Consumo Critico

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • La vera storia della repubblica delle banane

    La vera storia della repubblica delle banane

    Recensione al libro di Francesco Serino (Mursia, 2017) dedicato al colpo di stato compiuto dalla Cia in Guatemala nel 1954 per rovesciare il presidente Árbenz
    18 giugno 2018 - David Lifodi
  • Guatemala e Honduras scelgono Israele
    Il giornalista Maurice Lemoine spiega su Le monde diplomatique il sostegno dei due paesi centroamericani a Gerusalemme come capitale dello Stato ebraico

    Guatemala e Honduras scelgono Israele

    Fin dagli anni '70 i militari israeliani hanno appoggiato la repressione di indigeni maya e contadini in Guatemala
    10 gennaio 2018 - David Lifodi
  • Guatemala: l'incendio di  El Hogar Sicuro è un femminicidio di Stato
    La morte delle 42 giovani bruciate nel rogo si deve alla totale assenza delle politiche statali per i minori

    Guatemala: l'incendio di El Hogar Sicuro è un femminicidio di Stato

    Tutti erano a conoscenza dell'estremo degrado e delle violenze all'interno della casa-famiglia
    27 marzo 2017 - David Lifodi
  • Buone vacanze!
    Si utilizzeranno i soldi dei risparmi postali per cose a cui mai avreste pensato

    Buone vacanze!

    Mentre vi crogiolate al sole decidendo su quale lato abbrustolirvi di più, concentrati sul passaggio di Higuain alla Juventus e storditi dalla caccia ai Pokemon, forse non sapete che il governo sta pensando a voi.
    7 agosto 2016 - Beatrice Ruscio
notizie Coca Cola

Ripate il boicottaggio: oggi la IV Giornata mondiale

22 luglio 2006
Fonte: Il Manifesto (http://www.ilmanifesto.it)

More and more coca-cola, less and less rights (sempre più coca-cola, sempre meno diritti). Per frenare quello che sembrerebbe il vero jingle della multinazionale, oggi si svolge la quarta giornata mondiale di boicottaggio della coca-cola. All'origine della campagna, lanciata nel 2003 dal sindacato colombiano Sinaltrainal, c'è la speranza di ottenere verità, giustizia e risarcimenti per i familiari degli 8 sindacalisti assassinati e per le vittime di 179 gravi violazioni dei diritti umani. La multinazionale è stata accusata di violare i diritti dei lavoratori e di chi li rappresenta, non solo negli stabilimenti di imbottigliamento colombiani, ma anche in Guatemala. L'accusa è di aver collaborato all'uccisione di sindacalisti che si ribellavano alle condizioni schiavistiche in cui erano costretti i lavoratori. Una presunzione di colpevolezza che si potrebbe estendere a tutti quei paesi in cui la situzione politica può influire sul mancato rispetto dei diritti del lavoratore, come per gli stabilimenti in Kenya, Eritrea, Nicaragua, Peru, Venezuela, Pakistan, Azerbaijan, Turchia, Moldavia e Russia. Per far chiarezza sul caso, il sindacato colombiano, appoggiato da Reboc (Rete boicottaggio Coca-cola), Rifondazione, Fim-Cisl, Cobas e dall'associazione Giuristi democratici, ha chiesto aiuto alle istituzioni, tra cui il comune di Roma, per formare una Commissione d'inchiesta indipendente in Colombia entro marzo 2006. L'accordo è stato raggiunto e sottoscritto nel novembre scorso. Il sindaco Walter Veltroni ne è stato il garante. Marzo è passato nel silenzio e con lui 8 mesi di attesa. Così, alla vigilia della giornata mondiale contro le politiche repressive della Coca-cola, il movimento dichiara di apprezzare le parole pronunciate in novembre dal sindaco di Roma, ma vorrebbe vederle messe in pratica ora, senza altri indugi.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)