Ecologia

RSS logo

Mailing-list Ecologia

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Ecologia

...

Articoli correlati

Prevalgono gli effetti positivi, ma va difeso

Il latte materno ha effetti quasi prodigiosi

Con il patrocinio del Garante dell'Infanzia, è stato organizzato a Faenza un convegno sul latte materno e la sua difesa. I partecipanti provengono dalle zone d'Italia più colpite dall'inquinamento industriale. Gli studi dimostrano che l'allattamento può riparare perfino i danni già prodotti dalle sostanze tossiche.
12 gennaio 2013 - Lidia Giannotti

Per il benessere anche futuro dei bambini, il latte materno è fondamentale, anche contro l'inquinamento (foto: difesalattematerno.wordpress.com)

Per la salute dei più piccoli, anche quando saranno adulti, il latte materno è fondamentale. Gli studiosi hanno scoperto che nei primi mesi di vita con l’allattamento al seno si riescono a riparare i danni già subiti a causa dell'inquinamento nel periodo prenatale, e che sarebbe utile prolungarlo il più possibile. Studiosi, medici e giovani madri hanno preso a cuore il tema con competenza e passione, concentrando gli sforzi per diffondere un’informazione adeguata a vantaggio di operatori e di genitori e per sensibilizzare chiunque possa e debba intervenire.

LATTE MATERNO CONTRO I DANNI DELL'INQUINAMENTO 

 Purtroppo, infatti, il latte materno è soggetto agli stessi rischi ai quali siamo soggetti noi esseri viventi, aggrediti da una mole impressionante di fonti di inquinamento e di sostanze tossiche presenti ovunque;  costituisce anzi un indicatore biologico di questa aggressione. Il carico chimico globale si diffonde ovunque, sostanze -  a volte farmaci – agiscono in modo invisibile, si accumulano nei tessuti adiposi delle madri, si trasferiscono per nove mesi all’embrione e al feto. Attraverso il sangue placentare, questa aggressione può interferire nella programmazione di tessuti e organi, influenzando lo sviluppo del sistema endocrino e persino del sistema nervoso centrale. Dopo i primi allarmi – se ne parlava già cinquanta anni fa - si riconoscono oggi senza alcun dubbio gli effetti drammatici dell'inquinamento. Si è passati ad esempio da un caso autismo conclamato ogni 1000 – 2000 bambini a un caso su 100, e un bambino su sei presenta problemi di dislessia. Se l’esposizione a sostanze inquinanti è nociva durante tutta l’esistenza, nel periodo prenatale la plasticità del DNA è massima: in quei mesi è fondamentale che tutto avvenga nel modo corretto.

Ma le modifiche epigenetiche sono reversibili nel primo periodo di vita. Quello che fino a qualche anno fa non si sapeva, è che il latte materno è un antidoto straordinario che riesce a riparare persino i danni già prodotti dagli inquinanti, non sostituibile in alcun modo. Bisogna intervenire ad esempio in Sicilia, dove il 70 per cento delle donne, pur abitando in zone altamente industrializzate, non viene spinto a dare latte materno ai figli, nonostante la presenza di direttive e convenzioni europee. Politici, istituzioni, medici e cittadini comuni hanno oggi tutte le informazioni per poter  intervenire a difesa della salute dei bambini e per poter esigere tutela.  L’interesse dei più piccoli - di cui abbiamo come individui adulti e come comunità in ogni momento la totale responsabilità - dovrebbe far superare ogni ostacolo, ogni pregiudizio e diffidenza, portandoci a lavorare nella stessa direzione.  

LA CAMPAGNA LANCIATA NEL 2012 E IL CONVEGNO DI FAENZA

La campagna per la difesa del latte materno fu lanciata lo scorso anno, sostenuta da numerose associazioni e presentata ufficialmente con una conferenza stampa il 19 marzo 2012 alla Camera dei Deputati, i cui atti sono di grande interesse. 

Gli effetti del latte materno (video)

Sala stampa della Camera, 19 marzo 2012. L'intervento di Ernesto Burgio (pediatra di Medici per l'ambiente) evidenzia i pericoli di contaminazione del latte materno, ma anche la capacità di riprogrammare il corretto sviluppo di organi e tessuti: http://youtu.be/Qc1fKvGYNXs

Nel Convegno organizzato a Faenza (12 gennaio 2013) - con il patrocinio del Comune e del Garante Nazionale per l'Infanzia - sul tema “Diritto ad un buon inizio col latte materno. Ma se il latte è inquinato? Consigli alle mamme e proposte alle istituzioni”, intervengono: Laura Reali (pediatra ACP – Pump, Associazione Culturale Pediatri) e le portavoci della Campagna:  Patrizia Gentilini (oncologa  dell’ISDE, Medici per l’Ambiente) e Paola Negri,  IBCLC (consulente professionale per l’allattamento) e presidente di IBFAN Italia (International Baby Food Action Network). 

Intervengono, quindi, genitori e medici da diverse zone inquinate d’Italia: da  Taranto Annamaria Moschetti (pediatra dell’Associazione Culturale Pediatri), da Venafro rappresentanti dell’associazione “Mamme per la salute e l’ambiente”, da Roma i genitori dell’associazione “Minerva p.e.l.t.i.” (associazione di genitori di bambini oncoematologici per la prevenzione e lotta ai tumori infantili), da Parma l’associazione “Futura”e da  Milano i “Genitori  antismog” (cfr. NOTE).

Note:

Il convegno di Faenza (12 dicembre 2012):
http://difesalattematerno.wordpress.com/2012/12/18/per-un-buon-inizio/

Il sito della campagna:
http://difesalattematerno.wordpress.com/

Il sito di IBCL:
http://www.allattamentoibclc.it/consulenti-ibclc-in-italia.html

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)