Disarmo

Lista Disarmo

Archivio pubblico

Quattro volte in disaccordo

Tre "no" e un "ni". Disaccordo italiano sull'approvazione delle Risoluzioni votate in Assemblea Generale ONU e riguardanti il disarmo nucleare. Saranno allora i 120 e più Stati che hanno risposto con il loro ragionato "sì", a salvare il mondo?
6 novembre 2015

Logo delle Nazioni Unite Quattro volte in disaccordo. Tre pallini rossi e uno giallo  - tre "no" e un'astensione - di fianco al nome del nostro Belpaese, sul grande tabellone luminoso che ha comunicato via via l'esito delle votazioni in seduta plenaria all'Assemblea Generale delle Nazioni Unite, First Committee (1). Quattro importanti Risoluzioni che hanno visto protagonisti i rappresentanti di quasi duecento Nazioni, e in schiacciante maggioranza di consensi.

Era prevedibile un dissenso da parte dei Nuclear States e dei loro alleati. Forse meno prevedibile l'uragano di Yes seguiti alla discussione dei documenti. E' da sottolineare il tentativo da parte degli Stati nucleari di boicottare la Risoluzione dell'Open Ended Working Group (2) presentata dal Messico che è stata quindi poi posposta al 5 novembre (le prime tre sono state votate il 2 novembre scorso) e comunque il risultato è stato notevole.

Ma che dire della minoranza di voti contrari? Stati Uniti, Israele e NATO in primis, spiccando invece le, diciamo così, "anomalie" di CinaCorea del Nord - la prima pur membro del "Nuclear Club", la seconda con le aspirazioni a diventarlo - astenute o, nell'ultimo caso, perfino con un Sì da parte del rappresentante di Pyongyang. Noi stretti tra le Alpi e il Mediterraneo, Paese di antiche tradizioni di frontiera fin dai tempi del Blocco occidentale e ancora adesso deposito di atomiche in via di ringiovanimento, cosa potevamo fare? Certo è che quell'isolato puntino giallo sul grande tabellone non ci salva da una reputazione poco lusinghiera. Se non altro per la cocciuta tendenza all'asservimento italico al Potere Nucleare globale, che ci mette in compagnia con le poche decine di Stati ancora indifferenti all'effettiva stupidità dell’ancorarsi a una deterrenza inutile e pericolosa.

 

Le Risoluzioni e le votazioni al First Committee


A/C.1/70/L.37 - Humanitarian consequences of nuclear weapons

 A/C.1/70/L.37 - Humanitarian consequences of nuclear weapons

  • YES: 136
  • No: 18
  • Abstain: 21

Qui il dettaglio delle votazioni 

A/C.1/70/L.38 - Humanitarian pledge for the prohibition and elimination of nuclear weapons

 A/C.1/70/L.38 - Humanitarian pledge for the prohibition and elimination of nuclear weapons

  • YES: 128
  • NO: 29
  • Abstain: 18

A/C.1/70/L.40 - Ethical imperatives for a nuclear-weapon-free world

 A/C.1/70/L.40 - Ethical imperatives for a nuclear-weapon-free world

  • YES: 124
  • NO: 35
  • Abstain: 15 

A/C.1/70/L.13/Rev.1 - Taking forward multilateral nuclear disarmament negotiations

 A/C.1/70/L.13/Rev.1 - Taking forward multilateral nuclear disarmament negotiations

  • YES: 135
  • NO: 12
  • Abstain: 33
Fonte: Reaching Critical Will - the disarmament programme of the Women’s International League for Peace and Freedom (WILPF) http://reachingcriticalwill.org/

Chi ringraziare per questo risultato? Di sicuro ICAN e le Organizzazioni ad esso affiliate, che hanno svolto un grande lavoro di divulgazione e di contatto con i governi dei rispettivi Stati. Voglio inoltre dare un grande ringraziamento a Beatrice Fihn, Executive Director di ICAN, che da Ginevra ha mandato notizie e aggiornamenti quasi in real time...


Note: (1): Organismo interno all'Assemblea Generale delle Nazioni Unite - Disarmament and International Security
(2): Open Ended Working Group (OEWG). Gruppo di lavoro creato dalle Nazioni Unite per il proseguimento dei negoziati multilaterali sul disarmo nucleare

Articoli correlati

  • Gli Stati Uniti d’Europa per la pace in Ucraina e nel mondo intero
    Europace
    Sull'aggressione militare russa in Ucraina

    Gli Stati Uniti d’Europa per la pace in Ucraina e nel mondo intero

    Di fronte a una possibile escalation che può far scoppiare una terza guerra mondiale l’UE deve chiedere l’immediato cessate il fuoco in Ucraina, la costituzione di corridoi umanitari e l’invio di Caschi blu dell’Onu come forza di interposizione e di aiuto umanitario.
    11 marzo 2022 - Nicola Vallinoto
  • Oggi è un giorno spaventoso e buio
    Disarmo
    Un messaggio da Beatrice Fihn, Executive Director di ICAN

    Oggi è un giorno spaventoso e buio

    Oltre a un'invasione illegale, Putin ha minacciato questa mattina di rispondere a qualsiasi interferenza con "conseguenze che non avete mai avuto prima nella vostra storia", il che significa davvero che sta minacciando di usare armi nucleari.
    24 febbraio 2022 - Roberto Del Bianco
  • ONU: "Taranto zona di sacrificio, una macchia sulla coscienza collettiva dell'umanità"
    Ecologia
    Rapporto “The right to a clean, healthy and sustainable environment: non-toxic environment”

    ONU: "Taranto zona di sacrificio, una macchia sulla coscienza collettiva dell'umanità"

    L'ONU scrive: "Le zone di sacrificio spesso sono create dalla collusione di Governi e imprese. L'acciaieria Ilva di Taranto, in Italia, da decenni compromette la salute delle persone e viola i diritti umani".
    18 febbraio 2022 - Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
  • "Le nostre vittorie nel 2021": da ICAN un resoconto di fine anno
    Disarmo
    Dal Coordinatore della Campagna ICAN Daniel Högsta

    "Le nostre vittorie nel 2021": da ICAN un resoconto di fine anno

    “Qualunque cosa sia successa quest'anno, il 2021 è stato una pietra miliare per il nostro movimento, dopo che il Trattato sulla proibizione delle armi nucleari è entrato in vigore il 22 gennaio 2021, rendendo le armi nucleari finalmente illegali secondo il diritto internazionale"
    23 dicembre 2021 - Roberto Del Bianco
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)