Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Lo scandalo dei rifiuti porterà il Cilento ad "entrare" in Basilicata?

La grande Lucania si costruisce sui rifiuti

Il Cilento si dissocia dall'attuale politica campana, che tende sempre più ad emarginare questa zona bella ed affascinante. Sarà meglio probabilmente essere primi attori in Lucania che delle semplici comparse in Campania?
25 gennaio 2008
Giuseppe Colopi
Fonte: L'opinione.it

Emergenza in Campania Il Cilento e il Vallo di Diano, che formano l’area sud della Campania, preparano le valigie e tornano in Lucania, Regione di cui anticamente erano parte. Quella che un tempo era solo un’idea vagheggiata, si fa ogni giorno più concreta. Il Sindaco di Castellabate, Costabile Maurano, lamenta la disparità di trattamento che si è creata rispetto ai grandi centri campani in quanto ai Comuni Cilentani, che sono usciti “puliti” dall’emergenza rifiuti, viene data la possibilità di conferire in discarica solo un’esigua quantità di indifferenziato.

Così, carta e penna, scrive al Governatore della Basilicata, Vito De Filippo, che non ha accettato i rifiuti di Napoli, affinché metta a disposizione di questi piccoli Comuni, ricadenti nel Parco Nazionale ed attivi nella raccolta differenziata, le discariche lucane. Il Comune di Camerota prepara realmente un referendum per lasciare la regione ed entrare in Basilicata. “Non esiste alcuna strategia per la crescita turistica del Cilento, anzi c’è chi contrasta ogni strategia” ha detto il Sindaco Troccoli, che poi ha spiegato di voler aderire al Progetto Grande Lucania, che ormai si avvale di abili promotori e di un numero crescente di aderenti.

Il Comune di Vallo della Lucania, invece, sigla un protocollo d’intesa con l’Università della Basilicata. “Questo accordo - dice il Sindaco Cobellis - ci consente una collaborazione, con la prospettiva di istituire una formazione a distanza, grazie al potenziamento di una piattaforma digitale, che consentirebbe la frequenza di corsi universitari”. Intanto ci si impegna a promuovere agevolazioni sui fitti per tutti gli studenti del Cilento che vorranno risiedere vicino all’Ateneo ed a potenziare i trasporti per favorire i collegamenti.

Un distacco, quindi, che si fa sempre meno ideale, un autentico congedo dalla Campania, dalla Napoli ingorda e dalla stessa Provincia di Salerno, troppo grande ed indifferente. Questa terra si è sentita abbandonata, tant’è che negli anni diversi Comuni, tra cui Battipaglia, Capaccio, Agropoli, Vallo, si sono candidati come sesta Provincia, sempre inutilmente. Il Cilento dà un segnale forte e lo fa proprio nel momento in cui questa Regione vive una delle sue fasi più drammatiche. Oltre all’emergenza rifiuti, ci si è imbattuti in una tempesta politica e giudiziaria che ha coinvolto alcune tra le più importanti figure istituzionali.

Al Governatore Bassolino, in qualità di ex Commissario, vengono contestati i reati di frode in pubbliche forniture, abuso d’ufficio e truffa aggravata. Il Presidente del Consiglio Regionale, Sandra Lonardo, attualmente agli arresti domiciliari, è accusata di tentata concussione, nell’ambito della stessa inchiesta in cui è coinvolto il marito, il Ministro dimissionario Clemente Mastella, indagato per concorso esterno in associazione per delinquere, concussione, abuso di ufficio e concorso in falso. Il Cilento prende le distanze da questi scandali, che non gli appartengono, che oltre tutto pregiudicano la capacità turistica di un territorio ricco di bellezze storiche e naturali. Sarà meglio probabilmente essere primi attori in Lucania che delle semplici comparse in una Campania, purtroppo, sempre meno felix.

Articoli correlati

  • Maurizio Bolognetti minacciato
    MediaWatch
    Solidarietà di PeaceLink al giornalista di Radio Radicale

    Maurizio Bolognetti minacciato

    Impegnato in una inchiesta sull’inquinamento a Ferrandina, un territorio della Basilicata in cui viene effettuato un monitoraggio ambientale, è stato fatto oggetto di minacce
    10 novembre 2018 - Associazione PeaceLink
  • PeaceLink Abruzzo

    A Maggio l'Arap chiese lo stop

    Appello delle associazioni: bloccate l’attuale procedimento, l’Ente ci comunica che in 3 mesi non ci sono state novità
    29 agosto 2018 - Arci Vasto, Cobas Chieti, Gruppo Fratino Vasto, Italia Nostra del Vastese, Stazione Ornitologica Abruzzese, Associazione Antimafie Rita Atria, PeaceLink Abruzzo
  • PeaceLink Abruzzo
    Verso l'importazione stabile dei rifiuti da fuori regione?

    Rifiuti in Abruzzo, privati subito all'attacco del nuovo Piano Regionale

    Proposta una nuova mega-discarica da ben 480.750 mc a Cupello non prevista dal Piano; le associazioni depositano durissime osservazioni alla V.I.A.
    29 agosto 2018 - PeaceLink Abruzzo, Associazione Antimafie Rita Atria, Stazione Ornitologica Abruzzese, Nuovo Senso Civico Onlus
  • Noi analizziamo l'inquinamento e tu puoi aiutarci
    Ecologia
    Basilicata

    Noi analizziamo l'inquinamento e tu puoi aiutarci

    Il tuo 5x1000 per Cova Contro
    27 aprile 2018 - Cova Contro
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.20 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)