CyberCultura

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • P2P e pirateria, RIAA denunciata

    Uno dei partner di Kazaa sostiene che i discografici giocano con le proprie tecnologie per scovare utenti che violano il copyright. Nel farlo, però, abusano di brevetti industriali. Offensiva legale
    12 settembre 2004 - Punto Informatico
  • La Riaa accusata di estorsione
    Contro-denuncia sconcertante

    La Riaa accusata di estorsione

    Nel New Jersey la Recording Industry Association of America è stata citata in giudizio: le sue attività contro gli utenti di sistemi peer to peer sono state paragonate a quelle del racket
    Nicola Battista
  • RIAA e gli 80 neo-denunciati

    Fanno parte del gruppo dei 204 e sono quelli che non hanno accettato di mettersi d'accordo con le major della musica. Ecco come funziona. RIAA canta vittoria: pagano tutti
    3 novembre 2003 - Punto Informatico
  • Ultimatum RIAA per 204 persone

    Questa volta, però, prima di denunciarli le major hanno deciso di avvertire gli utenti. Per spingere a composizioni extragiudiziali senza spese legali. Critica EFF
    20 ottobre 2003 - Punto Informatico

RIAA sotto attacco per la propria "campagna di amnistia"

Un utente americano ha intentato causa contro l’associazione accusata...
13 settembre 2003 - Raimondo Bellantoni

Un utente americano ha intentato causa contro l’associazione accusata di avere presentato un’offerta di amnistia "falsa e tendenziosa" rivolta agli utenti che ammettano pubblicamente di avere illegalmente scambiato file musicali e che promettano di evitare di agire in tal senso.
Eric Parke, questo il nome del promotore dell’azione legale, sostiene infatti che l’offerta RIAA è strutturata in modo da indurre le persone ad auto incriminarsi, fornendo all’associazione e "ad altri" ammissioni di colpa grazie alle quali è comunque possibile adire le vie legali a dispetto dell’accordo stipulato con RIAA.
Parke e il suo avvocato, Ira Rothken, sostengono che l’intento della proposta è fraudolento e a testimonianza di ciò affermano che l’accordo è stato promosso attraverso una ingannevole campagna di comunicazione e che lo stesso testo dell’accordo, denominato Clean Slate Program Affidavit, presenta numerosi punti oscuri. Addirittura l’Affidavit sarebbe strutturato modo da indurre fraudolentemente l’ammissione di colpa attraverso "vuote promesse di amnistia".
L’accordo, sostengono, non prevede infatti la distruzione delle prove fornite dagli utenti pentiti, lasciandoli esposti alle azioni della pubblica accusa o dei singoli titolari del copyright.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.13 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)