Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Il comunicato di Peacelink da Bruxelles

Il comunicato dopo l'incontro a Bruxelles con il Commissario europeo all'Ambiente Janez Potocnik sulla questione Ilva-Taranto
11 aprile 2014
Redazione Peacelink

battaglia, marescotti e manna a bruxelles Giovedi 10 aprile 2014 abbiamo incontrato il Commissario europeo all'Ambiente Janez Potocnik sulla questione Ilva-Taranto.

L'incontro, protrattosi per più di un'ora, ha rappresentato un importante momento di discussione e aggiornamento sulla situazione in corso a Taranto.

Il Commissario, dettagliatamente informato su tutti gli aspetti della questione, in ragione del lavoro svolto da Peacelink in questo anno, si è detto estremamente attento alle evoluzioni e preoccupato per le condizioni nelle quali versa la popolazione.

Abbiamo informato il Commissario e il suo gabinetto sui dati salienti emersi nel recentissimo convegno scientifico dei vari registri tumori tenutosi a Taranto.

Il Commissario Potocnik è rimasto colpito dagli 8811 nuovi casi di tumore registrati dalla ASL di Taranto nel triennio 2006-2008.

Questo dato equivale all'insorgenza di 8 nuovi casi di tumore al giorno a Taranto e provincia. Abbiamo sottolineato che di fronte a questi dati non si può perdere un solo giorno in più.

È stata nostra cura illustrare nuovamente al Commissario l'evoluzione del quadro legislativo permissivo nel quale opera l'Ilva ed in special modo dopo la legge 6/2014 che consente la produzione anche in presenza di accertate violazioni dell' AIA da parte dell'ente di controllo, ossia Ispra.

È stato sottolineato quanto sia carente il sistema di monitoraggio dell'inquinamento interno all'Ilva che registra valori di Ipa cancerogeni dentro la cokeria inferiori rispetto a quelli della città.

Abbiamo provocatoriamente chiesto se esista in Europa un'altra acciaieria che registri al suo interno valori di Ipa inferiori rispetto all'aria ambiente del contesto urbano. Tale domanda ha creato un comprensibile imbarazzo. Come pure sconcerto ha generato la lettura del verbale ispettivo dell'Ispra che annota come il sistema di monitoraggio in continuo (Ipa, Btex, polveri) previsto per le macchine caricatrici della cokeria sia stato posizionato sulla macchina caricatrice 6/b che risulta attualmente ferma e che è asservita alle batterie 7-8, notoriamente non in funzione. Quali valori registrerà il monitoraggio se l'impianto in questione è fermo?

In queste condizioni surreali il monitoraggio in continuo di uno dei punti più critici dello stabilimento viene vanificato, rendendo l'AIA priva del riscontro essenziale dell'efficacia degli interventi.

La nostra visita a Bruxelles ha coinciso con l'entrata in vigore in Italia della direttiva 2010/75/UE cui effetti si dispiegano a partire dall'11 aprile di quest'anno. Tale direttiva conferisce alla Commissione europea un potere di intervento e di controllo maggiore relativo all'inquinamento dovuto alle attività industriali, nel rispetto del principio "chi inquina paga".

Durante il colloquio abbiamo mostrato al Commissario il video dello spaventoso slopping registrato nella mattinata del 10 aprile alle ore 8 circa, registrato proprio mentre ci recavamo all'aeroporto di Bari.

Si allega foto dell'evento.

Per Peacelink

Antonia Battaglia
Alessandro Marescotti
Luciano Manna

slopping acciaieria 1, 10 aprile 2014 ore 8

Articoli correlati

  • Ecologia

    Siti più inquinati d'Italia: da Sentieri e Inail i numeri di drammatiche bombe sanitarie

    Taranto, Terra dei Fuochi, Brescia, Livorno, Sicilia, Bussi e tanti altri. Il quinto rapporto Sentieri e quello dell'INAIL sulle malattie professionali nei siti di interesse nazionale documentano la mappa di un’Italia avvelenata e devastata in cui aumentano le malattie più gravi
    10 marzo 2020 - Alessio Di Florio
  • Il ministro Patuanelli parla di "dieci miliardi di tonnellate" di acciaio prodotte in Italia
    Ecologia
    Il pentastellato confonde milioni per miliardi

    Il ministro Patuanelli parla di "dieci miliardi di tonnellate" di acciaio prodotte in Italia

    A proposito dell'ILVA il ministro del MISE più volte pronuncia con convinzione numeri privi di senso davanti alla telecamera di Repubblica, confondendosi in un crescendo di amenità senza capo né coda
    5 marzo 2020 - Alessandro Marescotti
  • Retroscena ILVA, oggi la firma sul nuovo contratto di affitto e vendita
    Ecologia
    Viene prevista una nuova Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA)

    Retroscena ILVA, oggi la firma sul nuovo contratto di affitto e vendita

    Il governo sposta al 2025 il termine della messa a norma degli impianti. La Corte Costituzionale aveva di fatto "chiuso un occhio" sul primo decreto salva-ILVA contando sul fatto che il completamento dell'AIA sarebbe stato compiuto nel 2015. Oggi invece vengono tollerati ben dieci anni di ritardo.
    4 marzo 2020 - Associazione PeaceLink
  • Quando la decarbonizzazione nasconde la fregatura
    Editoriale
    Il Green New Deal per l'ILVA prevede di allungare i tempi di messa a norma degli impianti

    Quando la decarbonizzazione nasconde la fregatura

    Sentirete parlare di un nuovo stabilimento siderurgico "green" per Taranto, con un nuovo piano ambientale ambizioso e all'avanguardia. Non vi fate abbindolare. Il vero scopo del nuovo piano è quello di dare altri due anni di tempo per la messa a norma degli impianti. Intanto la gente muore.
    3 marzo 2020 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.34 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)