Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Brescia: «L'aria profuma di Pcb e diossine»

Il Sito d’interesse nazionale Brescia-Caffaro. Le centraline segnalano la maggior presenza di diossine all’esterno dalla zona "contaminata", presso la scuola media Kennedy. L’OMS considera "normali" per le aree urbane le concentrazioni di diossine fino a 100 fentogrammi per metro cubo d’aria: alla Kennedy ne sono stati rilevati 200,30
21 marzo 2008

- Di solito nelle aree cittadine inquinate da diossine e Pcb c’è una contaminazione dell’aria, provocata dal risollevamento dal suolo delle polveri, che si aggiunge all’inquinamento normale derivante dagli scarichi dei veicoli, dai camini delle abitazioni e dalle ciminiere degli impianti industriali. Ebbene, se questo può consolare chi abita nei dintorni della Caffaro, in quella zona questo dato è "quasi" normale. Cioè, lo schifo composto da Pcb e diossine che si respira nel territorio più inquinato di Brescia non è molto peggio dello schifo che respirano gli altri abitanti del resto della città.

L’amministrazione di Palazzo Loggia ha investito circa 300 mila euro per monitorare la situazione dell’aria nel territorio contaminato, della quale si sapeva ben poco mentre quella al suolo è, purtroppo, ben nota.
Stando ai risultati della campagna estiva svoltasi dal 2 al 21 agosto 2007 con la collaborazione dell’Istituto Mario Negri di Milano, presentati mercoledì, la situazione dell’aria nella zona della Caffaro - se confrontata con altre località europee - è simile a quella tipica di tutte le realtà fortemente antropizzate, cioè con numerosi abitanti, molto traffico e la presenza di industrie.

Pur sapendo benissimo che le rilevazioni estive danno concentrazioni sempre più basse rispetto, per esempio, a quelle invernali, il dato viene presentato come abbastanza rassicurante o comunque "non preoccupante" dall’assessorato all’Ambiente di Ettore Brunelli. In realtà siamo solo ai primi passi visto che una valutazione è difficile non esistendo parametri standard di riferimento a livello nazionale e internazionale. Le rilevazioni perciò continueranno.

Consola il fatto che tra i 209 tipi di Pcb esistenti, sul sito sono stati trovati soprattutto quelli meno tossici. Il pericolosissimo Pcb 126-pentacloro è presente alle minori concentrazioni, contrariamente al Pcb 118-pentacloro, uno dei meno pericolosi tra i 12 Pcb dioxin like (quelli con caratteristiche simili alla diossina).

Inoltre le sei centraline di rilevamento piazzate a ridosso (due) e all’interno (quattro) del "Sito d’interesse nazionale Brescia-Caffaro", hanno individuato quantità di metalli cancerogeni come arsenico, cadmio e nichel a livelli inferiori rispetto agli obiettivi fissati per il 2010 dall’Unione europea.
I punti peggiori, dove le centraline hanno riscontrato la maggior presenza di diossine, sono uno all’esterno dalla zona contaminata, presso la scuola media Kennedy del villaggio Badia, e l’altro all’interno, in via Villa Glori.

L’Organizzazione mondiale della sanità considera "normali" per le aree urbane le concentrazioni di diossine fino a 100 fentogrammi per metro cubo d’aria (tra i 100 e i 300 è il livello d'attenzione, oltre è quello d'allarme): alla Kennedy ne sono stati rilevati 200,30, mentre in via Villa Glori, presso la sede della Quarta circoscrizione, 145,35. Invece la quantità più elevata di Pcb nell'aria è stata riscontrata senpre alla sede della Quarta (8.723,90), all'esterno del sito Caffaro in via Tebaldini a Sant’Eufemia (6.428,80) e alla cascina Ronchi di via del Dosso (5.795,85).

Articoli correlati

  • Luciana Castellina e gli ambientalisti di Taranto "poco consapevoli" sull'ILVA
    Laboratorio di scrittura
    In risposta ad un appello su Sbilanciamoci

    Luciana Castellina e gli ambientalisti di Taranto "poco consapevoli" sull'ILVA

    Si parla di "giustificata resistenza dei lavoratori (il “meglio morti per cancro che di fame” degli operai Italsider di Taranto) a chi – ambientalisti poco consapevoli – insistono per drastiche chiusure di stabilimenti senza preoccuparsi per le conseguenze sociali che possono derivarne”.
    20 ottobre 2020 - Alessandro Marescotti
  • Onore a quell'operaio ILVA che ha parlato
    Ecologia
    Come le polveri degli elettrofiltri MEEP, contenenti piombo e diossina, fecero il giro dell'Italia

    Onore a quell'operaio ILVA che ha parlato

    Ci raccontò che quelle "polveri velenose" erano state vendute e poi mescolate - da una società con tanto di partita IVA - a interiora di animali e raspi d'uva. Trasformate in palline, venivano poi rivendute come fertilizzante in tutt'Italia.
    1 giugno 2020 - Alessandro Marescotti
  • “Ilva ha venduto le polveri velenose come concimi”
    Ecologia
    Le polveri degli elettrofiltri

    “Ilva ha venduto le polveri velenose come concimi”

    Le indagini della Finanza: fatture per la vendita dei rifiuti trattenuti dai filtri ad aziende che producono fertilizzanti
    Francesco Casula e Antonio Massari
  • PeaceLink
    Si è formato sui testi di Marx ma ha poi approfondito la nonviolenza di Gandhi

    Alessandro Marescotti, una vita per l’ambiente

    Da anni è impegnato nella battaglia di informazione e denuncia del disastro sanitario e ambientale di Taranto e della sua provincia. Un impegno iniziato quando per la prima volta scoprì che l’acciaieria Ilva emetteva diossina
    Gino Martina
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)