Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Intercettata una telefonata fra Ilva e il Presidente della Regione. Ansa rivela di una "regia di Vendola" per fare pressioni su Arpa

Una brutta giornata per Nichi Vendola

La Procura avrebbe aspettato la fine delle votazioni delle primarie per far scattare l'operazione di arresti eccellenti, alla base dei quali vi sono nuove intercettazioni in cui spunta la voce di Nichi Vendola impegnato a rassicurare l'Ilva: «Va bene, va bene - dice il governatore - noi dobbiamo fare... Ognuno fa la sua parte... E dobbiamo però sapere che... A prescindere da tutti il procedimento, le cose,
le iniziative... L'Ilva è una realtà produttiva... cui non possiamo rinunciare... E, quindi... fermo restando tutto dobbiamo vederci... dobbiamo ridare garanzie... Volevo dirglielo perchè poteva chiamare Riva e dirgli che... il presidente non si è defilato».
26 novembre 2012

La Procura ha intercettato conversazioni telefoniche fra Ilva e Vendola. Emergono le prove delle telefonate fra Archinà (già responsabile pubbliche relazioni Ilva) e il Presidente della Regione. L'ANSA ne dà un'anteprima. La Procura della Repubblica ha fatto scattare l'operazione solo oggi perché - a mio parere - ci sono questi particolari che avrebbero potuto influenzare le primarie del centrosinistra, a tutto danno di Vendola, ovviamente. Nichi Vendola

 

Le intercettazioni risalgono al luglio 2010 quando il movimento ambientalista tarantino ha datto esplodere il caso dello sforamento del benzo(a)pirene.
Il mese successivo il governo, con una mossa segreta portata a termine il 13 agosto 2010, abolisce il limite al benzo(a)pirene con il decereto legislativo 155/2010.

 

Mentre i cittadini di Taranto si mobilitavano nel 2010 contro l'inquinamento da benzo(a)pirene, ecco cosa diceva Vendola al telefono con Girolamo Archinà (pubbliche relazioni Ilva). Si riportano di seguito le rivelazioni dell'ANSA con relative trascrizioni delle frasi intercettate.

Note: ILVA: VENDOLA AD AZIENDA, NON MI SONO DEFILATO

(ANSA) - TARANTO, 26 NOV - «State tranquilli, non è che mi
sono scordato!!... Il presidente non si è defilato». È quanto
il presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, dice all'ex
direttore delle relazioni istituzioni dell'Ilva, Girolamo
Archinà, in una telefonata intercettata il 6 luglio del 2010 e
contenuta nell'ordinanza del gip di Taranto nei confronti dei
vertici dell'Ilva. (SEGUE).

GUI-MP/SCN
26-NOV-12 15:41 NNN

ILVA: VENDOLA AD AZIENDA, NON MI SONO DEFILATO (2)

(ANSA) - TARANTO, 26 NOV - Il riferimento di Vendola è,
scrive il gip, alla riunione avuta con i rappresentanti
dell'Ilva prima del suo viaggio in Cina nella quale lo stesso
Vendola - secondo quanto riferito da Archinà - si era adirato
con i vertici dell'Arpa Puglia sostenendo che non dovevano
attaccare l'Ilva.
Nella telefonata del 6 luglio, dunque - scrive il gip -
«proseguiva nel discorso con Archinà dicendo che 'col mio capo
di gabinetto... Siamo rimasti molto colpiti... Siccome ho capito
qual è la situazione... Volevo dire che... Mettiamo subito in
agenda un incontro con l'ingegnere... State tranquilli, non è
che mi sono scordatò.».
Nel corso della conversazione, scrive ancora il gip, Vendola
ribadiva questa posizione «allorquando affermava chiaramente di
non volere rinunciare a una realtà industriale qual è l'Ilva,
invitando Archinà a comunicare a Riva che lui non si era
defilato». «Va bene, va bene - dice il governatore - noi
dobbiamo fare... Ognuno fa la sua parte... E dobbiamo però
sapere che... A prescindere da tutti il procedimento, le cose,
le iniziative... L'Ilva è una realtà produttiva... cui non
possiamo rinunciare... E, quindi... fermo restando tutto
dobbiamo vederci... dobbiamo ridare garanzie... Volevo dirglielo
perchè poteva chiamare Riva e dirgli che.. il presidente non si
è defilato».
(ANSA).

GUI-MP/SCN
26-NOV-12 15:53 NNN



-----


ILVA: GIP, REGIA VENDOLA SU PRESSIONI ARPA

(ANSA) - ROMA, 26 NOV - Ci sraebbe «la regia» del
governatore della Puglia, Nichi Vendola, nelle «pressioni» per
«far fuori» il direttore generale dell'Arpa Puglia, Giorgio
Assennato, autore della relazione sulle emissioni inquinanti
prodotte dall'Ilva. Lo scrive il gip di Taranto Patrizia Todisco
nell'ordinanza d'arresto per i vertici dell'azienda.(SEGUE).

GUI-MP/BRO
26-NOV-12 16:24 NNN



ILVA:GIP, REGIA VENDOLA SU PRESSIONI ARPA (2)

(ANSA) - ROMA, 26 NOV - Nell'ordinanza il gip riporta una
telefonata del 30 giugno 2010 tra Archinà e il segretario
provinciale della Cisl di Taranto Daniela Fumarola nella quale
l'ex funzionario dell'Ilva afferma di come «l'avvocato Manna
(allora capo di gabinetto del presidente della Regione, ndr) e
l'assessore Fratoianni fossero stati incaricati dal presidente
Vendola di 'frantumare Assennatò».
In un'altra telefonata, del 2 luglio del 2010, a parlare sono
invece l'ex direttore dello stabilimento di Taranto Luigi
Capogrosso e uno degli avvocati dell'Ilva. Quest'ultimo, annota
la Guardia di finanza, «riferisce che Archinà ha avuto
contatti con il capo di gabinetto di Vendola il quale ha
riferito che sono contro Assennato e che cercheranno di farlo
fuori».
«Il complesso delle intercettazioni relative alle pressioni
sul professor Assennato - scrive il gip - è da ritenersi, oltre
ogni ragionevole dubbio, assolutamente attendibile, così come
è altrettanto evidente... che il tutto si era svolto sotto
l'attenta regia del presidente Vendola e del suo capo di
gabinetto avvocato Manna».

GUI-MP/BRO
26-NOV-12 16:40 NNN

Articoli correlati

  • Ecologia

    Siti più inquinati d'Italia: da Sentieri e Inail i numeri di drammatiche bombe sanitarie

    Taranto, Terra dei Fuochi, Brescia, Livorno, Sicilia, Bussi e tanti altri. Il quinto rapporto Sentieri e quello dell'INAIL sulle malattie professionali nei siti di interesse nazionale documentano la mappa di un’Italia avvelenata e devastata in cui aumentano le malattie più gravi
    10 marzo 2020 - Alessio Di Florio
  • Il ministro Patuanelli parla di "dieci miliardi di tonnellate" di acciaio prodotte in Italia
    Ecologia
    Il pentastellato confonde milioni per miliardi

    Il ministro Patuanelli parla di "dieci miliardi di tonnellate" di acciaio prodotte in Italia

    A proposito dell'ILVA il ministro del MISE più volte pronuncia con convinzione numeri privi di senso davanti alla telecamera di Repubblica, confondendosi in un crescendo di amenità senza capo né coda
    5 marzo 2020 - Alessandro Marescotti
  • Retroscena ILVA, oggi la firma sul nuovo contratto di affitto e vendita
    Ecologia
    Viene prevista una nuova Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA)

    Retroscena ILVA, oggi la firma sul nuovo contratto di affitto e vendita

    Il governo sposta al 2025 il termine della messa a norma degli impianti. La Corte Costituzionale aveva di fatto "chiuso un occhio" sul primo decreto salva-ILVA contando sul fatto che il completamento dell'AIA sarebbe stato compiuto nel 2015. Oggi invece vengono tollerati ben dieci anni di ritardo.
    4 marzo 2020 - Associazione PeaceLink
  • Quando la decarbonizzazione nasconde la fregatura
    Editoriale
    Il Green New Deal per l'ILVA prevede di allungare i tempi di messa a norma degli impianti

    Quando la decarbonizzazione nasconde la fregatura

    Sentirete parlare di un nuovo stabilimento siderurgico "green" per Taranto, con un nuovo piano ambientale ambizioso e all'avanguardia. Non vi fate abbindolare. Il vero scopo del nuovo piano è quello di dare altri due anni di tempo per la messa a norma degli impianti. Intanto la gente muore.
    3 marzo 2020 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.34 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)