Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

L'Europa chiede sanzioni "efficaci, proporzionate e dissuasive" ma il governo prevede un'ammenda che può arrivare "al massimo" a 150 mila euro

Tutela penale e ambiente: solo quindici minuti da dedicare alla direttiva europea 2008/99/CE

Nel paese delle ecomafie e dei grandi porti l’attenzione dovrebbe essere massima. Invece ci si è ridotti agli ultimi giorni, con una direttiva tenuta nel cassetto e lontana dai riflettori dei media. Mercoledì prossimo nelle Commissioni Ambiente si avranno pochi minuti per formulare un parere sulle norme preparate dal governo e trasmesse l'8 aprile alle Camere.
15 maggio 2011

Gennaio 2011, Porto Torres (Sardegna): in pochi giorni due pesanti sversamenti nel mare di petrolio e di acque contaminate

Quindici minuti: è questa la pena a cui sono stati condannati i componenti della Commissione Ambiente della Camera.

Il prossimo 18 maggio, dalle ore 14.45 alle 15.00 - a quanto pare unica riunione prevista e nell'ultimo giorno utile - dovranno formulare un parere sulle norme preparate dal governo per attuare una importante direttiva. L'Europa ha infatti preso atto dell'aumento dei comportamenti criminali (e comunque pericolosi per l'ambiente) e vuole aumentare il livello di tutela in tutti i Paesi membri, chiedendo di stabilire sanzioni "efficaci, proporzionate e dissuasive" (così si esprime la Direttiva 2008/99/CE).

Si è insomma consapevoli dell’inadeguatezza delle attuali sanzioni, considerato il pesantissimo fronte delle aggressioni e le conseguenze per l’ambiente.

Le direttive, anzi, sono due, perché in Italia si è deciso di trattare nello stesso testo anche la materia dell'inquinamento e degli scarichi da parte delle navi (attuazione della Direttiva 2009/123/CE), che se intenzionali sono ora sempre considerati reati.

PERCEZIONE DEL RISCHIO E BENI COMUNI

Le minacce sono percepite prima se incarnate da altri esseri viventi, in grado di aggredirci o sottrarci qualcosa in modo immediato e cruento. E' una reazione individuale comprensibile, collegata a meccanismi primordiali. Per una comunità, però, non difendere dalle aggressioni i beni comuni, oltre che irrazionale, può essere fatale. Nelle comunità evolute molte barriere schermano la natura, ma ciò nonostante il pensiero che il più crudele nemico di ognuno di noi possa diventare l’aria, o l’acqua ci fa giustamente tremare. Solo una sorta di prigionìa - in un modello di sviluppo in cui siamo stati collocati e che imbriglia già i nostri figli - ci fa sopportare un pensiero così terrificante e tollerare che altri esseri viventi minaccino in modo così subdolo la Terra e la nostra vita.

Al Senato, la Commissione Ambiente (che si riunirà insieme alla Commissione Giustizia) dedicherà all'argomento addirittura un'ora! Se dovessimo giudicare dai riflettori dei media e dall'intensità degli approfondimenti e dei dibattiti, dovremmo pensare che il tema sia poco importante o che manchino i problemi. Senza l'Europa forse non se ne parlerebbe nemmeno!

Ma la pena più grande per i parlamentari - oltre a quella probabilmente in quei minuti di non riuscire a sedersi - sarà dover fare i conti con la legge di delega (quella a monte, che ha dato i criteri per operare al governo: art. 19 l. 96/2010), da cui - stando alla interpretazione che ne è stata data - discende che i reati restano contravvenzionali (non entrano nel codice penale, con una serie di conseguenze, tranne due reati previsti per la prima volta in Italia per specie e aree protette).

E' paradossale, nel paese delle ecomafie, circondato da mari in cui fanno rotta petroliere e imbarcazioni di ogni genere - e ancora ricco di bellezze paesaggistiche e potenzialità turistiche - che il Parlamento non riesca a lavorare su una normativa che potrebbe segnare una svolta nella lotta all’inquinamento, secondo il legislatore europeo. La direttiva riteneva fondamentale sollecitare il senso civico delle popolazioni, accentuando il disvalore di comportamenti che danneggiano l'ambiente attraverso il carattere penale delle sanzioni. Anche realtà e amministrazioni regionali e locali avrebbero dovuto seguire la vicenda normativa con attenzione.

Oramai i termini assegnati dall'Europa per il recepimento (quantomeno per la direttiva del 2008) sono scaduti, e come altre volte (vedi d.lgs. 155/2010, in cui "entrò" una norma che sospendeva l'obbligo di non superare la concentrazione di un nanogrammo di benzo(a)pirene per metro cubo di aria), dopo anni di inerzia, a tutti viene chiesto di far finta di nulla per evitare procedure d'infrazione e le salatissime multe europee.

A quest'ultimo proposito, è bene ricordare che i meccanismi sanzionatori in Italia sono sempre deboli, e che in molti settori questa generale inefficacia e difficoltà di applicazione ha determinato sanzioni da parte della Comunità Europea.

In ogni caso la delega è stata chiara su un punto: l'ammenda per chi inquina può arrivare al massimo a "150.000 euro"!!

LA SALUTE E' SEMPRE COINVOLTA

L'ISDE (Associazione Medici per l’Ambiente), nella sua componente italiana, ha organizzato una delle poche importanti iniziative sui temi della direttiva 2008/99/CE. Nel convegno del 31 marzo a Roma – prima che lo schema normativo vedesse la luce - sono state descritte situazioni drammatiche per ogni regione del nostro paese. La salute di tutti noi ne è coinvolta attraverso l'aria, l'acqua, gli alimenti. Una novità della direttiva (spunto per altri interventi, tra cui le recenti osservazioni della Confindustria) è l'estensione della responsabilità alla società nel cui interesse è stato tenuto il comportamento lesivo (in Italia del tema si occupa il d. lgvo 231/2001).

Note: Per leggere il testo dello schema e la relazione del governo:
http://www.camera.it/682?atto=357&tipoatto=Atto&leg=16&tab=1#inizio.

Convegno Medici per l'ambiente:
http://www.isde.it/iniziative/2011/03-31-Roma/programma.htm

Osservazioni Confindustria:http://direttiveue.confindustria.it/Aree/DocumentiPub.nsf/DOCST/C4E890ECDACC709FC1257884005C9AA8?OpenDocument

Legambiente: Rapporto Ecomafie 2010 (presentazione) http://risorse.legambiente.it/docs/premessa.0000001845.pdf

Altri interventi: http://www.ilsole24ore.com/art/norme-e-tributi/2011-04-17/sulla-responsabilita-reati-ambientali-081701.shtml?uuid=Aae6AhPD

Articoli correlati

  • L'inquinamento dell'aria a Taranto: sotto accusa la cokeria ILVA
    Taranto Sociale
    I dati 2021 pubblicati recentemente da Arpa Puglia

    L'inquinamento dell'aria a Taranto: sotto accusa la cokeria ILVA

    Tra i dati che fanno riflettere c'è il benzene che è aumentato del 131% rispetto al 2019 e del 169% rispetto al 2018. Le deposizioni di benzo(a)pirene nel quartiere Tamburi sono tra le 8 e le 16 volte superiori rispetto al quartiere periferico di Talsano. I Wind Days sono stati 32.
    3 agosto 2022 - Redazione PeaceLink
  • L'inquinamento dell'aria a Roma
    Citizen science
    Democratizzazione dei dati ambientali per una "comunità monitorante"

    L'inquinamento dell'aria a Roma

    La mappa dei dati rilevati e dei modelli di previsione georeferenziati. Una panoramica degli impatti sulla salute della popolazione. Alcuni strumenti di citizen scienze per la didattica ambientale basata sul'ecologia della vita quotidiana.
    1 luglio 2022 - Redazione PeaceLink
  • La storia dell'operaio Nicola Lovecchio, sentinella della salute pubblica
    Ecologia
    Compila un elenco di 26 lavoratori affetti da tumori correlabili alle esposizioni in fabbrica

    La storia dell'operaio Nicola Lovecchio, sentinella della salute pubblica

    Questo lavoratore studia il processo produttivo dell'Enichem di Manfredonia e cerca di stabilire l’intensità dell’esposizione di ogni lavoratore nelle singole mansioni alle specifiche sostanze tossiche, raccoglie le documentazioni mediche dei sopravvissuti e dei colleghi già deceduti.
    Redazione PeaceLink
  • Un aggiornamento dei dati sui tumori infantili a Taranto
    Taranto Sociale
    L'89% dei pazienti si cura fuori delle strutture sanitarie della provincia

    Un aggiornamento dei dati sui tumori infantili a Taranto

    Si conferma un numero di casi osservati superiore al numero dei casi attesi. Coordinatrice: Lucia Bisceglia. Curatori e curatrici: Rossella Bruni, Danila Bruno, Maria Giovanna Burgio Lo Monaco, Vincenzo Coviello, Francesco Cuccaro, Ivan Rashid.
    16 dicembre 2021 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)