Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Un successo oltre ogni più rosea aspettativa la manifestazione napoletana "Difendiamo i Nostri Territori".

Napoli, 19 Maggio 2007: la Campania si risveglia

Comitati, Associazioni ambientaliste, pacifiste e cattoliche, Centri Sociali si aggregano dimostrando che è possibile superare gli sterili particolarismi e mettere a fattor comune le energie per rivendicare con la forza della propria rappresentanza il diritto alla difesa dei territori, contro gli affarismi speculativi di industriali corrotti e malavita, oltre l'inettitudine della politica.
Napoli riscopre il piacere di far sentire la propria voce e la politica non potrà non tenerne conto.
24 maggio 2007

Napoli 19 Maggio, Difendiamo i nostri Territori Via Pessina

9 Maggio, sono le 14: il TG3 locale sceglie il silenzio tombale su quella che di lì a poche ora sarà la riuscitissima manifestazione che avrà riempito le strade della città. Il TG3 rimedierà in serata e per altri 2 giorni, non potendo fa altro di fronte al clamoroso successo dell'iniziativa. Omissioni prevedibili e perfettamente in linea con l'opera di disinformazione compiacente che da settimane, salvo rare eccezioni, non riesce a far luce sulla vicenda campana con l'obiettività che sarebbe richiesta da un giornalismo responsabile.
Non è indubbiamente un compito semplice: nella regione si intersecano questioni di ecomafia, di ignavia amministrativa, di 13 anni di fallimentare gestione commissariale, di mancato coinvolgimento dei cittadini in scelte amministrative tanto delicate, in alcuni casi anche di inciviltà dei cittadini stessi. Ma l'asservimento mediatico ci mette del suo per far sì che non si riesca a comprendere quali siano le cause, quali i motivi di uno stallo lungo 13 anni che ha portato la Campania sull'orlo di un baratro.

Napoli 19 Maggio - Difendiamo i nostri Territori

Alle 15 Piazza Mancini è già piena: striscioni e bandiere colorati illuminano la piazza ed i visi dei manifestanti accorsi dall'intera regione. E, fatto nuovo, alcune realtà del nascente patto di mutuo soccorso, provenienti da tutta Italia, sono lì a testimoniare il proprio sostegno per questa importante iniziativa contro lo scempio delle risorse ambientali campane.
Oltre 6000, a detta della polizia, molti di più secondo gli stessi manifestanti. Noi preferiamo lasciar parlare le foto di una Via Pessina, che, quando il corteo è in dirittura d'arrivo, è ormai stracolma di gente, manifestanti e normali cittadini che via via si sono aggregati lungo il percorso.

Da piazza Mancini il corteo parte per un giro su Piazza Garibaldi e da lì Via Rosaroli, Via Foria, Via Pessina, piazza Dante, via Roma e infine piazza Matteotti.
Difficile descrivere a parole l'entusiasmo via via crescente dei manifestanti, nella consapovelezza che finalmente il muro delle omertà sui disastri ambientali campani si andava sgretolando, che i cittadini finalmente potessero iniziare a prendere coscienza del fatto che, al di là delle continue mistificazioni, esistono soluzioni possibili semplici ed ancora inesplorate.

Napoli 19 Maggio - Difendiamo i nostri Territori Piazza Garibaldi

Non una manifestazione dei NO, come si è tentato di far credere, ma un corteo propositivo, ispirato a quelle soluzioni eco-sostenibili e politico-ignorate di cui da anni il movimento si fa portavoce: ridurre i rifiuti, riusare, far partire finalmente una seria raccolta differenziata porta a porta che consenta di dar lavoro, di riciclare i materiali e compostare tutto l'organico prodotto come rifiuto, che rappresenta oggi la vera emergenza da epidemie. Un percorso virtuoso, che se applicato, porterebbe ad una riduzione talmente consistente del rifiuto da rendere pressocchè inutile l'ecomostro di Acerra, su cui ormai solo la rozza supponenza di Bassolino ed il disperato decisionismo di Bertolaso sembrano ancora credere.

Napoli 19 Maggio - Difendiamo i nostri Territori

Tra i primi comitati campani in piazza ci sono quello Allarme Rifiuti Tossici , quelli della valle del Sele, i Comitati per l'ambiente "Lo Uttaro" e la federazione Asso Campania Felix, che riunisce le realtà del Triangolo della Morte e della Terra dei Fuochi. Ed ancora il Comitato Pace Disarmo e Smilitarizzazione del Territorio della Campania, i Comitati campani per l'acqua pubblica, WWF Campania, Geenpeace Napoli, VAS Verdi Ambiente e Società Campania, le Donne in Nero di Napoli, i Centri sociali Officina 99 e SKA, qualche sezione locale di Legambiente, la Sinistra Critica di Napoli, decine di rappresentanti tra ACLI, PeaceLink Campania, Assise della città di Napoli e del Mezzogiorno.
Da tutta Italia, con un atto di piena soldiarietà verso i movimenti campani, arrivano la Rete Nazionale Rifiuti Zero, i COBAS confederazione comitati di base, il movimento NO-TAV della val di Susa, le delegazioni No-Dal Molin da Vicenza, o comitati come quelli contro i rigassificatori da Livorno, il coordinamento Comitati della Piana, la Basilicata Rifiuti Zero, il Comitato Ambientale Di Casale (Po), i No alla centrale termoelettrica di Vigliena e decine di altri.

Napoli 19 Maggio - Difendiamo i nostri Territori

Tra i politici si intravvedono Tommaso Sodano e Francesco Caruso, ma non si contano su due mani le presenze di amministratori provenienti da quei paesi campani più duramente colpiti dalle improduttive e scellerate scelte commisariali che, per anni, si sono risolte esclusivamente nella ricerca di megadiscariche fini a se stesse.

In testa al corteo, quattro manifestanti trasportano ciascuno un sacchetto di immondizia su cui compaiono i volti di Bertolaso, Rastrelli, Bassolino e Catenacci, quattro commissari accomunati da oltre un decennio di paralisi e inadempienze.

Un po' più avanti musica e tammorra, ad attirare l'attenzione dei passanti attoniti. Lungo il corteo tre furgoni con amplificatori a palla offrono voce ai manifestanti per dichiarare i motivi della loro presenza e spiegare ai pedoni e agli automobilisti paralizzati nel traffico il senso della manifestazione.

Alla chiusura del percorso, in piazza Matteotti, si ascoltano gli utimi interventi.
Parla padre Alex: le sue parole sono un severo monito verso coloro che pensano di poter impunemente continuare a trasgredire le leggi dell'uomo e quelle divine.

Napoli 19 Maggio - Difendiamo i nostri Territori

19 Maggio: c'è un movimento dal basso che dichiara il suo netto dissenso all'insostenibilità ambientale causata da scelte dettate da affarismi speculativi che hanno come unico fine il demone del danaro e che per esso portano a calpestare i diritti dei cittadini, fino a giungere a decisioni politiche che sfiorano, se non superano in taluni casi, i confini dell'illegalità e del conflitto istituzionale.
Napoli 19 Maggio - Difendiamo i nostri Territori La rassegnazione dei campani si trasforma in una crescente coscienza collettiva, quella di poter richiedere una "politica alta", vicina alla gente e alle sue esigenze. Il movimento si ricompone, dimostrando che è possibile superare gli sterili particolarismi, le dispersioni e le divisioni, tramite il coordinamento e la messa a fattor comune delle energie, per rivendicare con la forza della propria rappresentanza il diritto alla difesa dei beni ambientali comuni: un patrimonio da difendere dagli attacchi di amministratori incapaci e corrotti, camorra spietata, servitù militari asfissianti, imprenditori privi di ogni scrupolo, illegalità diffusa.

L'acqua, l'aria e la terra come beni collettivi, che meritano una politica rispettosa e non l'ennesimo diluvio di soldi pubblici previsto dal decreto Prodi, soldi il cui destino è già segnato dal prevedibile arricchimento degli stessi artefici del disastro campano.

Vittorio Moccia
PeaceLink - nodo Campania
v.moccia@peacelink.it

Note: Galleria fotografica della manifestaizone del 19 Maggio 2007:
http://campania.peacelink.net/19maggio/

Per ulteriori approfondimenti sulla situazione rifiuti in Campania:
Campania, emergenza infinita, di Alessandro Iacuelli
http://italy.peacelink.org/ecologia/articles/art_21726.html

Articoli correlati

  • PeaceLink Abruzzo

    A Maggio l'Arap chiese lo stop

    Appello delle associazioni: bloccate l’attuale procedimento, l’Ente ci comunica che in 3 mesi non ci sono state novità
    29 agosto 2018 - Arci Vasto, Cobas Chieti, Gruppo Fratino Vasto, Italia Nostra del Vastese, Stazione Ornitologica Abruzzese, Associazione Antimafie Rita Atria, PeaceLink Abruzzo
  • PeaceLink Abruzzo
    Verso l'importazione stabile dei rifiuti da fuori regione?

    Rifiuti in Abruzzo, privati subito all'attacco del nuovo Piano Regionale

    Proposta una nuova mega-discarica da ben 480.750 mc a Cupello non prevista dal Piano; le associazioni depositano durissime osservazioni alla V.I.A.
    29 agosto 2018 - PeaceLink Abruzzo, Associazione Antimafie Rita Atria, Stazione Ornitologica Abruzzese, Nuovo Senso Civico Onlus
  • Abruzzo, non è la 'ndrangheta che mancava, è la coscienza diffusa che manca
    Editoriale

    Abruzzo, non è la 'ndrangheta che mancava, è la coscienza diffusa che manca

    La recente scoperta di una vera e propria rete ‘ndranghetista, che ha cercato di dominare e opprimere la città di Francavilla e il circondario, è l’ultima (in ordine di tempo) dimostrazione che l’Abruzzo “isola felice” (come già scritto mesi fa) esiste solo nelle menti ipocrite di chi non vuol vedere, di chi vuol cullarsi in una pax borghese e disinteressata alle sorti comuni. La realtà dell’Abruzzo è questa da tantissimi anni.
    4 marzo 2017 - Alessio Di Florio
  • Abruzzo e mafie, quando si scuoteranno (e muoveranno) le coscienze?
    PeaceLink Abruzzo

    Abruzzo e mafie, quando si scuoteranno (e muoveranno) le coscienze?

    Le recenti parole di Claudio Fava, vicepresidente della Commissione parlamentare antimafia, sembrano calzare perfettamente anche alla nostra Regione: le mafie ci sono ma si preferisce troppo spesso non vedere, non cercare, girare la testa dall’altro. Per cullarsi nell’inganno dell’isola felice
    26 gennaio 2017 - Alessio Di Florio
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.23 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)