Disarmo

Lista Disarmo

Archivio pubblico

Vi presentiamo le immagini che svelano i retroscena degli aerei da guerra F-35

F-35, "ecco come derubare i contribuenti per i prossimi 50 anni"

L'esperto Peter Goon aveva lanciato gravissime accuse al progetto militare. Invece il sottosegretario alla Difesa del M5s lo definisce una "ottima tecnologia a cui non possiamo rinunciare". Il costosissimo aereo da guerra è da tempo al centro di roventi polemiche, vediamo di fare il punto.
30 dicembre 2018

Gravissime accuse di un esperto militare contro gli F-35

Conviene comprare gli F-35 o sono un colossale bidone per spillare soldi sperando che diventi un gioiello militare?

Spogliamoci dai panni pacifisti e mettiamoci in quelli militari, in quelli dei tecnici cercando di capire cosa conviene fare dal punto di vista delle esigenze delle forze armate, ponendo attenzione all'interesse nazionale.

Al minuto 12 di questa inchiesta - trasmessa da La7 - emerge un retroscena inquietante.

Infatti Peter Goon, un esperto del settore militare, dichiara in questo filmato: "La strategia di marketing è stata ideata per consentire di derubare i contribuenti delle nazioni occidentali per i prossimi 50 anni. L'aereo è strutturato per fare in modo che gli acquirenti siano costretti a rivolgersi alla casa costruttrice per qualunque eventuale modifica". 

A queste gravissime accuse al progetto F-35 il sottosegretario alla Difesa Tofalo, nominato dal M5s, non crede assolutamente. Anzi definisce questo aereo una "ottima tecnologia a cui non possiamo rinunciare".

Queste dichiarazioni sono un "via libera" del governo italiano al costosissimo aereo da guerra.

Questo video è una pubblicità a favore dell'F-35.  F-35, governo contrario allo stop del programma

E in questi video-auguri per il 2019 il sottosegretario pantastellato alla difesa Tofalo, parlando degli F-35, ricorda che "la difesa della Patria" è un "sacro dovere" e cita l'articolo 52 della Costituzione. E critica i tagli agli F-35, difendendo il polo costruttivo nazionale degli F-35 a Cameri. Elogia infine il soldido rapporto fra il presidente Conte e il presidente Trump, quest'ultimo molto convinto che l'Italia debba continuare ad acquistare gli F-35. Tofalo stempera le tensioni dichiarando che non è stato ancora speso da questo governo un solo euro per acquistare gli F-35. Ma non dichiara che il governo è contrario agli F-35, altrimenti il rapporto fra Italia e USA, costruito da Conte incontrando Trump, salterebbe

Ultima cosa da tenere presente.

Viene detto spesso che senza gli F-35 l'Italia sarebbe sprovvista di aerei militari moderni.

Sembra quasi superfluo ricordare che l'Italia ha giù aderito al costosissimo programma del caccia europeo Eurofighter, che è giunto a una maturità tecnologica e a un'affidabilità militare di gran lunga superiore a quella dell'F-35. Sul suo sito web è reclamizzato così: "L'Eurofighter Typhoon è il velivolo da combattimento più avanzato al mondo". La Germania poggia la sua aviazione su questo modello e non sull'F-35, che ha deciso di non acquistare. Francia e Germania guardano al futuro con nuovi progetti militari europei che non guardano affatto all'F-35.

Sarà perché non si fidano dell'F-35?

Note: LE PIU' RECENTI CRITICHE TECNICHE ALL'F-35. “Gli sforzi per migliorare l'affidabilità dell'F-35 della Lockheed Martin sono in fase stagnante. L'idoneità operativa della flotta F-35 rimane al di sotto delle aspettative e non sarebbe accettabile in situazioni di combattimento. Nell’anno appena concluso, i progressi sono stati minimi e comunque insufficienti per caratterizzare una tendenza di prestazione. Nel complesso i tassi di disponibilità mensile della flotta restano intorno al 50 %, una situazione persistente dall’ottobre del 2014 nonostante il crescente numero di nuovi aerei. E’ in costante aumento la percentuale di aerei messi a terra (NMC-S, Not Mission Capable due to Supply) in attesa di pezzi di ricambio. L'aumento del tasso NMC-S è dovuto ad un supporto di fornitura inadeguato. Produzione e sviluppo in regime di Concurrency, affidabilità inferiore alle aspettative dei componenti, isolamento inadeguato dei guasti e decisioni iniziali del programma non finanziate adeguatamente hanno contribuito alla crescita del tasso NMC-S. In nessun caso la flotta complessiva, né la media di una specifica variante supera il 60% di disponibilità. Il problema degli aerei in attesa di pezzi di ricambio è esacerbato da un sistema diagnostico immaturo che rileva guasti inesistenti. Le parti con diagnosi errate vengono rispedite al produttore originale e restituite alla catena di approvvigionamento, aggiungendo arretrato ad un sistema di riparazione già sovraccarico”.

Queste sono le conclusioni della relazione del 2018 di Robert Behler, nuovo direttore dei test operativi del Dipartimento della Difesa USA.

Articoli correlati

  • La forza della nonviolenza
    Ecologia
    Come i bambini hanno cambiato la lotta all'inquinamento dell'ILVA

    La forza della nonviolenza

    Si chiude una settimana che passerà nella storia delle lotte popolari nonviolente italiane. Taranto ha scritto, con i suoi bambini e con il suo dolore, una delle pagine più luminose della resistenza nonviolenta alle ingiustizie. Adesso occorre fare altri passi avanti
    9 marzo 2019 - Alessandro Marescotti
  • Ecco tutti i dati che confermano l'aumento dell'inquinamento a Taranto
    Ecologia
    Pubblichiamo l'intera serie storica da quando ArcelorMittal ha preso possesso dell'ILVA

    Ecco tutti i dati che confermano l'aumento dell'inquinamento a Taranto

    Documentazione per la conferenza stampa. Le informazioni attestano un innegabile ed evidente aumento delle emissioni e dell'inquinamento. Si può consultare tutta la documentazione che PeaceLink ha inviato ad Arpa Puglia
    6 marzo 2019 - PeaceLink
  • Nuovo strappo fra M5s e pacifisti
    Disarmo
    Convegno a Roma su "Produzioni e commercio di armamenti: le nostre responsabilità"

    Nuovo strappo fra M5s e pacifisti

    Il sottosegretario pentastellato agli esteri Manlio Di Stefano ha dichiarato che l'export di armi italiane verso l'Arabia Saudita non si può interrompere. "E' sbagliato pensare che si possa risolvere il problema con l’interruzione dell’esportazione delle armi prodotte in Italia", ha detto.
    2 marzo 2019 - Redazione PeaceLink
  • L'aumento delle spese militari e la farsa della “sicurezza collettiva”
    Disarmo
    Le bombe nucleari in Italia e i rapporti con USA-NATO-EUROPA

    L'aumento delle spese militari e la farsa della “sicurezza collettiva”

    le Forze Armate devono mettere sempre più a disposizione le proprie competenze e capacità per compiti non militari
    19 febbraio 2019 - Rossana De Simone

Prossimi appuntamenti

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.16 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)