Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Verso il Consiglio dei ministri. Riunione il 27 febbraio

Il Governo accelera su «Kyoto»

Per spingere le imprese a raggiungere gli obiettivi l'Esecutivo punta su deduzioni fiscali, controlli e sanzioni. Il provvedimento contiene la stretta sugli impianti industriali a forte concentrazione di anidride carbonica e potrebbe approdare, per il sì definitivo, nel Consiglio dei ministri già convocato per il 27 febbraio, ma ancora senza ordine del giorno.
23 febbraio 2008
Marco Gasparini
Fonte: Il Sole 24 Ore

- Il Governo stringe i tempi sulla riduzione dei gas a effetto serra. È infatti in dirittura d'arrivo il decreto legislativo che completa l'attuazione delle norme comunitarie sullo scambio di quote di emissione e di verifica degli obiettivi quinquennali del Protocollo di Kyoto entrati in vigore nell'Unione europea il 1 gennaio scorso.

Il provvedimento contiene la stretta sugli impianti industriali a forte concentrazione di anidride carbonica e potrebbe approdare, per il sì definitivo, nel Consiglio dei ministri già convocato per il 27 febbraio, ma ancora senza ordine del giorno. Per spingere le imprese a contenere il volume di gas l'Esecutivo gioca la carta della deducibilità, a fini fiscali, del nuovo sistema contributivo con tariffe pari a 130mila euro ogni 30 milioni di tonnellate di Co2 rilasciate. La bozza varata in via preliminare a fine dicembre ha, nel frattempo, subìto alcune modifiche che tengono conto dei pareri espressi dalle commissioni parlamentari e dalla Conferenza Stato-Regioni.

Il decreto rafforza,tra l'altro,controlli e sanzioni su una gamma di attività che comprende raffinerie, aziende di metalli, vetro, ceramiche, legnami e carta, cementificie impianti di combustione di potenza superiore a 20 Mw (esclusi quelli per lo smaltimento di rifiuti pericolosi o urbani). Lo scopo è di centrare, entro il 2012, il target di una flessione pari al 6,5% delle emissioni di Co2 rispetto ai valori registrati nel 1990. Anche per questa ragione è stata accolta la proposta della Camera di sopprimere dal testo iniziale la norma che liberalizzava lo scambio di quote inquinanti tra le imprese iscritte al registro nazionale dei gas serra. Una vera e propria banca dati delleemissioni che ora sarà affiancata da un "inventario" predisposto e gestito dall'Agenzia per la protezione dell'ambiente.

A coordinare l'intera partita degli scambi e dei controlli, affidati ai verificatori iscritti in un apposito albo, sarà il Comitato nazionale emissioni (di cui farà parte anche un rappresentante delle Regioni) istituito presso il ministero dell'Ambiente. Tra i suoi primi compiti figura quello di regolare l'eventuale assegnazione degli oneri destinati a gravare sugli impianti a più alto tasso di inquinamento. Le imprese avranno però più tempo (due mesi dall'attivazione dell'impianto) per adeguarsi ai nuovi parametri, pena l'applicazione di sanzioni pecuniarie aumentate di 100 euro per ciascuna tonnellata di biossido di carbonio emessa senza autorizzazione. Mentre i crediti derivanti dal meccanismo di sviluppo pulito ( Italian carbon Fund)
verranno trasferiti, sotto forma di debito, sulle aziende off-limits e versati sul bilancio dello Stato in base ai criteri stabiliti dall'Economia e dall'Ambiente entro due mesi dall'entrata in vigore delle nuove norme.

Articoli correlati

  • The Ilva steelworks is a climate monster
    PeaceLink English
    Letter to the Prime Minister, Prof. Giuseppe Conte

    The Ilva steelworks is a climate monster

    If we calculate the atmospheric pollution caused not just by the steelworks alone, but also by the thermoelectric plants that were built to provide it with its power needs and burn its waste gas we arrive at the conclusion that Ilva (ArcelorMittal) is the number one producer of CO2 in Italy
    4 ottobre 2019 - Associazione PeaceLink
  • L'ILVA è un climate monster
    Ecologia
    Lettera al Presidente del Consiglio

    L'ILVA è un climate monster

    E' la prima fonte di CO2 in Italia se si conteggiano anche le due centrali termoelettriche CET2 e CET3 che ricevono i gas di cokerie e altoforni, bruciandoli e liberando una quantità imponente di gas serra
    24 settembre 2019 - Associazione PeaceLink
  • L'Italia contro le rinnovabili
    Ecologia

    L'Italia contro le rinnovabili

    Al paese del sole non piacciono le rinnovabili, e le blocca. Il governo Berlusconi manda all'aria la direttiva europea sulle energie verdi. Le richieste: emissioni più alte, diritti a inquinare per le industrie
    5 dicembre 2008 - Alberto D'Argenzio
  • Industriarsi correttamente
    Ecologia

    Industriarsi correttamente

    Dalla fiera Ecomondo di Rimini riflessioni "verdi"
    3 dicembre 2008 - Andrea Aufieri
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)