Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

La Prefettura di Vitória multa la Vale per 34 milioni di Reais

Anche Arcelor Mittal è stata multata; le Imprese sono accusate di aver inquinato l'area del porto e pagheranno in totale 68,4 milioni di Reais.
21 febbraio 2016
Tradotto da per PeaceLink
Fonte: Brasil de Fato http://www.brasildefato.com.br/node/34000 - 26 gennaio 2016

Responsabili per l'emissione di "polvere nera" nel porto di Tubarão a Vitória (Stato di Espírito Santo), le società Vale e Arcellor Mittal sono state multate dalla Prefettura per 34,2 milioni di Reais ciascuna, per un totale di 68,4 milioni di Reais. A causa della "polvere nera", la Polizia Federale ha sospeso le attività delle due società nella zona.

Le polveri disperse in mare e nell'aria derivano dalla emissione del minerale di ferro nella baia di Espírito Santo. Il Porto di Tubarão è il più grande porto di esportazione e movimentazione di minerale in tutto il mondo.
Le multe per reati ambientali nella città avevano un valore massimo di 77.000 Reais, tetto che è stato recentemente modificato. Il limite è stato cambiato grazie al decreto n. 16.590, che prevede ora valori fino a 50 milioni di Reais, pubblicato il giorno 18 gennaio.
In un'intervista al sito web dell'amministrazione comunale di Vitória, il segretario comunale per l'ambiente, Luiz Emanuel Zouain ha sottolineato che verranno "puniti gli inquinatori se sarà necessario. Applichiamo queste multe perché gli impatti ambientali sono chiari e la nostra indagine ha rilevato i fatti sul posto", ha dichiarato.

Sostanza
Il residuo di minerale conosciuto come "polvere nera" è un problema per la città, secondo i vari racconti presenti sui social network. Tra le principali denunce ci sono difficoltà respiratorie, prurito al naso e lo sporco in eccesso trovato in casa.
Lo studente di Radio e TV, João Vitor Passos, di 20 anni, riferisce che ci sono diverse difficoltà dovute all'inquinamento. "Per dare un'idea, se si passa il panno a casa, dopo cinque minuti è di nuovo sporco", ha detto lo studente che vive più di 7 km dal porto di Tubarão.
Passos ha spiegato che non si può dire esattamente quando il problema con la polvere ha avuto inizio, ma che da lungo tempo ne soffre gli effetti. "Per me sempre c'è sempre stato [il problema]."

Risposta
Le imprese segnalano in un comunicato che sono già state informate riguardo la multa da parte del Ministero dell'Ambiente di Vitória (Semmam) e che valuteranno le informazioni.
La Vale ha aggiunto che sta lavorando e investendo nei loro sistemi di controllo ambientale e che sta rispettando "rigorosamente" le normative ambientali vigenti.

Note: Traduzione dell'articolo 'Prefeitura de Vitória multa Vale em R$ 34 milhões. Arcellor Mittal também foi multada; Empresas são acusadas de poluir área de porto e pagarão juntas um total de R$ 68,4 milhões'. Articolo originale su Brasil de fato http://www.brasildefato.com.br/node/34000

Articoli correlati

  • Non un solo grammo di diossina verrà bonificato a Taranto
    Editoriale
    La beffa: gli animali si sono contaminati su terreni "a norma" in base all'ultimo decreto

    Non un solo grammo di diossina verrà bonificato a Taranto

    Avrete letto sui giornali che ripartono le bonifiche. E' un trionfalismo fuori luogo perché con un decreto del Ministero dell'ambiente viene fissato il limite della diossina per i terreni di pascolo a 6 ng/kg ma le pecore e le capre si sono contaminate con livelli di contaminazione inferiore.
    9 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti
  • Nove dirigenti ILVA indagati per la morte di un bambino di Taranto
    Processo Ilva
    Il padre Mauro Zaratta: "Mio figlio aveva il diritto di nascere sano, di giocare, di crescere"

    Nove dirigenti ILVA indagati per la morte di un bambino di Taranto

    Per la procura di Taranto, sono state le emissioni velenose dell’ex Ilva a causare la morte del piccolo Lorenzo Zaratta avvenuta il 30 luglio 2014 per un tumore al cervello. Per i pm, le emissioni avrebbero causato “una grave malattia durante il periodo in cui era allo stato fetale”.
    15 gennaio 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • Frammentazione del DNA dello sperma: un marker precoce e affidabile dell'inquinamento atmosferico
    Ecologia
    Ricerca sui lavoratori ILVA di Taranto e sui cittadini esposti all'inquinamento

    Frammentazione del DNA dello sperma: un marker precoce e affidabile dell'inquinamento atmosferico

    I risultati della ricerca dimostrano che sia i lavoratori dell'acciaieria sia i pazienti che vivono in un'area altamente inquinata mostrano una percentuale media di frammentazione del DNA dello sperma superiore al 30%, evidenziando un evidente danno allo sperma
    5 gennaio 2021
  • Egregio Presidente Giuseppe Conte, adesso dovrebbe bastare, non crede?
    Taranto Sociale
    Appello inviato ogni sabato dall'8 giugno 2020

    Egregio Presidente Giuseppe Conte, adesso dovrebbe bastare, non crede?

    Taranto chiede alle istituzioni soluzioni concrete al problema inquinamento e lo fa con determinazione. Questo appello è stato sottoscritto già da oltre settemila tarantini e non solo e sarà inviato con le nuove sottoscrizioni ogni sabato fino ad ottenere risultati verificabili.
    8 gennaio 2021 - Fulvia Gravame
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)