Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Emergenza Ilva (breve rassegna stampa)

La città accerchiata

Che la vita e la salute degli abitanti di Taranto siano una priorità è l'osservazione più naturale al mondo. Ma le dichiarazioni di alcuni ministri e politici, dopo il sequestro di alcuni impianti Ilva e l'emergere di gravi responsabilità penali dell'azienda, sono sorprendenti: sembrano parlare di una città vuota, occupata e difesa abusivamente dai suoi cittadini
17 agosto 2012

 

A Taranto, i comitati di cittadini e lavoratori continuano a riunirsi in assemblee pubbliche. Anche la mattina dell'arrivo - per la prima volta - dei ministri dell'ambiente e dello sviluppo economico in città (17 agosto) saranno in una piazza del centro cittadino (piazza Maria Immacolata). Non hanno fiducia nelle istituzioni. Del resto non si aspettavano di sentire dichiarazioni indifferenti e ostili da parte di chi dovrebbe occuparsi del bene collettivo e dei più indifesi, di quei bambini ad esempio costretti a vivere in un ambiente contaminato. Hanno fiducia però nella magistratura, l'unica a non ignorare la drammatica sequenza di morti e malattie che accompagna la vita dei tarantini in questi anni.

Questa breve rassegna raccoglie alcuni articoli (ricostruzioni e opinioni) apparsi sui giornali e sul web negli ultimi giorni, dopo il sequestro cautelare degli impianti più pericolosi dell'acciaieria Ilva. Il provvedimento è stato deciso dal giudice delle indagini preliminari nell'ambito di un procedimento per reati gravissimi di cui sono imputati la proprietà e la dirigenza dell'azienda del gruppo Riva.

LA POSIZIONE DEI GIURISTI

Manifesto - Il professor Azzariti ricorda che il confronto è tra un principio fondamentale che leggiamo nella prima parte della Costituzione (il diritto alla salute e alla vita) e la libertà di iniziativa economica (art. 41 cost.); non è corretto presentare in modo diverso la vicenda del sequestro cautelare di alcuni impianti pericolosi:

http://www.ilmanifesto.it/attualita/notizie/mricN/8269/

 

LA POSIZIONE DEI PARTITI

Sole 24 Ore - http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2012-08-14/politica-divisa-strade-seguire-063633.shtml?uuid=AbcDADOG

Milano finanza - (il governo ha ventilato l'idea di adottare un decreto legge e intervenire sui provvedimenti dei magistrati):http://urlin.it/34659

LA POSIZIONE DEL GOVERNO

Agenzia Adnkronos - PASSERA (Ministro dello sviluppo economico): "il governo farà di tutto per evitare la chiusura dell'Ilva".

CLINI (Ministro dell'ambiente): "il Gip di Taranto ha assunto un provvedimento in conflitto con le autorità competenti" (si riferisce all'Autorizzazione che viene rilasciata dal Ministero dell'Ambiente, l'AIA).

Quest'ultima dichiarazione è quantomeno curiosa. Si sta parlando infatti di un provvedimento amministrativo, che, come ogni altro, in uno stato democratico non è certamente al di sopra della legge, soggiacendo al sistema di garanzie a tutela dei diritti, anche individuali, dei cittadini. Senza parlare degli illeciti che stanno emergendo, proprio riguardo alle condizioni in cui l'Autorizzazione integrata ambientale è stata emessa (su questo sito è possibile trovare materiale relativo all'AIA e alle osservazioni presentate da PeaceLink e da altre associazioni):

http://www.adnkronos.com/IGN/Daily_Life/Edicola/Ilva-Passera-Bisogna-evitare-la-chiusura-Il-Governo-fara-di-tutto_313595800508.html

Rainews24 - Dichiarazioni di CLINI sui provvedimenti di sequestro (l'Italia non sarebbe inaffidabile per gli investitori stranieri perché c'è la mafia, ma perché c'è la magistratura...):

http://www.rainews24.rai.it/it/news.php?newsid=168268

Corriere.it - I RICORSI contro il provvedimento del Giudice per le indagini preliminari:

http://www.corriere.it/cronache/12_agosto_13/ilva-ricorso-catricala_aab22b34-e51b-11e1-97d9-de28e70d5d31.shtml

Sole 24 Ore - Le reazioni al provvedimento del Giudice per le indagini preliminari, dopo che l'incarico di custode giudiziario dell'impianto sequestrato conferito al presidente dell'Ilva è stato ritenuto incompatibile dal Gip (come si è reso d'altronde evidente nel momento in cui il presidente ha annunciato ricorsi contro le decisioni del giudice e formulato frequenti critiche)

http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2012-08-13/lilva-ricorre-pronta-dialogo-214056.shtml?uuid=AbcPUAOG

 

L'AZIENDA. MANOVRE E PRESSIONI

Messaggero - Manovre e pressioni per ottenere l'Autorizzazione integrata ambientale (AIA) per l'esercizio degli impianti:

http://www.ilmessaggero.it/primopiano/cronaca/ilva_intercettazioni_corruzione_riva/notizie/214138.shtml

Sky.it - Nuove intercettazioni:

http://tg24.sky.it/tg24/cronaca/2012/08/15/ilva_intercettazioni_guardia_di_finanza_perito_corrotto_riva_archina_liberti.html

Sole 24 Ore - L'Autorizzazione per l'esercizio degli impianti (AIA) - di competenza del Ministero dell'Ambiente - e i tentativi di ammorbidire i membri della Commissione:

http://mobile.ilsole24ore.com/sole24orem/post/102?url=AbCulpOG

 

DALLA PARTE DELLA CITTA'

IL COMITATO cittadini e lavoratori liberi e pensanti: http://www.manduriaoggi.it/notizia.asp?idnews=16393

QUALCHE DETTAGLIO

Esposto dei Verdi nel 2011 per omissioni connesse al rilascio dell'AIA http://comitatopertaranto.blogspot.it/2011/07/bonelli-espone-alla-procura-sullilva.htm

QUALCHE COMMENTO

Fatto quotidiano - "Decreto Salvakiller" di Marco Travaglio: "Ma dei morti di cancro nessuno parla, in questo delirio su fantomatiche invasioni di campo dei magistrati nella sfera dell’esecutivo e menomazioni della politica industriale":

http://www.ilfattoquotidiano.it/2012/08/16/decreto-salvakiller/326663/

Articoli correlati

  • Anche 6 milioni di tonnellate di acciaio sono troppe
    Ecologia
    Produzione ILVA a Taranto

    Anche 6 milioni di tonnellate di acciaio sono troppe

    E adesso come faranno ad autorizzare 8 milioni di tonnellate/anno se già 6 mettono a rischio la salute della popolazione? Arpa Puglia, Aress e Asl fanno i calcoli ed emerge ciò che era ovvio. La VIIAS del 2019 aveva dato rischio sanitario inaccettabile a 4,7 milioni di tonnellate/anno di acciaio.
    20 maggio 2021 - Redazione PeaceLink
  • Il momento più duro
    Ecologia
    Riflessioni dopo la condanna di Nichi Vendola

    Il momento più duro

    Sono stata portavoce di Nichi nel 2005 la prima volta che si è candidato alla presidenza della Puglia. Il problema vero è che Nichi ha cercato di avere come interlocutori, e di più, come alleati, i Riva. All’epoca già sotto inchiesta. Parlava di stima reciproca.
    7 giugno 2021 - Francesca Borri
  • Dopo la sentenza Ilva, parla la città di Taranto
    Processo Ilva
    Taranto da ascoltare

    Dopo la sentenza Ilva, parla la città di Taranto

    Ascoltiamola questa città, seria, coraggiosa e competente, sempre più equilibrata di chi ha spacciato per razionale l'intollerabile (interviste di "RadioVera" del 4 giugno)
    6 giugno 2021 - Lidia Giannotti
  • Richiesta di rettifica al Fatto Quotidiano
    Ecologia
    Comunicato di PeaceLink

    Richiesta di rettifica al Fatto Quotidiano

    Oggi sul Fatto Quotidiano è apparso un articolo che attribuisce a PeaceLink un'accusa a Vendola mai formulata da PeaceLink. Si richiede pertanto pubblicamente la tempestiva rettifica.
    3 giugno 2021 - Associazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)