CyberCultura

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • La tecnologia apre le porte, il capitale le chiude
    Se il mondo perde il senso del bene comune

    La tecnologia apre le porte, il capitale le chiude

    Vi è oggi la necessità di contrastare la sottrazione alle persone delle opportunità offerte dall'innovazione scientifica e tecnologica. Internet rischia di trasformarsi da risorsa illimitata in risorsa scarsa, con chiusure progressive, consentendo l'accesso solo a chi è disposto ed è in condizione di pagare. Oggi i beni comuni - dall'acqua all'aria, alla conoscenza, ai patrimoni culturali e ambientali - sono al centro di un conflitto planetario.
    24 agosto 2010 - Stefano Rodotà
  • Creative Commons, una rivoluzione lunga 5 anni

    Il 16 dicembre 2002 facevano il loro esordio le licenze alternative ideate da Lawrence Lessig. Iniziava una nuova fase nella gestione della creatività e dei diritti d'autore nell'era digitale. Parla Juan Carlos De Martin
    13 dicembre 2007 - Marco Trotta
  • La via americana al copyright

    Anche nel nostro paese il diritto d’autore orbita nella sfera d’influenza degli Stati unitiLa Guerra per la difesa della proprietà intellettuale viene combattuta dagli Usa in modo capillare. Dall’Onu alle commissioni governative degli stati da conquistare. O da mantenere fedeli, come l’Italia
    6 dicembre 2007 - Raffaele Mastrolonardo
  • Pirati alla francese

    Liberté, égalité, peer-to-peer

    29 novembre 2007 - Marco Trotta

Premi shift e poi muori

Capita che uno studente spinga a caso un tasto del PC e al di la' del filo, le azioni di SunnComm, una societa' quotata in borsa, precipitino. O che una pensionata con il Mac sia un pirata armato di Kazaa da 9mm
Massimo Mantellini
Fonte: Punto Informatico - 13 ottobre 2003

Ci sono storielle che non si sa se facciano ridere o piangere. SunnComm (1) una delle tante aziende impegnate nel mercato delle protezioni per prodotti editoriali digitali, dispone di un nuovo software formidabile che impedisce la duplicazione dei cd audio via PC. Lo vende a BMG che lo inizia ad utilizzare per proteggere i propri dischi. Tale software ha un nome: MediaMax CD3 e una caratteristica, non funziona. O meglio funziona a dovere a patto che sul computer nel quale il cd audio viene inserito per essere duplicato qualcuno non tenga premuto per errore o diabolico ingegno il tasto shift. Si' perche' spingendo shift, la protezione software di SunnComm per qualche ragione non si attiva e il cd puo' essere tranquillamente doppiato. Con buona pace di tutti, pirati ed aventi diritto.

Di questo microscopico buco si e' accorto qualche giorno fa uno studente di informatica dell'Universita' di Princeton. Come ogni studente che si rispetti, John A. Halderman, questo il nome del ragazzo, dalla sua scoperta ha prodotto un lavoro scientifico (2) che ha reso pubblico sul sito web dell'Universita'. Apriti cielo.

Viviamo in un mondo "collegato", ce ne accorgiamo ogni giorno di piu'. Capita che uno studente tenga spinto un tasto a caso del PC e "al di la' del filo", le azioni di SunnComm, una societa' quotata in borsa, precipitino. Uno spinge il tasto shift, lo racconta al mondo e si ritrova con una denuncia per violazione delle norme sul copyright che lo portera', prima ancora che abbia terminato l'universita', diritto in tribunale quasi fosse il peggiore dei delinquenti.

Le notizie che giungono dal fronte della guerra, ormai senza quartiere, fra grandi major dell'intrattenimento e pirati (milioni di persone che in tutto il mondo continuano imperterrite a navigare a vista infischiandosene delle sempre piu' stringenti e improbabili normative nazionali sul controllo della proprieta' intellettuale) sembrano tutte di questo segno. I casi con una percentuale di ridicolo al di sopra della media sono ormai all'ordine del giorno. Fra i bersagli dell'azione legale della RIAA contro i pirati del peer to peer capita di includere bambine dodicenni che abitano in case popolari dell'upper east side a New York o eleganti insegnanti in pensione, come la signora Sarah Ward di Boston accusate di scaricare in rete mp3 di Shaggy. La pensionata e' cosi' costretta a spiegare al New York Times (3) non tanto e non solo le sue preferenze musicali, quanto il fatto che lei utilizza Internet solo per la posta elettronica e che se anche fosse, se anche avesse voluto ascoltare un po' di musica rap sul suo computer, non avrebbe potuto certo utilizzare Kazaa per scaricarla illegalmente in rete, visto che il suo PC casalingo e' un Mac.

Coprirsi di ridicolo sembra la parola d'ordine oggi in certi ambienti. Coprirsi di ridicolo, se necessario, a patto di difendere in ogni maniera la propria posizione di controllo e i diritti di una industria della distribuzione multimediale che gioca ormai le sue ultime carte. Tranne poi tentare qualche tardivo ravvedimento. Come nel caso della signora Ward, con gli avvocati della Riaa che ammettono con comprensibile imbarazzo che forse si e' trattato di un errore. Come nel caso del giovane studente di Princeton per il quale le minacce di azione legale, intentata per aver tenuto spinto il tasto shift violando il DMCA, sono frettolosamente rientrate quando qualcuno a SunnComm si e' forse reso conto che rendersi ridicoli puo' essere il prezzo da pagare ma che a tutto c'e' un limite, anche alla girandola di cause intentate contro chiunque capiti a tiro ad ostacolare i propri affari.

Il DMCA e' oggi in USA il grande ombrello sotto al quale si tenta di proteggere i propri commerci non solo dai ladri e dai malfattori ma anche e soprattutto dalla innovazione stessa e da tutti i milioni di persone che la seguono a ruota. Una normativa sotto la quale, negli intenti di chi l'ha pensata e proposta, tutto doveva poter essere compreso e tutelato. Perfino due righe di codice scritte su una maglietta. Perfino una frase detta a mezza voce. Quanti provano a metterci i bastoni fra le ruote - sembrano dirci questi potenti signori - sono avvertiti. Al DMCA - ed alle sue varianti che stanno nascendo anche al di qua dell'oceano - ogni giorno si appellano in tanti, siano essi discografici, produttori di software, fabbricanti di stampanti per PC. Lo fanno talvolta a ragione, talvolta no. Fuori, del resto, grandina e sotto l'ombrello aperto delle normative compiacenti lo spazio non e' poi infinito. La scena di questo assembramento, vista dall'esterno e' anch'essa - come le tante offerte ogni giorno dalle cronache - discretamente ridicola.

Massimo Mantellini (mantellini@deandreis.it)
Manteblog (www.mantellini.it)

Note:

(1) http://www.sunncomm.com/index_flash.html (www.sunncomm.com/index_flash.html)
(2) http://www.cs.princeton.edu/~jhalderm/cd3/ (www.cs.princeton.edu/~jhalderm/cd3/)
(3) dal NYTimes (www.nytimes.com/2003/09/25/business/media/25TUNE.html?ex=1066104000&en=87fb30cb2b951cf3&ei=5070)

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)