Consumo Critico

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • La vera storia della repubblica delle banane

    La vera storia della repubblica delle banane

    Recensione al libro di Francesco Serino (Mursia, 2017) dedicato al colpo di stato compiuto dalla Cia in Guatemala nel 1954 per rovesciare il presidente Árbenz
    18 giugno 2018 - David Lifodi
  • Guatemala e Honduras scelgono Israele
    Il giornalista Maurice Lemoine spiega su Le monde diplomatique il sostegno dei due paesi centroamericani a Gerusalemme come capitale dello Stato ebraico

    Guatemala e Honduras scelgono Israele

    Fin dagli anni '70 i militari israeliani hanno appoggiato la repressione di indigeni maya e contadini in Guatemala
    10 gennaio 2018 - David Lifodi
  • Guatemala: l'incendio di  El Hogar Sicuro è un femminicidio di Stato
    La morte delle 42 giovani bruciate nel rogo si deve alla totale assenza delle politiche statali per i minori

    Guatemala: l'incendio di El Hogar Sicuro è un femminicidio di Stato

    Tutti erano a conoscenza dell'estremo degrado e delle violenze all'interno della casa-famiglia
    27 marzo 2017 - David Lifodi
  • Buone vacanze!
    Si utilizzeranno i soldi dei risparmi postali per cose a cui mai avreste pensato

    Buone vacanze!

    Mentre vi crogiolate al sole decidendo su quale lato abbrustolirvi di più, concentrati sul passaggio di Higuain alla Juventus e storditi dalla caccia ai Pokemon, forse non sapete che il governo sta pensando a voi.
    7 agosto 2016 - Beatrice Ruscio

I diritti globali dei popoli del sud del mondo

Si faccia l’inchiesta sui misfatti della Company in Colombia, perché per fare giustizia bisogna cominciare col fare verità
22 luglio 2006 - Graziarosa Villani
Fonte: Liberazione (http://www.liberazione.it)

La giornata Mondiale dedicata alla denuncia si chiude, infatti, con un bilancio particolare il cui consuntivo annuale ha registrato un’impennata straordinaria nella visibilità della campagna, strappando un risultato inedito: quello di una commissione d’inchiesta indipendente, composta da realtà associative, sindacali, istituzionali che avrebbe dovuto verificare in loco, negli stabilimenti della Company in Colombia, le condizioni di lavoro e morte dei sindacalisti del Sinaltrainal.
Avrebbe dovuto, perché di quest’impegno, assunto pubblicamente nel novembre 2005 dalla Coca Cola di fronte a quei Municipi romani che avevano, con la loro adesione, dato clamore ed eco alla campagna di boicottaggio, la società di Atlanta ne ha fatto un esercizio di stile, ottenendo la sospensione della campagna per la durata della kermesse olimpica, viaggio della torcia compreso, per poi sottrarsi a qualsiasi ulteriore confronto, disattendendo tutti gli impegni presi.

Una multinazionale che tradisce le promesse, per qualcuno era un esito scontato, per altri invece è stata una vera e propria beffa; ma oggi, a diversi mesi di distanza dallo stop subito dalle trattative, sono in molti a pensare che il tempo non sia passato invano: la questione dei diritti dei popoli del sud del mondo ha continuato a camminare e a sedimentare nelle sensibilità più vive del paese, entrando persino in quei luoghi, come gli enti locali, finora impermeabili a battaglie così “militanti”. Nella conferenza stampa di ieri, tenuta a Roma, si è riaperto uno spiraglio; dal Campidoglio, infatti, sono giunte novità rilevanti, è tornata a prendere vita l’ipotesi della costituzione di una commissione d’inchiesta, che ribadiamo, deve essere indipendente ed aperta alle realtà associative e sindacali; qualora invece la commissione di verifica fosse di natura esclusivamente istituzionale, chiediamo, per non fare di questa battaglia una barzelletta, che accanto alla Coca Cola sia presente il Sinaltrainal. Non possiamo non essere disponibili a questa riapertura delle trattative, e quindi staremo a vedere, verificando quest’ennesimo impegno preso pubblicamente. Abbiamo imparato una grande lezione dagli Indios chiapanechi: la pazienza.

Aspetteremo ancora, ma con la determinazione di voler andare fino in fondo. Aspetteremo senza disarmare le proteste della società civile. E’ una battaglia centrale per ribadire con i fatti la necessità di contemplare tra i diritti globali anche quelli dei popoli del sud del mondo, cominciando con la denuncia delle responsabilità di chi sfrutta e specula sulla loro miseria. Si faccia l’inchiesta quindi, perché per fare giustizia bisogna cominciare col fare verità.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)