Ecologia

RSS logo

Mailing-list Ecologia

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Ecologia

...

Articoli correlati

Lavoro, parchi e danni ambientali

IL PARCO DEL POLLINO E IL BUSINESS DELLA MEGACENTRALE A BIOMASSE

Come distruggere l'immagine di un parco nazionale
30 aprile 2005 - map noscorie trisaia (movimento antinucleare pacifista)

LAVORO,PARCHI E DANNI AMBIENTALI

Una centrale da 40mw nel cuore del parco nazionale del pollino non è certamente un’idea originale, in origine chi l’ha concepita sicuramente ha pensato a tutt’altro che allo sviluppo di un parco nazionale e alla sua comunità.

Non condividiamo i commenti degli europarlamentari, dei politici e degli amministratori di turno che difendono il mito dei posti di lavoro nelle centrali, nelle discariche e negli impianti nucleari

I cittadini hanno capito benissimo che è solo una questione mediatica su cui fa leva chi dovrebbe invece garantire e migliorare le condizioni dello sviluppo.

E’ assurdo che a lavori avviati si scopre che le aree dove saranno realizzati le centrali sono molto inquinate, così com’è quella del Mercure (sottoposta a diversi sequestri giudiziari).

A cosa servono i tavoli di concertazione, di servizio e di trasparenza se in partenza mancano le condizioni sul territorio per garantire la sicurezza e la salute dei cittadini.

Sul nucleare della Trisaia ancora non si conoscono i piani d’emergenza, se esiste un monitoraggio su ambiente e popolazione e se è stata avviata un’indagine epidemiologica di lunga durata (e non breve o mediatica), mentre si continuano solo a decantare i miliardi dei lavori della Sogin, alla luce di quanto emerso dalla commissione ambiente del parlamento del 10 marzo 2005 aumentano i ns. dubbi e le ns. perplessità su come sono eseguiti i lavori di sistemazione in sicurezza dei rifiuti nucleari e su come sono stati trattati anni addietro.

Ci chiediamo cosa è stato fatto nel passato da chi era preposto a tutelare l’ambiente e la salute della popolazione e dove sono andati a finire i soldi dei contribuenti.

A cosa è servito investire per anni sul Pollino sul turismo, biologico e attività forestali se l’immagine di una centrale potrebbe rovinare tutto l’intero parco nazionale.

Quali prodotti biologici porteranno i comuni del Mercure alla prossima fiera di Milano ai consumatori del nord.

Quali danni economici in termini di miliardi potrebbero generare pochi posti di lavoro nella centrale.

Quanti posti di lavoro si perderanno in altre e più produttive attività.

Quanto dovrà spendere la comunità per curarsi da un possibile nuovo inquinamento visto che non si conosce la provenienza delle biomasse che dovranno essere importate.

Sicuramente ci sono interessi mirati al business di poche persone e società a danno dell’economia di un’intera regione, frutto di una politica economica da medio evo.Sarebbe più produttivo investire questi finanziamenti per bonificare le aree inquinate e i parchi creando quell’occupazione tanto decantata per la tutela dell’ambiente e per uno sviluppo ecocompatibile con il territorio.

Un parco molto simile a quello del Pollino e quello d’Abruzzo, certamente per una questione di mercato la prima cosa che hanno fatto è crearsi un’immagine che ha portato i propri frutti gradatamente nel tempo creando quei posti di lavoro stabili nel turismo, nel biologico e nelle attività artigianali.Non s’improvvisano le scelte di sviluppo per la collettività senza un programma o un obbiettivo finale.In altri parchi italiani producono anche energia con biomasse, ma con impianti di pochi watt che alimentano le case di montagna o la foresteria con lo scarto del sottobosco

Sul Pollino esistono numerosi corsi d’acqua che potrebbero essere sfruttati con minigeneratori e poi perché ci dimentichiamo sempre del solare.

Riteniamo che in Basilicata vada rivista completamente la politica sull’ambiente e sullo sviluppo sostenibile; il territorio va utilizzato in modo appropriato e la ricchezza va equamente distribuita.

Consigliamo agli amministratori ed europarlamentari di evitare d’essere partecipe od artefici del malcontento del popolo per queste scelte non condivise e di sottosviluppo del territorio.

Movimento Antinucleare Pacifista

NOSCORIE TRISAIA

Email: nonucleare@email.it

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)