Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Comunicato stampa del Réseau "Sortir du Nucleaire"

Anche il network francese “ Sortir du nucleaire” si congratula per il forte messaggio lanciato dagli italiani riguardo l'annullamento dei progetti nucleari nel loro Paese.
20 giugno 2011
Réseau “Sortir du nucléaire”
Tradotto da Roberta Lomastro per PeaceLink
Fonte: www.sortirdunucleaire.org - 13 giugno 2011

vignetta sul nucleare

Berlusconi sembra non aver mai smesso di scavalcare la volontà degli italiani , dapprima ritrattando la decisione adottata nel 1987 dal governo italiano di rinunciare al nucleare e ignorando le proteste delle regioni che rifiutavano l'installazione dei siti nucleari , e in seguito, tentando di annullare il referendum , una volta compreso che non sarebbe stato a lui favorevole ; ma i risultati inequivocabili di questo weekend costituiscono un fermo richiamo all'ordine che il Primo Ministro non può più permettersi di ignorare.

I risultati del referendum segnano la fine dell'accordo tra il gruppo francese EDF e quello italiano dell'Enel , promosso nell 'aprile del 2010 all'Eliseo ,da Sarkozy e Berlusconi ; accordo che prevedeva la costruzione di almeno quattro centrali a tecnologia EPR (European Pressurized water Reactor, Reattore Europeo ad acqua Pressurizzata)in Italia . I risultati del referendum italiano rappresentano un duro colpo anche per Nicolas Sarkozy , primo VRP D'Areva all'estero ( primo costruttore di centrali nucleari all'estero ). Mentre Svizzera ,Germania e Italia voltano le spalle al nucleare , sembra giunto anche per la Francia il momento di lasciarsi alle spalle questa era e dire no al nucleare al più presto

Note: Tradotto per PeaceLink da Roberta Lomastro.
Il testo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte (PeaceLink) e l'autore della traduzione.
Tradotto da Roberta Lomastro per PeaceLink. Il testo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte (PeaceLink) e l'autore della traduzione.

Articoli correlati

  • Studio delle Nazioni Unite sull'educazione al disarmo e alla non proliferazione nucleare
    Pace
    Lo studio A/57/124 è stato richiesto con risoluzione 55/33 dell'Assemblea Generale ONU 20/11/2000

    Studio delle Nazioni Unite sull'educazione al disarmo e alla non proliferazione nucleare

    Questo studio è stato presentato al primo comitato dell'Assemblea generale dell'ONU nella sua 57a sessione il 9 ottobre 2002. Nello studio si prevede che l'educazione al disarmo proietti a tutti i livelli i valori della pace, della tolleranza, della nonviolenza e del dialogo fra i popoli.
    23 marzo 2021 - Redazione PeaceLink
  • Nucleare civile e militare: una bomba!
    Disarmo
    Il trattato TPAN ha raggiunto la sua attuazione

    Nucleare civile e militare: una bomba!

    Il trattato ONU TPAN per la proibizione delle armi nucleari il 22 gennaio 2021 entra in vigore, anche se ha dei limiti perché non è stato ancora né firmato, né ratificato da nessuno dei paesi che detengono l’arma nucleare
    17 gennaio 2021 - Laura Tussi
  • Il Cile abolisce il pinochettismo
    Latina
    Amnesty International aveva denunciato innumerevoli violazioni dei diritti umani

    Il Cile abolisce il pinochettismo

    A larghissima maggioranza i cileni hanno votato per una nuova Costituzione che sostituirà quella varata dal regime militare nel 1980. Ora spetterà all’Assemblea Costituente, entro un periodo di 12 mesi, presentare la proposta per una nuova Costituzione.
    26 ottobre 2020 - David Lifodi
  • Le dieci ragioni del nostro NO in difesa della Costituzione
    Sociale
    Referendum costituzionale sul taglio dei parlamentari del 20 e 21 settembre

    Le dieci ragioni del nostro NO in difesa della Costituzione

    Non crediamo nei finti risparmi che nascondono gli enormi sprechi della spesa militare e del finanziamento delle milizie libiche per deportare migranti
    7 settembre 2020
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)