Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Una valle fertile e splendida a due passi da Roma

Il processo per l'inquinamento della Valle del Sacco

Gli sversamenti di sostanze chimiche nel fiume Sacco, tra Roma e Frosinone, hanno colpito un territorio già segnato dalla presenza dell'industria bellica
8 novembre 2015

La Valle dove scorre il fiume Sacco tra Roma e Frosinone

Tribunale di Velletri (Roma).  Il 22 ottobre scorso il Giudice ha respinto le eccezioni di prescrizione.  C'è ancora tempo quindi per perseguire i reati contestati.

Ricordiamo che il gravissimo inquinamento industriale nei comuni della Valle del Sacco (in provincia di Roma e di Frosinone) ha contaminato persino il sangue di una parte dei cittadini residenti, in cui è presente beta-HCH  (betaesaclorocicloesano), principio attivo del Lindano proveniente dalla Caffaro. Soltanto alla fine del 2004 fu rilevata la contaminazione del latte prodotto nella zona e si compresero le dimensioni enormi dei danni prodotti all'ambiente e alla popolazione, attraverso l'inquinamento degli alimenti e la colpevole indifferenza per decenni di aziende e amministrazioni.

Nel 2011 sono stati rinviati a giudizio l'ex direttore dello stabilimento industriale della Caffaro, l'ex direttore della Centrale del Latte di Roma, il legale rappresentante e il direttore tecnico del consorzio Csc, che gestiva lo scarico delle acque della zona industriale di Colleferro. 

Ma ora gli avvocati degli imputati sollevano una questione di costituzionalità che potrebbe far sospendere il processo.

Se il Giudice riterrà attendibili le motivazioni addotte dalla difesa, la questione potrebbe essere sottoposta al vaglio della Corte Costituzionale, che dovrebbe allora valutare la legittimità dell’art. 157, comma 6, della Legge 251/2005 (conosciuta come "ex Cirielli"), che ha ridotto i termini di prescrizione di molti reati ma li ha raddoppiati per i reati di disastro (artt. 416 e 417 cpp.).  Si dovrà attendere ora l'udienza del 19 novembre.

Leggi il comunicato della Rete per la Tutela della Valle del Sacco, costituitasi parte civile nel processo  

http://www.retuvasa.org/comunicato-stampa/processo-valle-del-sacco-la-difesa-ci-prova-ancora#.Vj3GIm3X3Kg.facebook

Segui anche il Coordinamento Nazionale Siti Contaminati su facebook:

https://www.facebook.com/groups/coordinamento.cnsc/?fref=ts


Note: Per saperne di più:

ottobre 2015: http://www.cronachecittadine.it/processo-valle-del-sacco-giovedi-22-ottobre-la-prossima-udienza-retuvasa-tutti-assolti-per-prescrizione/

febbraio 2014: http://www.massimilianoiervolino.it/articoli/203-dossier-sulla-valle-del-sacco.html

ottobre 2012: http://www.romatoday.it/cronaca/inquinamento-colleferro.html

marzo 2009: http://www.repubblica.it/2009/03/sezioni/ambiente/valle-sacco/valle-sacco/valle-sacco.html


Articoli correlati

  • "L'onda nera nel Lambro"
    Cultura
    Recensione del libro di inchiesta di Marco Fraceti

    "L'onda nera nel Lambro"

    Il caso Lombarda Petroli e lo sversamento di idrocarburi del 2010 nel fiume Lambro. Prefazione di Vittorio Agnoletto. Mimesis Edizioni, collana Eterotopie.
    15 agosto 2020 - Laura Tussi
  • Nel Green New Deal c’è la chiave per porre definitivamente fine alle guerre
    Disarmo
    Oggi gli USA spendono settanta miliardi di dollari l’anno per guerre senza fine

    Nel Green New Deal c’è la chiave per porre definitivamente fine alle guerre

    Convertire l’intera rete energetica in energia rinnovabile costerebbe quasi duemila miliardi di dollari in meno delle guerre contro l’Iraq e l’Afganistan.
    13 maggio 2020 - Lindsay Koshgarian
  • Disastro ambientale nell’Artico
    Ecologia
    A rischio la rete dei fiumi siberiani

    Disastro ambientale nell’Artico

    Dichiarato da Putin lo stato di emergenza. Ci vorranno decenni per sanificare il fiume Ambarnaja, nella Siberia centrale. L'area delle città Norilsk era già considerata una delle più inquinate della Russia per via delle attività estrattive.
    4 giugno 2020 - Redazione PeaceLink
  • Ecologia

    Siti più inquinati d'Italia: da Sentieri e Inail i numeri di drammatiche bombe sanitarie

    Taranto, Terra dei Fuochi, Brescia, Livorno, Sicilia, Bussi e tanti altri. Il quinto rapporto Sentieri e quello dell'INAIL sulle malattie professionali nei siti di interesse nazionale documentano la mappa di un’Italia avvelenata e devastata in cui aumentano le malattie più gravi
    10 marzo 2020 - Alessio Di Florio
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)