Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Progetti avanzati sulle energie rinnovabili

In Puglia si studia l’addio al petrolio

Quello verde può anche diventare un grosso affare. Ne discuteranno capi di Stato e premi Nobel di tutto il mon­do al Sustainable Develop­ment Summit che si terrà a ini­zio febbraio a Delhi, perché il green business sta esplodendo in tutto il pianeta: anche a casa nostra, anche in Puglia.
Elisabetta Durante
Fonte: Il Sole 24 Ore - 29 gennaio 2008

- La nostra regione sta diventando un ve­ro laboratorio delle energie al­ternative, per salvare un am­biente di pregio, cancellare se possibile le tracce della vec­chia industria pesante, prende­re parte attiva alla "exit stra­tegy" italiana dal petrolio e ag­ganciare, politica permetten­do, il nuovo business dell'eco­nomia sostenibile. «La Puglia può diventare un'Arabia Saudi­ta delle energie rinnovabili», sostiene l'economista ameri­cano Jereniy Rifkin, intervenu­to all'inaugurazione dell’Uni­versità dell'Idrogeno nei pres­si di Bari.

In tutto questo, la ge­nerosità di madre natura ha una grande parte: senza il sole, il vento e la fertile terra di Pu­glia, non si andrebbe lontano. Ma un ruolo non trascurabi­le l'hanno anche altre risorse, di natura stavolta "immateria­le", coltivate can programmi scientifici di osservazione del­la Terra che, già molti anni fa, hanno permesso ai ricercatori pugliesi di vedere attraverso i potenti occhi dei satelliti i pri­mi segni del degrado e dell'in­quinamento. Segni che oggi vengono raccolti dal grande centro di Geodesia spaziale di Matera, grazie ai radar della missione Cosmo SkyMed, con cui giorno e notte si tiene sotto sorveglianza ogni metroqua­dro del pianeta.

Sul nostro futuro lavorano invece i supercomputer dei Centro euro-mediterraneo per il cambiamento climatico (Cmcc) di Lecce: qui, per fare previsioni sul clima, si eseguo­no oggi mille miliardi di opera­zioni al secondo ma entro due anni questa somma aumenterà di trenta volte. Solare, eolico, biogas, ma an­che idrogeno e biocombustibi­li attirano in Puglia industrie come Italgest (il cui ammini­stratore delegato Paride De Masi, pugliese, guida anche il Comitato nazionale per le fon­ti rinnovabili di Confindu­stria), Tozzi, Vestas, Siemens eccetera, oggi impegnate in progetti come la megacentrale fotovoltaica di Brindisi o il par­co eolico di Lecce. Proprio il settore del fotovoltaico per­mette di avere un'idea della rin­corsa presa dalla ricerca e dal business ambientale nel mon­do così come in Puglia.

Il pannello solare, inventato nel 1931, ha dovuto aspettare un quarto di secolo per passare da un misero 1% di efficienza al 12% raggiunto dai laboratori americani Bell sostituendo il selenio col silicio. Oggi nuove conoscenze e risultati arriva­no a getto continuo e si traduco­no rapidamente, soprattutto in Germania e Giappone, in nuo­vi prodotti industriali: ma il fotovoltaico, senza gli incentivi pubblici, non è ancora conve­niente. Troppo alti i prezzi della materia prima e della lavora­zione, mentre resta bassa l’efficienza: a un brillante 36% si ar­riva solo con i materiali semi­conduttori, così costosi che si usano solo nello spazio.

La ricerca continua: non tarderà ad arrivare sul merca­to, ad esempio, un pannello solare di nuova generazione, frutto dei rivoluzionari siste­mi di ultravuoto messia a pun­to dai fisici del Cern, mentre un consorzio di otto universi­tà britanniche sta investendo milioni di curo in nanotecno­logie per realizzare una cella fotovoltaica ultrasottile.

An­che in Italia si lavora sul nuo­vo fotovoltaico: anzi, al Natio­nal Nanotech Lab (Nnl-Cnr) di Lecce sono proprio sulla frontiera più avanzata. Si tratta di celle fotovoltai­che basate su materiali organi­ci: certo, è ancora roba da labo­ratorio, ma findustria (Tozzi) è già pronta a lavorare con il gruppo di fisici, ingegneri, chi­mici e biologi guidati da Rober­to Cingolani e Giuseppe Gigli. «Diversi sono gli stadi di matu­razione di queste tecnologie, che comprendono celle orga­niche, ibride (organiche-inor­ganiche) e dye sensitized (do­ve all'assorbimento della luce concorre una molecola di pig­mento, ndr) - spiega Gigli -. Queste ultime sono economi­che, poco inquinanti, semplici da realizzare, sottili, flessibili e durevoli e in grado già oggi di offrire gradi di efficienza del 10-12 per cento».

Articoli correlati

  • Chi volle la legge sulla diossina in Puglia
    Ecologia
    Fact checking

    Chi volle la legge sulla diossina in Puglia

    Oggi l'avvocato dell'ex presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, ha chiesto l'assoluzione del suo assistito rivendicandone i meriti ambientali, fra cui quello di aver voluto la legge regionale sulla diossina e di aver richiesto un'autorizzazione ambientale più rigorosa. E' vero o no?
    9 marzo 2021 - Alessandro Marescotti
  • Processo Ilva: pm chiede condanna a cinque anni per Vendola, l'avvocato ne chiede l'assoluzione
    Processo Ilva
    “Il governo di Vendola è stata veramente una primavera pugliese per la tutela dell’ambiente”

    Processo Ilva: pm chiede condanna a cinque anni per Vendola, l'avvocato ne chiede l'assoluzione

    “Sono sei anni che siamo in una situazione di sofferenza, sono sei anni che Vendola ha scelto di uscire dalla scena politica perché vuole prima attendere che questo processo si concluda”, ha detto oggi in aula l’avvocato Muscatiello.
    9 marzo 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • Alcune domande a Nichi Vendola sul processo ILVA
    Editoriale
    Perché non richiese alcuna indagine epidemiologica come quella commissionata dal GIP Todisco?

    Alcune domande a Nichi Vendola sul processo ILVA

    Il pubblico ministero a Taranto ha parlato di una gestione "sciagurata e criminale" dell'ILVA. Da giorni focalizza e approfondisce in modo dettagliato una lunga serie di fatti che lasciano sconcertati. Ma chi governava sapeva?
    8 febbraio 2021 - Alessandro Marescotti
  • La stima di Nichi Vendola verso Emilio Riva
    Ecologia
    La dichiarazione di Vendola è apparsa sulla rivista trimestrale "Il Ponte" nel 2011

    La stima di Nichi Vendola verso Emilio Riva

    "Chiesi ad Emilio Riva, nel mio primo incontro con lui, se fosse credente, perché al centro della nostra conversazione ci sarebbe stato il diritto alla vita. Credo che dalla durezza di quei primi incontri sia nata la stima reciproca che c’è oggi".
    24 luglio 2020 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)