Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

La Campania fra pericoli sanitari e Class actions

Così si va in cerca dei segni della diossina «abusiva»

Napoli sede del più imponente studio di biomonitoraggio umano mai svolto in Italia, e fra i maggiori al mondo. Da febbraio verrà contattata per analizzare campioni di sangue, più una piccola quota di campioni di latte materno
20 gennaio 2008
Luca Carra
Fonte: Corriere della Sera

- Scopo della ricerca, svolta dall'Osservatorio epidemiologico regionale della Campania, Istituto Superiore di Sanità, Consiglio Nazionale delle Ricerche e autorità sanitarie locali, è di misurare i livelli di diossina, metalli e altri inquinanti probabilmente correlati all'esposizione della popolazione alle discariche abusive che infestano le province di Napoli e Caserta.

Segnali di preoccupazione erano emersi da una recente ricerca epidemiologica che aveva trovato un eccesso di mortalità per tumori e di malformazioni congenite nei comuni più inquinati da rifiuti. Ma saranno davvero le discariche gestite dalla camorra le responsabili di questa situazione sanitaria? Per esserne certi servono nuovi studi, e in particolare misure dirette dei contaminanti nei tessuti della popolazione locale.

«Il biomonitoraggio che stiamo avviando vuole approfondire il lavoro di ricerca — spiega il responsabile della ricerca Renato Pizzuti —. Per questo prevediamo il prelievo di campioni di sangue di 780 persone e del latte materno di 50 donne. La lista delle persone coinvolte sarà scelta casualmente in modo proporzionale alla composizione della popolazione, in una fascia di età che va dai 20 ai 64 anni, in comuni selezionati per diverso livello di rischio ambientale».

«Si capirà così se la contaminazione del terreno, delle acque e degli alimenti abbiano lasciato una traccia nell'organismo delle persone residenti — afferma Fabrizio Bianchi, epidemiologo del Cnr che fa parte della direzione del progetto — in modo da quantificare meglio i rischi. E per passare rapidamente, si spera, ad una bonifica ambientale che si rimanda da decenni».

Articoli correlati

  • La diossina nel pecorino
    Processo Ilva
    Tutto comincia il 27 febbraio 2008 e così prendono avvio le indagini di "Ambiente Svenduto"

    La diossina nel pecorino

    Il formaggio era prodotto da un pastore che pascolava vicino all'ILVA. Viene consegnato, a spese di PeaceLink, in un laboratorio di analisi di Lecce. "Diteci quello che c'è dentro". Qualche giorno dopo arriva una telefonata allarmata dal laboratorio: "C'è la diossina".
    Repubblica
  • Diffida sul campionamento continuo della diossina ILVA
    Ecologia
    Inviata dal Ministero della Transizione Ecologica al gestore dello stabilimento ILVA di Taranto

    Diffida sul campionamento continuo della diossina ILVA

    Il Gestore dell'ILVA non ha eseguito il controllo mensile del camino E-312. La legge prevede il fermo dell'impianto se accadesse una seconda volta in 12 mesi. PeaceLink evidenzia che dai controlli emerge una concentrazione di diossina superiore al limite prescritto per gli inceneritori.
    9 luglio 2021 - Associazione PeaceLink
  • Strategia comunitaria sulle diossine, i furani e i bifenili policlorurati
    Ecodidattica
    I limiti per la dose tollerabile sono stati abbassati di sette volte dall'EFSA nel 2018

    Strategia comunitaria sulle diossine, i furani e i bifenili policlorurati

    "In bambini esposti a diossine e/o PCB durante la fase gestazionale sono stati riscontrati effetti sullo sviluppo del sistema nervoso e sulla neurobiologia del comportamento, oltreché effetti sull’equilibrio ormonale della tiroide, ritardo nello sviluppo, disordini comportamentali".
    24 gennaio 2021 - Redazione
  • "Diossina dal camino?" Ancora nessuna risposta
    Taranto Sociale
    L'Arpa Puglia scrive nuovamente a Ministero dell'Ambiente e Ispra

    "Diossina dal camino?" Ancora nessuna risposta

    L'Agenzia regionale sollecita la revisione dell'Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) e coinvolge il sindaco Melucci, già firmatario dell'ordinanza ferma al Consiglio di Stato.
    24 aprile 2021 - Mimmo Mazza
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)