Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Confindustria vs Vendola

Marcegaglia a Vendola: «Alla Puglia rigassificatori e ricerca»

Al confronto su «La competitività del sistema industriale italiano. Energia, infrastrutture, politica industriale» hanno partecipato, Emma Marcegaglia, vicepresidente di Confindustria, Laterza, presidente di Confindustria Bari, e Nichi Vendola, Governatore della Puglia
30 gennaio 2008
Vito Fatiguso
Fonte: Corriere del Mezzogiorno

- BARI — Da un lato il governatore della Puglia Nichi Vendola, che sul tema dell'energia ha imboccato la via del rinnovabile e del «sì» a due gasdotti, dall'altro Emma Marcegaglia, vicepresidente di Confindustria (e candidata a sostituire Luca Cordero di Montezemolo alla guida di Viale dell'Astronomia) che chiede di incentivare la produzione dal solare, eolico e biomasse, ma senza penalizzare le centrali esistenti. In sintesi: rivedere il mix di produzione, introducendo anche qualche passaggio sul nucleare, per garantire alle imprese forniture di energia a buon prezzo. Arma fondamentale per recuperare competitività sui mercati esteri.

Nella sede di Confindustria Bari, ieri, i due leader si sono confrontati su un tema che sempre più è alla base della crescita nazionale. «La Puglia ha un'idea di sviluppo della produzione energetica - ha detto Vendola - che farà della nostra regione un modello della ricerca sulle fonti rinnovabili. A tal proposito, con il ministero della Ricerca, è stato firmato un accordo per localizzate a Brindisi un polo nazionale di ricerca che attirerà i migliori progetti di sviluppo tecnologico del settore ». Un piano d'investimento da 40 milioni, divisi tra Stato e Regione (quest'ultima sta concludendo lo studio per costituire il distretto). «Siamo una nazione - ha risposto Marcegaglia - che è dipendente dal petrolio e dal gas. Quest'anno i rincari potrebbero incidere negativamente sul Pil riducendo la crescita di metà punto percentuale.

Perciò, dobbiamo discutere delle soluzioni. La Puglia ha il compito di lavorare affinché venga migliorato il sistema nazionale dell'approvvigionamento di gas. Ci vogliono numerosi gasdotti e 5-6 rigassificatori ». «Noi abbiamo già espresso un giudizio positivo sulla costruzione di due gasdotti - ha ribattuto Vendola - anche se, sino a pochi giorni fa, le stesse multinazionali ci hanno riferito che non hanno ancora a disposizione i contratti con i fornitori esteri. Ci vuole senso di reponsabilità: qualcuno mi deve spiegare perché in Germania c'è un solo rigassificatore e in Italia si chiede di realizzarne ben tredici».

«E' importante discutere apertamente di questi temi chiarisce Massimo Ferrarese, presidente di Confindustria Brindisi - purché si arrivi a realizzare gli obiettivi. Siamo in attesa di dare il via libera al raddoppio della raffineria Agip di Taranto che alimenterebbe anche la Polimeri Europe di Brindisi creando maggiore occupazione. Sui termovalorizzatori è ancora tutto fermo. Un esempio di sperpero?. Il Comune di Brindisi spende 30mila euro al mese per un impianto di Cdr non attivo». «Il rinnovabile va bene - conclude Nicola De Bartolomeo, presidente di Confindustria Puglia - ma darà frutti nel medio-lungo periodo. Alle aziende servono subito tariffe più contenute e impianti tecnologicamente avanzati. Senza autorizzazioni il Piano energetico ambientale regionale rischia di rimanere solo un'enunciazione di buoni principi».

«La Puglia - ha concluso Marcegaglia, amministratore delegato dell'omonimo gruppo industriale - è per la nostra società una regione importante. Nel 2008 contiamo di rafforzare la struttura turistica di Pugnochiuso e crearne una nuova nel Leccese, oltre a dare seguito al piano per la costruzione di sei impianti tra biostabilizzazione e temovalorizzatori». La struttura turistica salentina, a quanto pare, dovrebbe essere localizzata nella zona dei laghi Alimini dove il gruppo siderurgico avrebbe già individuato i suoli da acquistare.

Articoli correlati

  • Inquinavano e credevano in Dio
    Ecologia
    Il fervido cattolicesimo dei Riva

    Inquinavano e credevano in Dio

    E' crollato definitivamente il sistema di potere che veniva benedetto e celebrato a Pasqua e Natale in fabbrica, con generose donazioni dai Riva all'ex arcivescovo di Taranto monsignor Benigno Papa.
    11 giugno 2021 - Alessandro Marescotti
  • Taranto, cronaca di un disastro ambientale
    PeaceLink
    Relazione sul webinar di PeaceLink

    Taranto, cronaca di un disastro ambientale

    Di fronte all'inquinamento del polo industriale e in particolare dello stabilimento siderurgico vi è stata, dal 2008 in poi, una crescita della cittadinanza attiva. La società civile organizzata, supportata dai dati scientifici dell'Arpa Puglia, ha saputo contrastare lo strapotere dei Riva.
    10 giugno 2021 - Laura Tussi
  • Sentenza Ambiente Svenduto, confiscati gli impianti dell'area a caldo ILVA
    Editoriale
    Condanne durissime, condannati anche i politici

    Sentenza Ambiente Svenduto, confiscati gli impianti dell'area a caldo ILVA

    Nessuno aveva mai parlato della diossina a Taranto prima del 2005. Fummo noi a prenderci la responsabilità e i rischi di denunciarlo pubblicamente. Oggi è una grande giornata di liberazione dopo una lunga resistenza e tante vittime. Venivamo chiamati "allarmisti" ma avevamo ragione noi.
    31 maggio 2021 - Alessandro Marescotti
  • Il momento più duro
    Ecologia
    Riflessioni dopo la condanna di Nichi Vendola

    Il momento più duro

    Sono stata portavoce di Nichi nel 2005 la prima volta che si è candidato alla presidenza della Puglia. Il problema vero è che Nichi ha cercato di avere come interlocutori, e di più, come alleati, i Riva. All’epoca già sotto inchiesta. Parlava di stima reciproca.
    7 giugno 2021 - Francesca Borri
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)