Conflitti

Lo ha affermato la direttrice dell'Istituto ucraino del libro Oleksandra Koval

"Oltre cento milioni di libri di propaganda russa da ritirare dalle biblioteche pubbliche ucraine"

Secondo la direttrice furono poeti e scrittori russi come Pushkin e Dostoevskij a gettare le basi del mondo russo: "È una letteratura molto dannosa, può davvero influenzare le opinioni delle persone. Pertanto questi libri dovrebbero essere rimossi anche dalle biblioteche pubbliche e scolastiche".
2 luglio 2022
Redazione PeaceLink
Tradotto da per PeaceLink

Biblioteca

Più di 100 milioni di copie di libri di propaganda, compresi i classici russi, devono essere ritirati dalle biblioteche pubbliche.

Lo ha affermato la direttrice dell'Istituto ucraino del libro Oleksandra Koval nella sua intervista a Interfax–Ucraina .

Secondo lei, è in corso l'iter per la predisposizione delle norme per il ritiro di tali libri.

"Certo, vogliamo farlo più velocemente, ma saremmo fortunati se riuscissimo a rimuovere almeno la letteratura ideologicamente dannosa pubblicata in epoca sovietica (in due lingue, tra l'altro, russo e ucraino), che è molta, così come la letteratura russa con contenuti anti-ucraini, entro la fine dell'anno", ha detto Koval.

Stiamo parlando, ha aggiunto, in primo luogo di ritirare dalle biblioteche pubbliche i libri di contenuto anti-ucraino che rafforzano le narrazioni imperiali e promuovono la violenza, le politiche filo-russe e scioviniste.

Nella seconda fase, i libri di autori russi contemporanei pubblicati in Russia dopo il 1991 saranno confiscati. 

"Probabilmente saranno anche di generi diversi, inclusi libri per bambini, romanzi rosa e gialli. Questo è ovviamente ciò che richiede il tempo. Anche se capisco che potrebbero essere richiesti", ha detto Koval. KOVAL OLEKSANDRA

Secondo lei, furono poeti e scrittori russi come Alexander Pushkin e Fëdor Dostoevskij a gettare le basi per il "mondo russo" e il messianismo russo.

"È davvero una letteratura molto dannosa, può davvero influenzare le opinioni delle persone. Pertanto, la mia opinione personale è che questi libri dovrebbero essere rimossi anche dalle biblioteche pubbliche e scolastiche. Dovrebbero probabilmente rimanere nelle biblioteche universitarie e di ricerca per essere letti dagli accademici che studiano il radici del male e del totalitarismo", ha detto Koval.

Allo stesso tempo, ritiene che le biblioteche scientifiche possano conservare la letteratura scientifica specializzata i cui autori possono avere opinioni antiucraine, ma solo se il libro scientifico in questione non ha connotazioni ideologiche. 

"Non c'è motivo di ritirarlo prima fino a quando non verrà creato un sostituto da autori ucraini o stranieri", ha affermato Koval.

"D'altra parte, non credo che durante la guerra dovremmo ancora fornire l'accesso alle opere di autori che hanno preso una posizione anti-ucraina. Perché leggendoli, potremmo approvare la loro posizione. Ma queste sono tutte questioni sottili", ha aggiunto.

Parlando della ricostituzione dei fondi della biblioteca, Koval ha osservato che nel difficile periodo del dopoguerra non sarebbe realistico acquistare il numero di copie richiesto. Secondo lei, dopo il sequestro della letteratura di propaganda russa, nel patrimonio delle biblioteche rimarranno circa 100 milioni di libri, circa la metà di quelli odierni, e il rifornimento avverrà gradualmente. Sia il pubblico che i fondi delle istituzioni internazionali potrebbero aiutare in questo, "potrebbe essere possibile organizzare un raduno di massa e raccogliere libri di qualità pubblicati negli ultimi anni", ha detto Koval.

Come riportato dall'IMI, il Ministero della cultura e della politica dell'informazione dell'Ucraina sta lavorando per rimuovere la letteratura di propaganda russa dalle biblioteche e sostituirla con letteratura e libri in lingua ucraina di alta qualità di editori ucraini.

Note: Ukrainian Book Institute
https://book-institute.org.ua/en
Kyiv, Ukraine. 01015, Lavrska str, 9. Housing 20. tel.: +38 (044) 290 20 45. ubi@ubi.org.ua

Il Parlamento ucraino ha messo al bando opere musicali e libri prodotti in Russia e Bielorussia
https://lists.peacelink.it/cultura/2022/07/msg00001.html

Articoli correlati

  • Appello di IPPNW sugli attacchi alla centrale di Zaporizhzhia
    Conflitti
    "Condurre una guerra in un paese con reattori nucleari operativi non è mai accaduto e rompe un tabù"

    Appello di IPPNW sugli attacchi alla centrale di Zaporizhzhia

    L'appello dai medici di IPPNW ai governi rappresentati alla Conferenza di Revisione del TNP, affinché venga fatto ogni sforzo per evitare attacchi militari alle centrali nucleari. E' la risposta urgente e decisa alla situazione critica presso la centrale ucraina di Zaporizhzhia.
    13 agosto 2022 - Roberto Del Bianco
  • Se il mondo va in guerra
    Cultura
    Poesia

    Se il mondo va in guerra

    Se il mondo va in guerra / voglio solo dirti che ti amo, / che l'amore non basta / in questa terra di fiori e di roghi,/ che dovrebbe esserci / la tua bellezza in ogni angolo
    26 febbraio 2022 - Dale Zaccaria
  • L'ipocrisia di chi non vuole una soluzione ma il predominio militare
    Pace
    La classe dominante occidentale ci sta portando verso la terza guerra mondiale

    L'ipocrisia di chi non vuole una soluzione ma il predominio militare

    Sarei felice di unirmi al coro delle condanne alla Russia se, ogni volta che condanniamo il fatto — del tutto condannabile — che Mosca bombarda l'Ucraina, si aggiungesse anche: “E noi ci impegniamo a non fare mai più nulla di simile in futuro".
    3 luglio 2022 - Carlo Rovelli
  • Perché non armare gli ucraini è una strategia moralmente migliore
    Pace
    E' moralmente sbagliato armare gli ucraini perché li condurrà sulla strada del disastro

    Perché non armare gli ucraini è una strategia moralmente migliore

    Se si armano gli ucraini alla fine si arrecherà un grave danno all'Ucraina. Mentre l'Occidente arma l'Ucraina, i russi reagiranno e finiranno per fare ancora più danni all'Ucraina di quanti ne siano stati fatti finora.
    3 luglio 2022 - John Mearsheimers
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)