Ecologia

RSS logo

Mailing-list Ecologia

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Ecologia

...

Articoli correlati

Torchiarolo Sabato la manifestazione con la Provincia

In corteo contro il carbone

«Enel, Edipower e Enipower costituiscono a Brindisi il più grosso polo energetico europeo. Enel e Edipower per produrre energia movimentano circa 7 milioni di tonnellate di carbone l'anno, quantità enorme che condiziona e grava sul porto e sul territorio»
17 gennaio 2008
Fonte: Corriere del Mezzogiorno

- TORCHIAROLO — Saranno i gonfaloni della Provincia e dei Comuni di Torchiarolo, Cellino San Marco e San Pietro Vernotico ad aprire, sabato alle 15, la manifestazione per la difesa dell'ambiente organizzata dal comitato che nella zona si batte contro l'inquinamento ambientale. Torchiarolo, sede della manifestazione, ha registrato oltre 90 sforamenti dei limiti di concentrazione delle polveri sottili nel 2006, ed oltre 50 nel 2007. La centrale termoelettrica Enel di Cerano è a pochi chilometri.

«La manifestazione sarà una conferma al fatto che la volontà di cambiamento espressa in questi anni da parte dei cittadini, che chiedono insistentemente la forte correzione dell´esistente unitamente ad un nuovo modello di sviluppo, è realmente una cosa realizzabile», dicono gli organizzatori.

Adesione anche da parte del fonte ambientalista brindisino al gran completo: «Enel, Edipower e Enipower costituiscono a Brindisi il più grosso polo energetico europeo. Enel e Edipower per produrre energia movimentano circa 7 milioni di tonnellate di carbone l'anno, quantità enorme che condiziona e grava sul porto e sul territorio», senza incrementare l'occupazione perchè si ricorre agli straordinari, e senza che sia possibile capire né l'impatto sull'agricoltura per le diverse letture che si danno alle analisi, né chi sia l'inquinatore.

«Ed è il momento che il potere politico si assuma le proprie responsabilità e si adoperi per far superare scelte che arrecano grave danno alla vivibilità del territorio e alla salute dei cittadini».

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.7 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)