CyberCultura

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Derechos de autor, olè!
    Sentenza della Corte di Giustizia europea sul caso Promusicae-Telefonica: la tutela della privacy prevale sulla difesa del diritto d'autore.

    Derechos de autor, olè!

    Ma l'interpretazione della sentenza appare sibillina. IFPI non ci sta e dichiara: “la sentenza conferma che gli stati membri possono continuare a richiedere i dati degli utenti ai fini di procedimenti civili”. Ribatte Altroconsumo: “Il problema è un altro, trovare un nuovo modello per distribuire legalmente i contenuti online”.
    31 gennaio 2008 - Loris D'Emilio
  • Il pedoporno e i pericoli del P2P

    Il pedoporno e i pericoli del P2P

    La pratica dei processi in Italia suggerisce una correlazione tra lo sharing di musica e film e la circolazione di pornografia infantile. E' bene sapere come stanno le cose, per evitare sorprese
    Avv. Daniele Minotti
  • Il Vaudeville offre una lezione di musica alla Sony BMG

    Qualche mese fa si è scoperto che la Sony vendeva dei CD in grado di spiare gli utenti e spedire le informazioni raccolte alla compagnia. Questo caso è emblematico del tentativo in corso di restringere le libertà digitali.
    Cory Doctorow
  • P2P e denunce in Italia, e la legge?

    Le molte denunce piovute nei giorni scorsi in mezza Europa sugli utenti peer-to-peer allarmano molti. Ma per quanto riguarda l'Italia cosa dice la legge? Il quadro
    13 ottobre 2004 - Manuel M. Bucarella

P2P: per Lahara paghiamo noi

Una raccolta di 2000 dollari tramite il download di canzoni dal sito musicrebellion.com: così la P2P United intende iniziare la battaglia di simboli contro la RIAA, in nome del file sharing e strizzando l'occhio all'opinione pubblica.
12 settembre 2003 - Giacomo Dotta (g.dotta@html.it)
2000 dollari, il prezzo del patteggiamento. Ecco quanto è disposta a sborsare la P2P United in favore di Brianna Lahara, la dodicenne incriminata di aver scambiato un migliaio di file illegali tramite la Rete. La P2P United è una associazione costituita da Grokster, StreamCast Networks, Limewire, BearShare, Blubster, eDonkey ed altri nomi del mondo del file sharing (Kazaa non è compreso, ma un invito ufficiale è già stato formalizzato).

La P2P United intende racimolare la somma necessaria tramite il sito Musicrebellion.com: in pratica si offre il download gratuito di quante canzoni sono necessarie per raggiungere la somma di 2000$ (99 centesimi il costo di un download). Ribellione chiama ribellione, e con questa spirale la P2P United tenta di soffocare le intenzioni bellicose della RIAA.

Paghiamo noi. Ed in un attimo nasce un'idea dai significati molteplici. Innanzitutto si crea un simbolo, ed attorno a questo simbolo si può coalizzare un movimento e si può saldare una intera comunità. Inoltre si crea una sorta di martire grazie al quale poter sottolineare il cinismo e la stoltezza del pugno di ferro introdotto dalla RIAA in questa battaglia senza fine. Infine la giovane età di Lahara è il miglior espediente per sollevare l'opinione pubblica contro le major e la loro politica garantista.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)