano il radici del male e del totalitarismo", ha detto Koval.

Allo stesso tempo, ritiene che le biblioteche scientifiche possano conservare la letteratura scientifica specializzata i cui autori possono avere opinioni antiucraine, ma solo se il libro scientifico in questione non ha connotazioni ideologiche. 

"Non c'è motivo di ritirarlo prima fino a quando non verrà creato un sostituto da autori ucraini o stranieri", ha affermato Koval.

"D'altra parte, non credo che durante la guerra dovremmo ancora fornire l'accesso alle opere di autori che hanno preso una posizione anti-ucraina. Perché leggendoli, potremmo approvare la loro posizione. Ma queste sono tutte questioni sottili", ha aggiunto.

Parlando della ricostituzione dei fondi della biblioteca, Koval ha osservato che nel difficile periodo del dopoguerra non sarebbe realistico acquistare il numero di copie richiesto. Secondo lei, dopo il sequestro della letteratura di propaganda russa, nel patrimonio delle biblioteche rimarranno circa 100 milioni di libri, circa la metà di quelli odierni, e il rifornimento avverrà gradualmente. Sia il pubblico che i fondi delle istituzioni internazionali potrebbero aiutare in questo, "potrebbe essere possibile organizzare un raduno di massa e raccogliere libri di qualità pubblicati negli ultimi anni", ha detto Koval.

Come riportato dall'IMI, il Ministero della cultura e della politica dell'informazione dell'Ucraina sta lavorando per rimuovere la letteratura di propaganda russa dalle biblioteche e sostituirla con letteratura e libri in lingua ucraina di alta qualità di editori ucraini.

Note: Ukrainian Book Institute
https://book-institute.org.ua/en
Kyiv, Ukraine. 01015, Lavrska str, 9. Housing 20. tel.: +38 (044) 290 20 45. ubi@ubi.org.ua

Il Parlamento ucraino ha messo al bando opere musicali e libri prodotti in Russia e Bielorussia
https://lists.peacelink.it/cultura/2022/07/msg00001.html

Articoli correlati

  • Il Grande Inganno
    Editoriale
    Dodici brevi riflessioni sulla guerra in Ucraina

    Il Grande Inganno

    Lo scorso anno il New York Times rivelava che un obiettivo della guerra era testare in Ucraina l'efficacia delle nuove armi Nato. Gli ucraini sono le cavie e pagano con la vita questo esperimento. I governi europei stanno al gioco e infatti fioccano ordini per acquistare le armi più performanti
    21 novembre 2023 - Alessandro Marescotti
  • Mamme nowar in Ucraina
    Conflitti
    Nuovamente in piazza

    Mamme nowar in Ucraina

    Nel cuore di Kiev e in numerose altre città ucraine, le mogli e i figli dei soldati si sono riuniti in una dimostrazione commovente e significativa domenica scorsa per esprimere il loro disagio riguardo alla durata obbligatoria del servizio militare.
    14 novembre 2023 - Redazione PeaceLink
  • Intervista a Yurii Sheliazhenko: la voce di un pacifista ucraino
    Conflitti
    "I volontari motivati sarebbero esauriti e ora è necessaria una dura coscrizione"

    Intervista a Yurii Sheliazhenko: la voce di un pacifista ucraino

    L'intervista ha preso spunto dalla notizia delle proteste nelle città ucraine, dove decine di parenti di soldati sono scesi in piazza e hanno chiesto un limite di 18 mesi al servizio militare obbligatorio. Ricordiamo che Yurii Sheliazhenko è sotto procedimento penale
    12 novembre 2023 - Marinella Correggia e Alessandro Marescotti
  • I silenzi di Mattarella, presidente double standard
    Editoriale
    «Gaza sta diventando un cimitero di bambini», ha dichiarato Guterres

    I silenzi di Mattarella, presidente double standard

    Mentre il segretario generale dell'ONU Guterres esprime con forza il suo sdegno, il presidente della Repubblica Sergio Mattarella rimane in silenzio di fronte all'immane tragedia che ogni giorno travolge i bambini palestinesi a Gaza.
    7 novembre 2023 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.7.14 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)