Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Secondo gli ambientalisti è di fondamentale importanza che il Comune si costituisca parte civile

Caffaro e pcb: raccolta firme per evitare l'insabbiamento

Caso Caffaro: l’ambientalista Marino Ruzzenenti e il gruppo Meet Up «Amici di Beppe Grillo di Brescia» lanciano una petizione tra i cittadini per evitare che sulla questione cali il silenzio.
17 gennaio 2008
Fonte: Bresciaoggi

. Attualmente sono pendenti due procedimenti: uno in sede penale e uno in sede civile. Il procedimento penale nell’ottobre del 2007 ha rischiato l’archiviazione perché secondo il pm non vi erano elementi sufficienti per l’accusa di disastro colposo. La richiesta è stata però respinta dal gip perchè erano necessari ulteriori accertamenti in merito al nesso di causalità tra la produzione della Caffaro e i livelli elevati di diossina nelle zone circostanti l’industria chimica.

Due sono le richieste del gruppo «Amici di Beppe Grillo»: la costituzione di parte civile del Comune di Brescia e il risarcimento del danno da parte della Caffaro. «È assurdo che il Comune di Brescia non sia entrato nei procedimenti giudiziari - afferma Ruzzenenti -. Il Comune ha il dovere di tutelare se stesso e i cittadini. Noi siamo convinti che l’azione congiunta insieme alla autorità comunale darebbe una spinta efficace alla macchina giudiziaria, in caso contrario si rischia l’insabbiamento».

Le dimensioni del disastro ambientale sono confermate anche da una serie di provvedimenti eccezionali presi dal Ministero dell’Ambiente. La zona di Brescia danneggiata dalla Caffaro è stata inserita nei siti inquinati di rilevanza nazionale, ottenendo fondi per la bonifica: «Ad oggi sono stati stanziati circa 7 milioni di euro - ricorda Ruzzenenti -, tuttavia si stima che l’intervento di bonifica totale si aggiri intorno ai 100 milioni».

Impensabile, secondo Ruzzenenti, oberare solo lo Stato dei costi di ripristino della salute ambientale. Necessario allora un intervento congiunto della Regione, ma soprattutto del privato ossia di chi ha inquinato. «Bisogna sensibilizzare l’opinione pubblica - conclude Ruzzenenti - e a questo proposito organizzeremo una raccolta firme».

Articoli correlati

  • A Taranto emergono nuovi dati sulle deposizioni di diossina
    Taranto Sociale
    Comunicato stampa

    A Taranto emergono nuovi dati sulle deposizioni di diossina

    Con un accesso ai dati del deposimetro della masseria Carmine si nota un incremento considerevole delle deposizioni di diossina negli ultimi mesi del 2018. Mancano attualmente i dati relativi alle analisi delle deposizioni di novembre e dicembre.
    14 marzo 2019
  • Al tg3 Puglia il nuovo l'allarme diossina a Taranto
    Taranto Sociale
    Il sindaco ha chiuso due scuole in attesa della verifica dei dati Arpa.

    Al tg3 Puglia il nuovo l'allarme diossina a Taranto

    + 916% di diossina nell'aria di Taranto, secondo le rilevazioni delle centraline Arpa diffuse dai Verdi che annunciano un esposto. In attesa delle verifiche ministeriali, il Comune chiude due scuole vicine alla discarica ex Italsider
    3 marzo 2019 - Fulvia Gravame
  • A Taranto cade più diossina dal cielo, ecco di quanto è aumentata nei deposimetri
    Ecologia
    Forniamo i dati disaggregati anno per anno e zona per zona a Taranto

    A Taranto cade più diossina dal cielo, ecco di quanto è aumentata nei deposimetri

    "In un anno il valore della diossina a Taranto è aumentato del 916%", denunciano il coordinatore nazionale dei Verdi, Angelo Bonelli, e il consigliere comunale Vincenzo Fornaro, ex allevatore. La notizia è stata diffusa poco fa dall'ANSA
    2 marzo 2019 - Redazione PeaceLink
  • Nella mia masseria ritorna la diossina
    Ecologia
    Notizia di una gravità inaudita

    Nella mia masseria ritorna la diossina

    Ricordo che in quella masseria di Taranto ci vivo tuttora con la mia famiglia e la notizia mi lascia preoccupa. Nelle prossime ore farò tutti gli atti consequenziali per capire di quanto è aumentata la deposizione delle diossina
    28 febbraio 2019 - Vincenzo Fornaro

Prossimi appuntamenti

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.16 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)