Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Lite sui siti

Il Governo vuole le centrali nucleari ma nessuna regione vuole il deposito unico per le scorie radioattive

Il Governo cerca di accelerare la nascita della nuova Agenzia per il nucleare, che piloterà sia i criteri per l'"omologazione" dei siti che ospiteranno le future centrali sia i controlli tecnici e ambientali.
16 settembre 2008
Federico Rendina
Fonte: www.ilsole24ore.com - 16 settembre 2008

Senza l'accordo condiviso dalle regioni arriverà una decisione unilaterale del Governo, minaccia Palazzo Chigi. Oggi lo spinoso confronto ufficiale sul primo atto operativo del ritorno all'energia nucleare promesso dal Governo Berlusconi. Faccia a faccia tra gli assessori all'Ambiente e i manovratori del ministero dello Sviluppo e dell'Ambiente sulla prima annosissima questione da risolvere: il deposito unico per le scorie radioattive.

Problema a cui il Governo promette di dare una soluzione definitiva entro fine anno sulla base delle indicazioni di una commissione Governo-Regioni-Enea-Apat (insediata dal precedente governo di centrosinistra ma riconfermata anche dall'esecutivo in carica) chiamata ad individuare entro il 30 settembre almeno le procedure e la metodologia di selezione per realizzare il deposito dei nostri detriti nucleari.
Le premesse non sono affatto buone: una prima riunione informale ha prodotto, il 10 settembre, un sonoro altolà della Regione Puglia. Il Governo – fa sapere l'assessore pugliese all'Ecologia, Michele Losappio – ha confermato la procedura che prevede l'aut aut: in caso di mancato accordo con le regioni il deposito verrà individuato dal Governo tramite la costituenda agenzia nazionale per il nucleare.
Pericolo nucleare


«La concertazione è vanificata, e assomiglia ad un bluff» taglia corto Losappio, ipotecando seriamente il confronto ufficiale in calendario oggi. Losappio parla prima di tutto per il suo territorio. Ma argomenti "fotocopia", salvo poche varianti, sono state già abbozzate da tutti i rappresentanti regionali. Ognuno, nessuno escluso, pensa di avere ottime ragioni per vedere esonerato il proprio territorio da qualunque installazione che abbia anche lontanamente a vedere con l'elettricità da nucleare e relativa gestione delle scorie.
La Puglia «già sfiorata nel 2004 con la scelta berlusconiana di Scanzano Jonico» (il deposito lucano designato dal Governo per decreto e poi "revocato" dopo una vera sommossa popolare) in ogni caso «produce circa ottomila megawatt di energia e ne cede l'88% al resto del Paese» e dunque «dovrebbe essere perlomeno risarcita con la esclusione del suo territorio da ogni ipotesi di sito o di centrale nucleare». Comunque sia la Puglia «negherà il suo consenso nell'iter procedurale» avverte Losappio.

Il Governo cerca intanto di accelerare la nascita della nuova Agenzia per il nucleare, che piloterà sia i criteri per l'"omologazione" dei siti che ospiteranno le future centrali sia i controlli tecnici e ambientali. L'orientamento è quello di assegnare formalmente l'agenzia al ministero dell'Ambiente con un ruolo consultivo del ministero dello Sviluppo. L'Agenzia dovrebbe avere un organico di circa 300 persone, eredità delle vecchie strutture dell'Apat (Ministero Ambiente) con "rinforzi" dall'Enea. Nessun travaso invece (né di uomini né di ruoli) dalla Sogin, che continuerà a svolgere il suo ruolo di decommissioning e di attività di consulenza (retribuita) nel settore, in Italia e all'estero.
Per Sogin si parla piuttosto di un possibile spacchettamento tra le attività pubbliche di decommissioning dei nostri vecchi impianti e competenze ingegneristiche più mirate al business, in vista di una eventuale fusione con Ansaldo Nucleare, scorporata tre anni fa da Ansaldo Energia (Finmeccanica) e destinata alla quotazione all'inizio del prossimo anno.

Note: Il testo è del Sole 24 ore, la titolazione è di PeaceLink.

Articoli correlati

  • Studio delle Nazioni Unite sull'educazione al disarmo e alla non proliferazione nucleare
    Pace
    Lo studio A/57/124 è stato richiesto con risoluzione 55/33 dell'Assemblea Generale ONU 20/11/2000

    Studio delle Nazioni Unite sull'educazione al disarmo e alla non proliferazione nucleare

    Questo studio è stato presentato al primo comitato dell'Assemblea generale dell'ONU nella sua 57a sessione il 9 ottobre 2002. Nello studio si prevede che l'educazione al disarmo proietti a tutti i livelli i valori della pace, della tolleranza, della nonviolenza e del dialogo fra i popoli.
    23 marzo 2021 - Redazione PeaceLink
  • Nucleare civile e militare: una bomba!
    Disarmo
    Il trattato TPAN ha raggiunto la sua attuazione

    Nucleare civile e militare: una bomba!

    Il trattato ONU TPAN per la proibizione delle armi nucleari il 22 gennaio 2021 entra in vigore, anche se ha dei limiti perché non è stato ancora né firmato, né ratificato da nessuno dei paesi che detengono l’arma nucleare
    17 gennaio 2021 - Laura Tussi
  • Militarismo e cambiamenti climatici - The Elephant in the Living Room
    Disarmo
    il settore militare non solo inquina, ma contamina, trasfigura e rade al suolo

    Militarismo e cambiamenti climatici - The Elephant in the Living Room

    “E’ stato stimato che Il 20% di tutto il degrado ambientale nel mondo è dovuto agli eserciti e alle relative attività militari”
    31 ottobre 2019 - Rossana De Simone
  • La nuova corsa al riarmo atomico… e all’Artico
    Disarmo
    Misterioso incidente in Russia

    La nuova corsa al riarmo atomico… e all’Artico

    Un'esplosione vicino a un sito di test di missili nucleari balistici nel Mar Bianco, con rilascio di radiazioni nell'ambiente, apre inquietanti interrogativi sulle crescenti attività di riarmo nucleare e sulla parallela corsa ad appropriarsi dell'Artico
    30 agosto 2019 - Francesco Iannuzzelli
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)