Ecologia

RSS logo

Mailing-list Ecologia

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Ecologia

...

Articoli correlati

A maclodio campionamenti del terreno e delle rogge

Bonifica alla Piombifera Bresciana

Il piombo e il Pcb rilevati in uno spazio che va dagli 800 ai 1.200 metri adiacenti all’azienda, sono al di sopra della norma, come emerso da un’indagine svolta dall’Amministrazione comunale di Maclodio e confermata da ulteriori indagini operate dalla procura della Repubblica.
27 febbraio 2008 - Andrea Tortella
Fonte: Brescia Oggi

La molecola del PCB MACLODIO - Nelle scorse settimane nel comune di Maclodio si è tenuta la Conferenza dei servizi con all’ordine del giorno la patata bollente della bonifica dei terreni limitrofi alla Piombifera Bresciana.

Il piombo e il Pcb rilevati in uno spazio che va dagli 800 ai 1.200 metri adiacenti all’azienda, sono al di sopra della norma, come emerso da un’indagine svolta dall’Amministrazione comunale di Maclodio e confermata da ulteriori indagini operate dalla procura della Repubblica.

«La tutela dell’ambiente - spiega il sindaco di Maclodio Marcello Orizio - ci sta particolarmente a cuore. Siamo consapevoli delle realtà industriali presenti sul nostro territorio, ma ci preme garantire in primis i nostri cittadini rispetto a possibili casi di inquinamento. Ecco perché abbiamo avviato un indagine che ha portato a scoprire una realtà poco piacevole, peraltro supportata da inchieste parallele dell’Arpa e dell’Asl, realtà confermata anche dalla Procura».

Le azioni intraprese dalla Procura hanno consentito di porre rimedio alla questione dal punto di vista della messa a norma dell’azienda che ha speso 3 milioni di euro per migliorare l’efficienza ambientale e installare meccanismi per l’abbattimento degli inquinanti. «In questo momento l’azienda in questione - prosegue il primo cittadino - opera nel pieno rispetto delle norme previste dalla legge e questo è il primo passo verso la normalizzazione della situazione che vedrà il suo completamento con la bonifica dell’area circostante».

Il Comune ha chiesto che la Piombifera di Maclodio si faccia carico delle spese della bonifica dei campi e delle rogge contaminate attraverso un piano di caratterizzazione delle aree, approvato dagli enti preposti e vagliato in modo preciso e accurato. «Il percorso intrapreso - dice ancora Orizio - non è certamente concluso, è importante comunque che la macchina si sia messa in moto ed entro uno, massimo due anni, potremo mettere la parola fine a questa faccenda lunga vent’anni».

Il programma stilato per portare a termine la bonifica prevede ora una serie di campionamenti che l’azienda condurrà sul terreno e nelle rogge per passare poi all’operazione sicuramente più difficile, che è quella della bonifica vera e propria, viste le altre operazioni simili.

«La sensibilità dell’Amministrazione verso la tutela dell’ambiente - conclude il sindaco - non si esaurisce certo con questa operazione, tanto è vero che siamo riusciti a far sì che un’altra azienda che opera nel Comune di Maclodio, apporti una serie di nuove tecnologie che permetteranno di migliorarne il processo produttivo senza più il rischio di inquinare».

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.13 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)