Ecologia

RSS logo

Mailing-list Ecologia

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Ecologia

...

Articoli correlati

  • Qualcosa di più di una catena umana
    Il disastro ambientale a Taranto

    Qualcosa di più di una catena umana

    Le associazioni avevano chiesto ai cittadini di stringersi intorno al Tribunale, il 17 febbraio. Era lì anche un giornalista britannico che ne ha potuti contare tanti. E le prossime volte...
    18 febbraio 2012 - Lidia Giannotti
  • Un fattore di pericolo oppure una reale opportunità economica?
    Il rigassificatore on-shore di Trieste

    Un fattore di pericolo oppure una reale opportunità economica?

    Tavolo Tecnico UIL-VVF "Rigassificatore Trieste"
  • Nucleare e Rigassificatori senza lungaggini

    Nucleare e Rigassificatori senza lungaggini

    Decisionismo energetico. Si snelliscono le procedure per centrali e rigassificatori. Tempi rapidi per costruire gli impianti. Lo Stato avrà più potere sugli enti locali. Ecco una procedura unica sul modello dello "one step licensing"
    30 settembre 2008 - Walter Ricci
  • «Sbagliato dire no al rigassificatore di Brindisi»

    «Sbagliato dire no al rigassificatore di Brindisi»

    L'avvocato lancia la sfida all'interno del centrodestra scendendo in campo con una lista civica. Il candidato sindaco Gallone: «Mennitti non ha risolto i problemi» «Terra di Brindisi» può diventare l'antagonista dell'attuale primo cittadino. «Vogliamo un cambiamento radicale»
    27 giugno 2008 - Marcello Orlandini

Il ministro Scajola: sì ai rigassificatori

«I rigassificatori sono fondamentali perchè consentono di scegliere da dove rifornirci di gas, ai prezzi più convenienti, e al riparo da turbolenze politiche o economiche». È d’accordo anche il neoassessore regionale all’Ambiente «Problema energetico troppo importante».
10 maggio 2008
Fonte: Il Piccolo di Trieste

- Ne è convinto il ministro dello Sviluppo economico Claudio Scajola che, a poche ore dall’assunzione del mandato e dal giuramento davanti al presidente della Repubblica, inserisce la sfida del problema energetico tra le priorità della sua agenda politica. «Ho un sogno - ha spiegato il ministro in un’intervista alla Stampa -. Garantire al mio Paese, alle aziende e alle famiglie italiane energia certa, a un costo ragionevole e in condizioni di assoluta sicurezza e di rispetto dell'ambiente». E una delle strade da percorrere per centrare l’obbiettivo, chiarisce Scajola, è proprio accelerare sulla strada della realizzazione di impianti di gnl.

Parole che arrivano forti e chiare anche a Trieste e trovano perfettamente in sintonia il neo assessore regionale Vanni Lenna. «Sono sulla stessa linea del ministro Scajola - afferma il responsabile di Ambiente e Lavori pubblici -. Esiste un problema energetico dal quale dipende anche il futuro del Friuli Venezia Giulia. Una sfida troppo importante per non essere presa seriamente in considerazione. Su questo argomento, insomma, bisogna assumere delle decisioni e noi siamo pronti a farlo dopo aver analizzato nel merito i due progetti sul tappeto».
Un decisionismo che dovrà inevitabilmente fare i conti con l’opposizione delle associazioni ambientaliste. Scenario che non impensierisce tuttavia il neo assessore. «Terremo in considerazione le osservazioni di tutti,ambientalisti compresi - conclude Lenna -. Dopodichè, la politica che governa questa Regione avrà il diritto e il dovere di scegliere. Questa è la linea del presidente Tondo e io la condivido pienamente».

Nel dibattito sui rigassificatori, infine, fanno sentire la propria voce anche gli esponenti della maggioranza in consiglio provinciale. Una scelta fatta per prendere le distanze dall’assessore all’Ambiente Ondina Barduzzi che, parlando a nome della Provincia, si era schierata a favore degli impianti di gnl. «Quelle dichiarazioni devono ritenersi espresse a titolo personale - chiariscono in una nota -. Il consiglio provinciale non ha mai espresso un parere favorevole per mancanza di documentazione. Auspichiamo quindi che venga aperta quanto prima una discussione seria che affronti tutti i nodi ancora irrisolti come l’impatto ambientale e le ricadute sul territorio».

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.7 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)