Ecologia

RSS logo

Mailing-list Ecologia

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Ecologia

...

Articoli correlati

L'ultimo abitante di Craco, paese fantasma

L'emergenza ambientale di un paese dimenticato nella provincia di Matera. Si dice addirittura che il paese porti sfortuna anche solo a nominarlo, in realtà una frana l'ha svuotato dei suoi abitanti, tranne uno.
Fonte: Gazzetta del Mezzogiorno - 06 marzo 2008

Craco - Provincia "dimenticata" di Matera ROMA - E’ rimasto l’unico abitante in un paese fantasma. Antonio Duca, 39 anni, sposato, tre figli e 400 capre vive a Craco, un paese in provincia di Matera. Lì ha impiantato il suo ovile tra le vecchie case abbandonate.

«Vorrebbero cacciarmi. Dicono - afferma Antonio Duca, unico abitante di Craco - che sono un rivoluzionario. Il comune mi ha denunciato e portato in tribunale: le mie capre danneggiano le case. Allora la colpa è mia se Craco è in rovina? No, io non mi muovo».

«L'abbandono del paese - si spiega sul quotidiano La Stampa - cominciò nel 1963 dopo una frana che ne distrusse una parte. Allora c'erano quasi duemila abitanti. Il paese si svuotò lentamente e divenne deserto nel 1981. Craco è stato scelto dalle produzioni cinematografiche come set. Nel 1978 quando il regista Francesco Rosi arrivò per girare il suo 'Cristo si è fermato a Eboli' qualcuno a Craco viveva ancora».

Nel weekend i turisti arrivano a scavalcare i divieti per vedere il paese che non c'è. Il figlio del pastore fa la guida. «Guadagna qualcosa - continua Antonio Duca - lui è in gamba. Vuole fare l’avvocato».

Per far rivivere il paese il sindaco Domenico Copeti «ci vorrebbe una legge speciale e finanziamenti pubblici. Tanti soldi - continua - quanti ne richiede una legge finanziaria».

L’ex sindaco Lacicerchia invece afferma che «basterebbe metterla in sicurezza dopo una bonifica, evitare che rubino anche le tegole delle case, creare percorsi per i turisti. Gli interventi urgenti si potrebbero fare con cinque milioni di euro. Renderla di nuovo abitabile? Non ci penserei».

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)