Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Rispedirli nei Paesi di origine?
    Gli slogan di Salvini

    Rispedirli nei Paesi di origine?

    Solo pochi giorni fa abbiamo potuto raccogliere, nel centro medico di Lampedusa, le testimonianze di persone che erano riuscite a fuggire dai lager libici. Testimonianze da far accapponare la pelle.
    12 giugno 2018 - Pietro Bartolo
  • Il volto del neo ministro della Difesa Elisabetta Trenta: dalla guerra per esportare la democrazia agli affari privati nelle zone occupate

    Il volto del neo ministro della Difesa Elisabetta Trenta: dalla guerra per esportare la democrazia agli affari privati nelle zone occupate

    vista la sua lunga esperienza nei paesi in cui abbiamo “esportato la democrazia” con la guerra, il riferimento alla democrazia partecipata assomiglia più ad un suo uso strumentale per ottenere una legittimazione puramente esteriore o ad un consenso artificiale
    6 giugno 2018 - Rossana De Simone
  • Il nostro vicino nucleare

    Il nostro vicino nucleare

    La così detta Françafrique è ancora oggi il pilastro del neocolonialismo francese e della sua stessa grandezza economico/militare
    11 maggio 2018 - Rossana De Simone
  • PsyOps
    I retroscena della guerra

    PsyOps

    Si chiamano Psychological Operations (PsyOps) e servono a manipolare l'opinione pubblica. I principali obiettivi delle PsyOPs oggi sono (paradossalmente) proprio i pacifisti. Come reagire? Diventanto esperti di fact checking, entrando nel vivo delle informazioni militari per verificarle con sistematicità, con metodo e con una buona dose di dubbio.
    10 maggio 2018 - Alessandro Marescotti

W NAIROBI W - debito in cambio di giustizia

dall'inizio dell'anno è partita una campagna contro le demolizioni nelle baraccopoli di Nairobi. Dopo aver fermato gli sgomberi adessi si punta alla rconversione del debito estero in politiche abitative.
22 novembre 2004 - Luca Vicentini (associazione Tam Tam per Korogocho - Rovereto (TN))

Uno dei fenomeni emergenti del terzo millennio è quello dell'urbanizzazione e, conseguentemente, dei baraccati.
Nel 2001 le statistiche ne calcolavano ben 924 milioni sparsi in ogni continente dall’Africa, all’Asia all’America Latina. Il Rapporto Habitat, l’organismo delle Nazioni Unite incaricato dei temi dell’abitazione e degli insediamenti umani, ne prevede addirittura 2 miliardi per il 2030.
Nairobi la capitale del Kenya conta ormai 199 slums dove vive una popolazione stimata di oltre 2 milioni di persone che a causa di un assurdo apartheid economico e sociale sono costrette a vivere nel 5% del territorio urbano.

La storia di "W Nairobi W" nasce dalla campagna promossa dai Missionari Comboniani, dall'lnternational Alliance of Inhabitants, da Kutoka Parish Network, da Giovani Impegno Missionario e molti altri, per denunciare all’opinione pubblica internazionale l'abbattimento indiscriminato di migliaia di strutture (baracche, scuole, chiese, centri comunitari, cliniche, mercatini..) negli slums di Nairobi [Kibera, Korogocho, Kahawa Soweto, Kamae, Kware, Kamwanya, Kanguku, Kandutu, City Cotton, Mutumba, Kareru, Kirigu, Muria-Mbogo, Mutego, Njiku]. Abbattimento giustificato dai progetti di realizzazione di varie infrastrutture – soprattutto stradali e ferroviarie - elaborati dal Governo, dalla Società Elettrica Nazionale e dalle Ferrovie del Kenya all’inizio del corrente anno – che avrebbero provocato lo sfratto forzoso e il conseguente sgombero di oltre 350.000 persone.

In aperta violazione di quanto stabilito dalla Convenzione Internazionale sui Diritti Economici Sociali e Culturali (artt. 2, 7, 11, 12, 13 e 15) sottoscritta ancora nel 1976 dall’allora presidente Arap Moi, il Governo del Kenya non intendeva offrire nessuna alternativa ne compensazione alle persone, i poveri della città che vivono precariamente di lavori informali e di piccolo commercio, interessate dagli sgomberi.

La campagna ha avuto quindi come primo obiettivo quello di fermare le demolizioni. In particolare al Governo del Kenya e al Sindaco di Nairobi è stato chiesto di:
- Rispettare gli obblighi stabiliti dalla Convenzione Internazionale sui Diritti Economici Sociali e Culturali.
- Bloccare immediatamente tutte le demolizioni e gli sgomberi forzati.
- Aprire subito un confronto serio con le comunità interessate per trovare soluzioni accettabili: limitare al massimo gli sgomberi, concordare eventuali rilocazioni abitative, indennizzare adeguatamente gli sgomberati.
- Sviluppare una nuova politica abitativa ed urbana pubblica che parta dal rispetto del diritto alla casa di tutte le persone (sicurezza abitativa, pianificazione, recupero urbanistico, sanificazione).
- Costituire un comitato indipendente di coordinamento per l'attuazione pacifica ed ordinata dei trasferimenti.
- Designare un comitato consultivo interministeriale per coordinare i programmi di demolizione e sgombero.
- Fornire assistenza immediata e compensazione a quelle persone che già sono state sgomberate.
Mentre alla Commissione Europea e ai Governi dei paesi dell’Unione Europea è stato chiesto di bloccare qualsiasi finanziamento al Kenya destinato alla realizzare di infrastrutture che avrebbero causato le demolizioni e gli sgomberi forzati.

Grazie a questa mobilitazione gli sgomberi sono stati bloccati.

La seconda fase della campagna punta adesso a stimolare un intervento diretto del governo italiano affinché una parte del debito estero che il Kenya ha nei confronti del nostro paese (circa 90 milioni di euro) venga riconvertito in politiche abitative e sociali a favore della gente delle baraccopoli di Nairobi.
E’ stata predisposta una apposita cartolina da sottoscrivere ed inviare al Ministro dell’Economia e alla segreteria generale della CEI contente le richieste di riconversione del debito proseguendo sul cammino già intrapreso in occasione del Giubileo del 2000.
Esistono poi altri sussidi, quali una mostra fotografica, un libro, dvd e vhs che costituiscono degli utili strumenti per approfondire gli scopi della campagna e la conoscenza della realtà degli slums di Nairobi.

Maggiori informazioni possono essere trovate su : http://www.giovaniemissionehttp://www.begakwabega.comhttp://iai.opencontent.it

Note:

http://www.giovaniemissionehttp://www.begakwabega.comhttp://iai.opencontent.it

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)