CyberCultura

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Gli Stati Uniti confermano
    È ufficiale

    Gli Stati Uniti confermano

    Abbiamo spiato i dati online d’oltreoceano
    8 giugno 2013 - Charlie Savage, Edward Wyatt e Peter Baker
  • Assata Shakur non è una terrorista

    Assata Shakur non è una terrorista

    Assata Shakur,ex militante del Black Panther Party e della Black Liberation Army, è stata appena inserita nella lista dei terroristi più pericolosi dall'FBI. In questo articolo l'autore, ripercorrendo in parte la sua storia, difende con forza Shakur dall'accusa di essere una terrorista.
    12 maggio 2013 - Mychal Denzel Smith
  • Imponente manifestazione a Taranto contro il decreto Salva-Ilva
    Decreto-legge Salva-Ilva o Ammazza-Taranto?

    Imponente manifestazione a Taranto contro il decreto Salva-Ilva

    I media nazionali non parlano della manifestazione del 15 dicembre e l'opinione pubblica è in parte convinta che la popolazione di Taranto gradisca il provvedimento del Governo che interferisce pesantemente con l'attività dei magistrati. Per sgombrare il campo da equivoci, basta sapere che molti nella città lo hanno battezzato decreto "Ammazza-Taranto"; pensano sia possibile puntare invece su salute, ambiente, cultura e reddito.
    18 dicembre 2012 - Lidia Giannotti
  • "Accade in Sicilia" è nuovamente libero
    La Corte di Cassazione ribalta le precedenti sentenze

    "Accade in Sicilia" è nuovamente libero

    E' un blog: non può essere equiparato ad un giornale
    11 maggio 2012 - Giacomo Alessandroni
Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure. [Costituzione della Repubblica Italiana, art. 21]

Dov'è finita la libertà di espressione?

Occhio, possiamo fare quel che vogliamo e come lo vogliamo, potete illudervi di esser liberi solo finché siamo noi a volerlo, non oltre!
8 ottobre 2004 - Simone Galanti

Stamane ho appreso della "chiusura" di Indymedia.

Ovviamente sono profondamente indignato da un atto che si può chiaramente definire come censura intimidatoria, magari per scoraggiare chi, dal basso, continua a sbattere una realtà tutt'altro che rosea in faccia a chi continua a proclamare che tutto va bene, magari solo piccoli problemi, ma che già si è soddisfatti... NO!

L'fbi sequestra i dischi di due macchine di indymedia in UK
L'FBI ha inviato un ordine di sequestro di due nostri server a Rackspace (Fornitore di connettivita' a Indymedia con uffici a Londra e negli Stati Uniti). L'ordine aveva una scadenza talmente breve che Rackspace ha dovuto consegnare all'FBI i nostri dischi a Londra.

I due server ospitavano diversi IMC. Se uno di questi e' inaccessibile, questo potrebbe essere il motivo.

Il motivo per cui sono stati sequestrati e' per ora sconosciuto.
Non va bene proprio niente, non c'è niente che vada come realmente dovrebbe andare, non c'è niente di giusto in un mondo dove la libertà di espressione viene violata in modo cosi palese ed autoritario, non può andare bene dover pesare quel che si scrive in una e-mail o si dice al telefono perchè il Grande Fratello ascolta e potrebbe sentirsi offeso da certe parole o espressioni, non può andare bene se vivi in un mondo in cui per le tue idee sei trattato peggio di un animale, dove ti giudicano e catalogano ed isolano solo perché osi esprimere un'idea non conforme, non può andare bene un mondo in cui si massacrano centinaia, migliaia di persone solo per interesse, per soldi, per l'interpretazione distorta di una religione. Non sono un indyano sfegatato, frequento quel sito apprezzando la libertà che si da a chiunque, qualsiasi idea abbia, e capita che non mi trovi d'accordo su certe cose che leggo, eppure ripeto, lo apprezzo perchè è completamente libero, molte richieste di cancellazione di post pesantemente offensive cadono nel vuoto, proprio perché chiunque deve essere libero di esprimere un'opinione, qualunque essa sia, qualunque essa sia!

Forse la verità è che una certa paura inizia a serpeggiare in ambienti che per decenni hanno deciso cosa fosse bene e cosa fosse male, non possono permettersi che molte persone vedano Rachel morente dopo essere stata investita e schicciata da un tank, non ci si può permettere che il volto dei Mapuche derubati della loro terra e la storia di questo furto siano disponibili a chiunque voglia saperlo, la gente non deve sapere della morte atroce dei sindacalisti colombiani, annegati in un mare di bollicine, la gente deve essere rassicurata, la gente deve sapere che tutto va bene, che la giustizia, la democrazia e la libertà stanno vincendo sul terrorismo, deve essere reso noto che sono solo i cattivi a pagare, che non è vero che esistono varie opinioni, a parte quella di qualche scalmanato amico dei terroristi, va tutto bene, rasserenatevi, preoccupatevi di voi e state tranquilli, c'è chi pensa per voi quel che è giusto o non è giusto sapere e far sapere...

Benvenuti nel mondo della sicurezza globale, dove uno ed un solo cervello decide per tutti!

Note:

Nonstante il sequestro dei dischi rigidi, Indymedia è parzialmente accessibile nell'internet all'indirizzo: http://edna.indymedia.org/it/

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.13 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)