Conflitti

E' stato necessario l'intervento dell'ambasciata britannica

Lo storico Antony Beevor: perché l'Ucraina ha vietato il mio libro?

Dopo la condanna del suo libro "Stalingrado" da parte del "comitato di esperti" governativi, Antony Beevor riflette sul desiderio dei governi di modificare il passato e mette in guardia dai pericoli della censura. La vicenda è del 2018 ma diventa attuale per le nuove leggi di censura sui libri.
3 luglio 2022
Redazione PeaceLink
Tradotto da per PeaceLink

Il libro "Stalingrado"

Questa controversia è del febbraio del 2018 ma diventa attuale in quanto il parlamento ucraino ha deciso di mettere al bando i libri stampati in Russia. In più oltre cento milioni di libri considerati "filorussi" saranno ritirati dalle biblioteche dell'Ucraina. Senza che la Commissione Europea ponga per ora obiezioni

Il testo qui sotto riportato è scritto dal famoso storico britannico Antony Beevor.

Perché l'Ucraina ha vietato il mio libro?

di Antony Beevor

Certamente non mi aspettavo questo ultimo contrattempo, a seguito dell'improvviso divieto da parte del governo ucraino di un'edizione in lingua russa di Stalingrado, soprattutto 20 anni dopo la prima pubblicazione. Ciò era fondamentalmente dovuto al fatto che un passaggio racconta come le SS costrinsero i miliziani ucraini a massacrare 90 bambini ebrei nell'agosto 1941. Il "comitato di esperti" del governo ucraino affermò che questa storia era stata presa dalla propaganda sovietica. Tuttavia, le note della fonte mostrano chiaramente che si basava su resoconti tedeschi affidabili, in particolare uno di un ufficiale antinazista che era così inorridito da scrivere a sua moglie per dire che la Germania non meritava di vincere la guerra. C'è anche uno straziante resoconto di un testimone oculare degli omicidi scritto da un ufficiale delle SS. Le SS a Stalingrado

Almeno c'è stato un aspetto incoraggiante nell'intera storia spiacevole. Ho ricevuto una serie sconcertante di sostegni dai gruppi ucraini per i diritti umani, da Human Rights Watch negli Stati Uniti, dal ministro degli Esteri canadese e dal Ministero degli Esteri nel Regno Unito.

Questo ha spinto mia figlia a osservare: “E le persone che hanno problemi reali con i diritti umani?” Aveva ragione.

I colleghi storici naturalmente consideravano ridicola la decisione di vietare il libro. Philippe Sands, il presidente della English PEN, si è subito offerto di cambiare idea e di accettare un invito alla fiera del libro di Kiev per il suo libro East West Street in modo da poter mettere il caso lì. È stato un sorprendente autogol del comitato di esperti ucraino quando il Paese vuole essere visto come più democratico e occidentale della Russia di Vladimir Putin al nord e, infine, soprattutto grazie alle rappresentanze dell'ambasciata britannica, il comitato ha fatto marcia indietro. Non c'è più alcun suggerimento che la storia provenga da fonti sovietiche.

Chiudi

L'Organizzazione dei Nazionalisti Ucraini, noto anche con l'acronimo OUN fu un partito  nazionalista e fascista fondato nel 1929 da esuli ucraini anticomunisti e anti-russi nella città di Vienna.

L'ideologia dell'OUN presentava forti similitudini con il fascismo italiano e i suoi membri sostenevano programmi di allevamento selettivo per la creazione di una razza ucraina "pura". Dall'aprile 1941 la frangia dell’OUN sostenitrice di Stepan Bandera iniziò a usare il saluto fascista e la bandiera rossonera i cui colori simbolizzavano il Blut und Boden. L'organizzazione cercò di infiltrare i partiti politici legali, le università e altre strutture e istituzioni politiche. La strategia dell'OUN per raggiungere l'indipendenza ucraina includeva la violenza e il terrorismo contro i nemici interni e stranieri percepiti, in particolare la Polonia, la Cecoslovacchia e l'Unione Sovietica, che controllavano il territorio abitato da Ucraini etnici.

Tuttavia, avevano una lamentela in sospeso. Il traduttore del mio editore russo aveva cambiato "miliziani ucraini" in "nazionalisti ucraini", il che implicitamente infanga tutti i nazionalisti ucraini con la reputazione di aver aiutato le SS Einsatzgruppen. Ma ora il mio editore russo crede che fosse giusto cambiare parola in quanto i miliziani operavano sotto l'egida dell'OUN, l'Organizzazione dei nazionalisti ucraini. Questo può sembrare un banale battibecco sulla nomenclatura, ma è un pertinente promemoria di quanto sia potente la cupa eredità della guerra dopo tre quarti di secolo.

Note: Antony James Beevor (Kensington, 14 dicembre 1946) è uno storico britannico. Ha pubblicato acclamate opere di storia militare sulla Seconda Guerra Mondiale - su tutti il classico "Stalingrado" - e altri eventi del XX secolo. I suoi saggi, frutto di instancabili ricerche d'archivi e analisi appassionate, si caratterizzano per un avvincente stile narrativo e cronachistico, con un occhio alle vicende individuali e ai caratteri nazionali.
Nel 2015 il Dipartimento della Pubblica istruzione della regione russa di Sverdlovsk ha chiesto alle biblioteche locali di ritirare dai loro scaffali le opere sulla seconda guerra mondiale degli storici britannici John Keegan e Antony Beevor incolpandoli di "propaganda nazista". Nello specifico vengono accusati di aver diffuso nelle proprie opere stereotipi tipici del Terzo Reich in merito ai soldati dell'Armata Rossa, in particolare utilizzando immagini razziste come il definire i sovietici "orde asiatiche" di "subumani". Beevor ha risposto tacciando il bando «come un tentativo di imporre la propria versione della storia» simile alle manovre di dettare una verità da parte dei negazionisti dell'Olocausto e del Genocidio Armeno.
(Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/Antony_Beevor)

Articoli correlati

  • Se il mondo va in guerra
    Cultura
    Poesia

    Se il mondo va in guerra

    Se il mondo va in guerra / voglio solo dirti che ti amo, / che l'amore non basta / in questa terra di fiori e di roghi,/ che dovrebbe esserci / la tua bellezza in ogni angolo
    26 febbraio 2022 - Dale Zaccaria
  • L'ipocrisia di chi non vuole una soluzione ma il predominio militare
    Pace
    La classe dominante occidentale ci sta portando verso la terza guerra mondiale

    L'ipocrisia di chi non vuole una soluzione ma il predominio militare

    Sarei felice di unirmi al coro delle condanne alla Russia se, ogni volta che condanniamo il fatto — del tutto condannabile — che Mosca bombarda l'Ucraina, si aggiungesse anche: “E noi ci impegniamo a non fare mai più nulla di simile in futuro".
    3 luglio 2022 - Carlo Rovelli
  • Perché non armare gli ucraini è una strategia moralmente migliore
    Pace
    E' moralmente sbagliato armare gli ucraini perché li condurrà sulla strada del disastro

    Perché non armare gli ucraini è una strategia moralmente migliore

    Se si armano gli ucraini alla fine si arrecherà un grave danno all'Ucraina. Mentre l'Occidente arma l'Ucraina, i russi reagiranno e finiranno per fare ancora più danni all'Ucraina di quanti ne siano stati fatti finora.
    3 luglio 2022 - John Mearsheimers
  • Sabato 23 luglio mobilitazione per la pace in tutta Italia: obiettivo 100 iniziative
    Pace
    Guerra in Ucraina: cessate il fuoco e negoziato subito

    Sabato 23 luglio mobilitazione per la pace in tutta Italia: obiettivo 100 iniziative

    Sono decine e decine le città che hanno aderito alla mobilitazione di Europe for Peace del 23 luglio, a 150 giorni dall’inizio della guerra. L’appello è per far tacere le armi e per aprire un serio negoziato subito che porti ad una conferenza internazionale.
    21 luglio 2022 - Patrick Boylan
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)