Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Taranto

"Giallo diossina". Mancano i dati deposimetri ILVA sul sito del Ministero dell'Ambiente

Lettera urgente al Ministro Galletti
26 febbraio 2016
Redazione Peacelink


Pericolo diossina Al Ministro dell'Ambiente
Gian Luca Galletti

Oggetto: diossina, richiesta urgente dati mancanti

 

Gentile Ministro,
vogliamo conoscere urgentemente i rapporti di prova con le analisi relative ai controlli sulle deposizioni della diossina. Sono analisi che ILVA dovrebbe aver già effettuato e che non sono attualmente pubbliche.

Vogliamo che siano resi pubblici perché da essi dipende la salute della popolazione di Taranto.

Gentile Ministro, tutti dovrebbero poter conoscere quanta diossina ricade sulla città di Taranto, sui suoi terreni e sui suoi pascoli.

In questi mesi ci sono giunti preoccupanti filmati di pecore che pascolavano attorno alla zona dell'Ipercoop (a 6 chilometri da ILVA) e ad altri luoghi dove è stato imposto dalla Regione Puglia il divieto di pascolo per la contaminazione di diossina. Il divieto di pascolo libero su aree incolte riguarda un raggio di 20 chilometri dall'ILVA. Assieme alle pecore sono state filmate rotoballe destinate all'allevamento degli animali, con il camino E312 dell'ILVA ben visibile sullo sfondo, a circa due chilometri.

Sul sito di PeaceLink abbiamo deciso di mettere a Sua disposizione il filmato girato il 22 dicembre 2015 dove sono visibili pecore e rotoballe di fieno in luoghi contaminati da diossina.

In questa situazione di controlli allentati e carenti ci siamo chiesti se la salute dei cittadini fosse nuovamente in pericolo.
E lo chiediamo a Lei, signor Ministro. Abbiamo consultato il sito del Ministero dell'Ambiente. E abbiamo scoperto che mancano proprio i dati sulla diossina che dovrebbero essere raccolti nel Piano Monitoraggio e Controllo dell'AIA Ilva, relativamente alla rete dei deposimetri. In parole povere ad oggi non possiamo conoscere quanta diossina ricade sul suolo.

Con grande stupore e preoccupazione ci siamo attivati nelle scorse settimane per colmare tale vuoto di informazione.

Ci siamo rivolti a Ministero dell'Ambiente per chiedere spiegazioni e acquisire i dati più recenti.

In data 27 gennaio 2016 PeaceLink ha richiesto i dati di deposizione atmosferica della diossina al Ministro dell'Ambiente e all'ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale) ricevendo una risposta insoddisfacente in data 12 febbraio 2016.

Infatti il Ministero dell'Ambiente, tramite l'ISPRA, ha sostanzialmente detto di rivolgerci all'ARPA Puglia.

Ma tale risposta non è idonea alla nostra domanda che chiedeva i dati che ILVA raccoglie sulla diossina e che ILVA deve trasmettere al Ministero dell'Ambiente tramite la sua struttura commissariale.

Infatti ILVA effettua - parallelamente all'ARPA - delle proprie analisi sulle deposizioni di diossina nell'ambito dei controlli periodici previsti dall'AIA (Autorizzazione Integrata Ambientale). Pecore nei terreni di pascolo interdetti

Di tali analisi - di cui non si trova traccia sul sito del Ministero dell'Ambiente - noi chiediamo conto a Lei.

Arpa, da noi contattata già sui dati mancanti, aveva risposto in data 10 febbraio 2016 che i dati della diossina li attendeva da ILVA.

La situazione ci sembra inquietante: mancano i dati delle deposizioni della diossina effettuati da ILVA e fino a ora la struttura commissariale non ha reso pubblici tali dati: perché?

PeaceLink a questo punto Le chiede direttamente di chiarire il "giallo" dei dati mancanti.

Con quei dati sulla diossina possiamo infatti capire se quelle pecore, ritratte nei filmati che abbiamo pubblicato e che sono a Sua disposizione, si stanno contaminando nuovamente, in considerazione del fatto che la diossina è un inquinante persistente nel tempo e che si accumula sui terreni e nell'organismo.

Il filmato è qui: http://www.peacelink.it/ecologia/a/42818.html
Si allegano le risposte di ISPRA (Ministero dell'Ambiente) e di Arpa Puglia.

 

Per PeaceLink

Antonia Battaglia
Fulvia Gravame
Luciano Manna
Alessandro Marescotti

 

--- PEC spedite da PeaceLink e risposte ricevute ---

A ISPRA E MINISTERO
mercoledì 27 gennaio 2016 - 11:18
L'Associazione PeaceLink richiede i files dei dati dei deposimetri (deposizioni atmosferiche) Ilva relativi alla diossina. Tali deposimetri sono stati collocati in diversi punti, anche all'esterno del perimetro Ilva di Taranto. Essi sono previsti nell'ambito dell'Aia, ma non siamo riusciti a trovare i dati nel sito Ispra.

RISPOSTA DI PROTOCOLLO ISPRA (pdf in allegato)
venerdì 12 febbraio 2016 - 13:49


A ARPA PUGLIA
mercoledì 27 gennaio 2016 - 12:29
Spett.le Arpa Puglia, al fine di comprendere al meglio le risultanze dei controlli ambientali condotti da Ilva vi chiediamo di sapere se, oltre alle analisi deposizioni atmosferiche di competenza Arpa Puglia, il gestore Ilva abbia, nelle competenze del suo monitoraggio interno il controllo di sistemi di deposimetri e conseguenti analisi inviate all'ente di controllo Ispra.

RISPOSTA ARPA PUGLIA
mercoledì 10 febbraio 2016 - 11:41
Gentile sig. Manna,
in merito alla Sua istanza prot. 5632 del 28/01/2016, avente ad oggetto “Deposizioni atmosferiche ILVA”, si comunica che in effetti, ILVA svolge, in adempimento alle prescrizioni AIA, campionamenti deposimetrici nelle stesse postazioni dove sono ubicate le centraline di monitoraggio della qualità dell'aria della rete ILVA. Le analisi sono effettuate da ILVA, che ci ha fatto sapere di avere completato quelle relative all'anno 2015, i cui risultati saranno consegnati a breve.

Cordiali saluti.
Dott. Roberto Giua

Allegati

  • RISPOSTA DI PROTOCOLLO ISPRA

    Ispra
    Fonte: Ispra
    1522 Kb - Formato pdf
    RISPOSTA DI PROTOCOLLO ISPRA

    Licenza: CC Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0

Articoli correlati

  • Ecologia

    Siti più inquinati d'Italia: da Sentieri e Inail i numeri di drammatiche bombe sanitarie

    Taranto, Terra dei Fuochi, Brescia, Livorno, Sicilia, Bussi e tanti altri. Il quinto rapporto Sentieri e quello dell'INAIL sulle malattie professionali nei siti di interesse nazionale documentano la mappa di un’Italia avvelenata e devastata in cui aumentano le malattie più gravi
    10 marzo 2020 - Alessio Di Florio
  • Il ministro Patuanelli parla di "dieci miliardi di tonnellate" di acciaio prodotte in Italia
    Ecologia
    Il pentastellato confonde milioni per miliardi

    Il ministro Patuanelli parla di "dieci miliardi di tonnellate" di acciaio prodotte in Italia

    A proposito dell'ILVA il ministro del MISE più volte pronuncia con convinzione numeri privi di senso davanti alla telecamera di Repubblica, confondendosi in un crescendo di amenità senza capo né coda
    5 marzo 2020 - Alessandro Marescotti
  • Retroscena ILVA, oggi la firma sul nuovo contratto di affitto e vendita
    Ecologia
    Viene prevista una nuova Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA)

    Retroscena ILVA, oggi la firma sul nuovo contratto di affitto e vendita

    Il governo sposta al 2025 il termine della messa a norma degli impianti. La Corte Costituzionale aveva di fatto "chiuso un occhio" sul primo decreto salva-ILVA contando sul fatto che il completamento dell'AIA sarebbe stato compiuto nel 2015. Oggi invece vengono tollerati ben dieci anni di ritardo.
    4 marzo 2020 - Associazione PeaceLink
  • Quando la decarbonizzazione nasconde la fregatura
    Editoriale
    Il Green New Deal per l'ILVA prevede di allungare i tempi di messa a norma degli impianti

    Quando la decarbonizzazione nasconde la fregatura

    Sentirete parlare di un nuovo stabilimento siderurgico "green" per Taranto, con un nuovo piano ambientale ambizioso e all'avanguardia. Non vi fate abbindolare. Il vero scopo del nuovo piano è quello di dare altri due anni di tempo per la messa a norma degli impianti. Intanto la gente muore.
    3 marzo 2020 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.34 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)