Ecologia

RSS logo

Mailing-list Ecologia

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Ecologia

...

Articoli correlati

Multa milionaria per il colosso del ferro

La Vale condannata a pagare 804 milioni di reais per incidenti sul lavoro

La multinazionale brasiliana accusata dai giudici di "aumentare i suoi profitti a costo degli infortuni dei lavoratori"
11 giugno 2015 - Beatrice Ruscio
Fonte: Justiça nos Trilhos http://www.justicanostrilhos.org/Vale-e-condenada-a-pagar-R-804
"Vale é condenada a pagar R$ 804 milhões por acidentes de trabalho"
Reporter Brasil http://reporterbrasil.org.br/2015/06/vale-e-condenada-em-800-milhoes-por-acidentes-de-trabalho/ - 10 giugno 2015

Un dipendente della Vale stava effettuando delle riparazioni in una ferrovia quando è stato schiacciato da un vagone che, dopo aver perso controllo gli è andato addosso. I suoi organi sono stati schiacciati e ha subito diverse fratture del bacino. Dopo l'incidente, nel 2004, ha subito numerosi interventi chirurgici, gli è stata inserita una protesi peniena e ora ha bisogno di rimuovere l'urina con una sonda ogni 30 minuti.

Come lui, più di 2000 dipendenti della Vale hanno subito gravi incidenti nel complesso della regione di Carajás dall'anno 2000. L'alta frequenza di casi come questo ha catturato l'attenzione della Giustizia del Lavoro, che ha condannato la Vale a pagare 804 milioni di reais. La decisione è del giudice Jônatas Andrade, della Seconda Corte Federale del Lavoro nel municipio di Marabá. È stato presentato ricorso contro la decisione del magistrato.

Questo complesso è il più grande della società mineraria, che a sua volta è la maggiore produttrice al mondo di minerale di ferro. Il ferro preso dal sud-est del Pará viene trasportato lungo la ferrovia della Vale fino al porto di São Luis, capitale del Maranhão. È stato in questo complesso che cinque lavoratori assunti direttamente dalla società sono morti e 1.018 sono rimasti feriti dal 2000. Il giudice ha inoltre stimato che i dipendenti di aziende fornitrici (in outsourcing), che offrivano servizi alla Vale, avrebbero subito 1.362 incidenti, sette dei quali con vittime.

Il numero di incidenti, secondo il giudice, mostra la "grave violazione delle norme di base e fondamentali di sicurezza, salute e medicina del lavoro". Non si tratterebbe di casi isolati, come sostiene la società nella sua difesa contenuta nella sentenza, ma di un ampio processo di disprezzo per le norme fondamentali di sicurezza. Due esempi sono la mancanza di illuminazione per le attività che devono essere svolte all'alba e barriere di sicurezza per evitare la caduta di dipendenti in mare.

Il giudice ha anche affermato che la società avrebbe aumentato i suoi profitti "a costo degli infortuni dei lavoratori". Infine, il giudice afferma che la società avrebbe alterato e soppresso documenti consegnati al Ministero del Lavoro durante l'inchiesta, il cosiddetto "contenzioso in mala fede".

La Vale non ha voluto commentare la decisione e gli incidenti prima della notifica da parte della Corte.

Dieci milioni: un valore “infimo”

Nel caso di un incidente che poteva essere evitato adottando misure semplici, a parere del giudice, Thiago Santos Cardoso è stato investito da un camion in mezzo della Vale all'alba. Lì non c'era alcuna illuminazione a parte le luci dell'escavatore e dei camion.

La morte di Cardoso è stata la base della prima azione del MPT (Pubblico Ministero del Lavoro) del Pará sugli incidenti nel complesso, realizzata nel 2009. Da allora, altri casi sono stati riuniti per l'inchiesta. Tra questi c'è quello di Lusivan Pires, operaio del porto di São Luís. È stato sollevato da un verricello che doveva trasportare i carichi alle navi, ha subito l'amputazione di un braccio ed è morto sul posto.

Davanti al numero e alla gravità dei casi, la richiesta iniziale da parte del Ministero del Lavoro, 10 milioni di reais di indennizzazione, è stata quindi considerata "troppo bassa" e "sproporzionata" da parte del giudice. "L'atteggiamento [della Vale] mina il senso della dignità, avendo impatti sulla comunità e causando gravi danni alla società", dice la sentenza.

Secondo il magistrato, anche con il significativo aumento del valore delle azioni, la situazione economica della Vale è salvaguardata. Una multa di 804 milioni rappresenta poco più dell'8% del profitto totale dell'azienda solo nel 2009, anno al quale si riferisce l'inchiesta del MPT, quando l'azienda ha guadagnato 10 miliardi di reais.

Note:

Tradotto da Beatrice Ruscio per PeaceLink . Il testo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte (PeaceLink) e l'autore della traduzione.
N.d.T.: Titolo originale "Vale é condenada a pagar R$ 804 milhões por acidentes de trabalho"
Occhiello e sommario sono a cura della traduttrice.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)